Persone

Valentino Rossi

Valentino Rossi è nato ad Urbino il 16 febbraio 1979 ed è un pilota di MotoGp. E' alto 182 cm e pesa 65 kg.

Attualmente è in forza nella scuderia Yamaha, dopo essere stato fino al 2012, nella Ducati.

È tra i più grandi campioni del motociclismo sportivo di tutti i tempi ed è l'unico pilota, nella storia, ad aver vinto il titolo mondiale in 4 classi differenti: 125, 250, 500 e MotoGP.

Valentino Rossi ha iniziato la carriera sportiva guidando i kart e poi è passato alle minimoto. Nel 1996 ha vinto il campionato italiano della classe 125 e si è classificato terzo nell'europeo della stessa categoria. Passato al Team ufficiale Aprilia, Rossi ha ottenuto il suo primo titolo mondiale. Con la stessa scuderia ha esordito poi nella classe 250, dove si è laureato campione del mondo.

Dal 2000 al 2003 ha corso con la Honda prima per la classe 500 e poi nel MotoGp, vincendo il suo quarto titolo mondiale.

Il 2004 è stato l’anno della trasferta in Yamaha e del primo posto al Motomondiale. Dopo il rinnovo del contratto, che però ha portato a una stagione senza vincite, Valentino Rossi ha deciso di usare le gomme Bridgestone in sostituzione alle Michelin.

Nel 2008 si è di nuovo laureato campione del mondo e l’anno successivo ha conquistato il nono titolo iridato.

Per il motomondiale 2011 Valentino Rossi è passato alla Ducati. dove ha corso col numero 46 ed ha acquisito il noto soprannome The Doctor.

Il 23 ottobre 2011, durante il 2º giro del Gran Premio della Malesia, rimane coinvolto, insieme con Colin Edwards, nell'incidente che ha causato la morte di Marco Simoncelli, la gara dapprima sospesa, verrà poi annullata.

Valentino Rossi viene profondamente turbato dall'incidente costato la vita a Marco Simoncelli, cui era legato da un profondo rapporto di amicizia.

Nelle stagioni 2013 e 2014 corre in Yamaha ma non riesce ad ottenere il titolo iridato, (collocandosi rispettivamente al 4° ed al 2° posto nella classifica mondiale) nel luglio 2014 annuncia di aver rinnovato per altri due anni l'accordo con la Yamaha.

Il 3 agosto 2007 l'Agenzia delle Entrate contesta a Rossi compensi non dichiarati per 58.950.311 euro, relativi al periodo 2000-2004, chiede anche il pagamento delle sanzioni e degli interessi, per un totale complessivo di 112 milioni di euro. Per tutti e cinque gli anni in questione.

Rossi si è difeso affermando di aver rispettato la legge e di aver pagato tutte le imposte dovute nel Regno Unito, dove risulta residente.
Nel febbraio del 2008, tuttavia, Rossi raggiunge un accordo con l'Agenzia delle Entrate patteggiando il pagamento di 19 milioni di euro per il periodo 2000-2004 e 16 milioni per il periodo 2005-2006, di cui trenta milioni legati ai guadagni del periodo e 4,8 milioni legati alla mancata dichiarazione.

Per eliminare le pendenze amministrative, Rossi nel maggio del 2009 patteggia con la Procura di Pesaro sei mesi di reclusione, anche se non sconterà mai tale pena, né la condanna verrà menzionata nel suo casellario giudiziale.

Nel marzo 2010, l'allora Ministro degli Affari Esteri italiano Franco Frattini ha consegnato a Valentino Rossi il primo Winning Italy Award, per aver contribuito con i suoi successi a valorizzare l'immagine dell'Italia nel mondo.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Valentino Rossi
    • News24

    MotoGP, Olanda: le pagelle

    Marc Marquez      10 E fanno quattro su otto, conta che le vittorie arrivino, non come arrivano. Perchè alla fine della fiera è lui che festeggia, al termine di una gara in cui si vede di tutto e di più, rischia forse anche eccessivamente ma alla bandiera a scacchi dimostra di avere ragione lui.

    – a cura di Datasport

    • News24

    MotoGP, Olanda: la presentazione

    Una prova è una prova, due prove sono due prove. Ma tre prove sono un indizio, ed il riferimento è fin troppo chiaro e si allaccia a Jorge Lorenzo, dominatore degli ultimi due appuntamenti stagionali in Italia e Spagna.   Lorenzo nuovamente osservato speciale Sarà proprio il maiorchino ad attirare

    – a cura di Datasport

    • News24

    MotoGP, Catalogna: le pagelle

    Jorge Lorenzo   10 Può essere che un serbatoio ti cambi la vita? A guardar lui, sì. Irriconoscibile rispetto solo ad un mesetto fa, ora vola e nessuno pare avere il suo passo. Dopo una grande domenica al Mugello, un grande week-end a Barcellona, con tanto di pole e vittoria. Sorprendente.   Marc

    – a cura di Datasport

    • News24

    MotoGP, Catalogna: la presentazione

    Lo scorso anno, Barcellona fu il secondo indizio dopo quello del Mugello che fece capire che Andrea Dovizioso faceva sul serio. Dodici mesi più tardi, potrebbe essere così anche per il compagno di squadra Jorge Lorenzo, trionfatore in Italia nel giorno della doppietta Ducati e della caduta di Marc

    – a cura di Datasport

    • News24

    MotoGP, Olanda: la presentazione

    Una prova è una prova, due prove sono due prove. Ma tre prove sono un indizio, ed il riferimento è fin troppo chiaro e si allaccia a Jorge Lorenzo, dominatore degli ultimi due appuntamenti stagionali in Italia e Spagna.   Lorenzo nuovamente osservato speciale Sarà proprio il maiorchino ad attirare

    – a cura di Datasport

    • News24

    Sulla scia del MotoGP: itinerari per motociclisti in Germania

    Il 15 luglio sul circuito di Sachsenring (Germania) si tiene la tappa mondiale del MotoGP che ha visto vincere Marc Marquez (tra 125, Moto2) negli ultimi otto anni. Anche se Valentino Rossi su questo tracciato non vince dal 2009 la regione della Sassonia è perfetta per gli appassionati del Gran

    – di Redazione Viaggi24

    • News24

    MotoGP, Catalogna: le pagelle

    Jorge Lorenzo   10 Può essere che un serbatoio ti cambi la vita? A guardar lui, sì. Irriconoscibile rispetto solo ad un mesetto fa, ora vola e nessuno pare avere il suo passo. Dopo una grande domenica al Mugello, un grande week-end a Barcellona, con tanto di pole e vittoria. Sorprendente.   Marc

    – a cura di Datasport

    • News24

    MotoGP, Catalogna: la presentazione

    Lo scorso anno, Barcellona fu il secondo indizio dopo quello del Mugello che fece capire che Andrea Dovizioso faceva sul serio. Dodici mesi più tardi, potrebbe essere così anche per il compagno di squadra Jorge Lorenzo, trionfatore in Italia nel giorno della doppietta Ducati e della caduta di Marc

    – a cura di Datasport

    • News24

    MotoGP, ufficiale: Mir in Suzuki. Ecco il quadro del mercato piloti

    La scorsa settimana un fioccare di notizie ufficiali ha contribuito a fare molta chiarezza per quanto riguarda il mercato piloti, e ad oggi il mosaico del 2019 si sta andando a completare lasciando liberi ancora pochi pochi posti. L'ultima notizia ufficiale, dopo l'addio di Iannone dalla Suzuki,

    – a cura di Datasport

1-10 di 1189 risultati