Persone

Vasco Errani

Vasco Errani è nato il 17 maggio del 1955 a Massa Lombarda (RA) ed è stato Presidente della Regione Emilia Romagna (dal 3 marzo 1999 all'8 luglio 2014) e Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome (dal 13 maggio 2005 al 31 luglio 2014).

Dal 1 settembre del 2016 ricopre il ruolo di Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione nei territori colpiti dal terremoto del 24 agosto dopo aver essere stato

Commissario delegato per l'attuazione degli interventi sui territori emiliani colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 .

Errani ha iniziato la sua carriera politica nel Pci fin dal 1983, venendo eletto consigliere comunale a Ravenna, carica che ha mantenuto fino al 1995, ricoprendo anche (tra il 1992 e il 1993) la funzione di assessore alle Attività Economiche.

Nel 1995 Vasco Errani viene eletto per la prima volta al Consiglio Regionale, assumendo l'incarico di consigliere alla Presidenza, ruolo che ha mantenuto fino al 1996. L’anno successivo è stato nominato assessore regionale al Turismo, mentre nel 1999 il Consiglio lo sceglie come Presidente della Regione.

Nel 2000, al termine delle prime elezioni dirette, Vasco Errani viene confermato dagli elettori come Presidente della Regione Emilia Romagna. Nuovamente Governatore nel 2005 e nel 2010, Errani viene successivamente nominato presidente della Conferenza dei Presidenti delle Regioni nel 2005, dopo esserne stato Vicepresidente fin dal 2000.

Nel luglio del 2014 - in seguito ad una condanna in appello per falso ideologico ad un anno di reclusione (condanna sospesa con la condizionale) per una vicenda connessa con la concessione di contributi "facili" erogati dalla regione alla cooperativa «Terremerse» - Vasco Errano si è dimesso dalla presidenza regionale, riservandosi di presentare ricorso in Cassazione. Dopo un processo bis in Appello il 21 giugno 2016 il politico è stato assolto dal reato .

E' sposato ed ha una figlia.

Ultimo aggiornamento 01 settembre 2016

Ultime notizie su Vasco Errani
    • News24

    Addio di Pirozzi alla «sua» Amatrice, il sindaco resta in consiglio regionale

    Sergio Pirozzi chiude con un anno di anticipo la sua carriera da sindaco di Amatrice (Rieti). Le date, per l'ormai ex sindaco della lista dello "Scarpone" (creata in occasione delle scorse regionali), hanno un significato. E non a caso, la sua uscita di scena coincide con il giorno in cui, nel

    – di A. Gagliardi e A. Marini

    • News24

    Gruppo misto, bacino di «riserva» per governi di minoranza

    Quello misto è il primo gruppo ad aver subito uno "scossone" in questo scorcio di legislatura. Partito con 36 membri, è sceso a quota 22 dopo la deroga concessa dall'Ufficio di presidenza della Camera alla costituzione del gruppo autonomo di Liberi e uguali (contava su 14 deputati, per regolamento

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Senato, domani via alla Commissione speciale. M5S punta a Lezzi presidente

    In attesa che si costituiscano le nuove commissioni permanenti, il Movimento Cinque Stelle punta a guidare la Commissione speciale per gli atti urgenti del Governo. Si tratta dell'organismo temporaneo convocato dai capigruppo di Palazzo Madama per esaminare i provvedimenti rimasti in sospeso con la

    – di V.N.

    • News24

    Alla Camera eletti i vicepresidenti. Pd fuori dai questori

    L'Aula della Camera ha eletto i componenti dell'Ufficio di presidenza di Montecitorio. I vicepresidenti sono: Mara Carfagna (Fi), Maria Edera Spadoni (M5S), Lorenzo Fontana (Lega) e Ettore Rosato (Pd). I questori sono Riccardo Fraccaro (M5S), Gregorio Fontana (Fi) ed Edmondo Cirielli (Fdi). «Con

    – di N. Barone e A. Gagliardi

    • News24

    Fedeli e Binetti le prime senatrici a registrarsi

    La prima senatrice a registrarsi per la XVIII legislatura è stata la ministra dell'istruzione Valeria Fedeli al suo secondo mandato. Subito dopo è la volta di Paola Binetti, per la seconda volta senatrice, dopo due mandati alla Camera. E' stata eletta nella lista NcI-Udc nella circoscrizione Lazio.

    – di Nicoletta Cottone

    • News24

    Elezioni 2018: la sinistra radicale e la «maledizione» del 3%

    Mettere insieme tre partiti/movimenti (Mdp, Sinistra Italiana e Possibile) e raccogliere solo il 3,4% alla Camera e il 3,3% al Senato, superando di un soffio la soglia di sbarramento. E' stato un vero flop quello di Liberi e Uguali alle elezioni politiche del 4 marzo. La formazione guidata da Pietro

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Padoan vince a Siena, sconfitti Minniti e Franceschini

    Nel Pd vincono Renzi, Gentiloni, Padoan, Delrio e Boschi. Ma subiscono una pesante sconfitta i ministri Minniti, Franceschini, Pinotti, De Vincenti, Fedeli. Oltre al presidente dem Orfini. Trionfa Di Maio nella sua Pomigliano. Arrivano ultimi nei loro collegi uninominali i big di Liberi e Uguali

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Ecco tutte le sfide dei leader nei collegi uninominali

    Gentiloni a Roma contro un imprenditore M5s che ha perso i risparmi nel crac di Banca Etruria. Di Maio contro Vittorio Sgarbi in Campania. Renzi a Firenze contro un ex Dem che ha votato sì al referendum costituzionale e ora è schierato con il M5s. Il ministro Padoan nella Siena del Montepaschi

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 665 risultati