Aziende

Ubs

Società di servizi finanziari e banca d’investimento svizzera, Ubs è nata nel 1998 dalla fusione di Unione Banche Svizzere, della quale ha mantenuto la sigla, e dalla Società di Banca Svizzera. Ubs ha i suoi quartieri generali nelle due città elvetiche di Basilea e Zurigo, ma è presente anche nella maggior parte dei centri finanziari mondiali con oltre 50 sedi tra le quali ci sono quelle statunitensi di New York, Jersey City e Stamford. Tra le sedi svizzere, quelle americane, quelle asiatiche ed europee, Ubs conta sul lavoro di circa 70mila dipendenti.

La storia della attuale Ubs è iniziata nel 1872, anno nel quale viene fondata la Società delle Banche Basilesi, sempre in Svizzera. Due anni dopo l’istituto di credito si è unito alla Società delle Banche di Francoforte, mentre la denominazione di Società di Banca Svizzera viene utilizzata per la prima volta nel 1897. L’anno dopo la banca ha aperto la sua prima sede in Inghilterra, a Londra, mentre nel 1939 viene creata la prima filiale di New York. Due anni dopo la fusione con Ubs, la nuova società ha acquisito il gruppo finanziario americano Paine Webber, diventando la più grande banca d’affari del mondo. Un’altra importante operazione per la sistemazione del nuovo assetto di Ubs è avvenuta nel 2005, quando l’istituto di credito elvetico ha ceduto alla Julius Baer le banche private Ehinger & Armand von Ernst, Ferrier Lullin & C. Sa, Banco di Lugano e Global Asset Management. Per la gestione interna del suo flusso di business, Ubs è organizzata in quattro settori principali: Global Wealth Management & Business Banking, Investment Bank, Global Asset Management e Corporate Center. Da sempre la banca svizzera ha impostato un articolato programma di sponsorizzazione di eventi artistici e culturali.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Ubs | Banca Svizzera | New York | Inghilterra | Ferrier Lullin & C. Sa | Basilesi | Unione Banche Svizzere | Global | Paine Webber | Ehinger & Armand von Ernst |

Ultime notizie su Ubs

    Santander, l'italiano Andrea Orcel nuovo a.d. da inizio 2019

    Orcel è attualmente presidente di Ubs Investment bank. ... Come riportato nel suo corriculum sul sito della banca svizzera Ubs, ha lavorato presso Boston Consulting Group e Goldman Sachs prima di approdare a Merrill Lynch nel 1992. ... Il banchiere italiano è arrivato in Ubs da Bank of America Merrill Lynch, dove dal 2009 era stato presidente esecutivo dell'Investment Bank, presidente dei Mercati emergenti (Asia esclusa) dal 2010 e amministratore delegato dei Servizi europei delle carte di...

    – di Flavia Carletti

    Ubs lancia l'Art Collectors Circle

    Ubs ha lanciato un club dedicato ai collezionisti d'arte, l'Art Collectors Circle (Acc). ArtEconomy24 ne ha parlato a Basilea in occasione di ArtBasel con Gabriel Castello, Executive Vice Chairman, Global Wealth Management, Ubs. Quanti membri ha l'Acc e quanti sono clienti Ubs?

    – di Silvia Anna Barrilà e Marilena Pirrelli

    Brexit, fuga delle banche da Londra: dopo Deutsche anche anche la svizzera Ubs

    Ubs, la maggior banca elvetica, ha comunicato la mossa con le parole del suo chief executive officer, il ticinese Sergio Ermotti. ... La base europea di Ubs si sposterà dunque da Londra a Francoforte, ora è deciso. L’intenzione di Ubs di rafforzare la presenza sulla piazza finanziaria tedesca era abbastanza chiara, ma la decisione finale risale alle settimane scorse e viene ora ufficializzata dal ceo del gruppo bancario.

    – di Lino Terlizzi

    Maxi-speculazione sull'elettricità prosciuga il fondo di garanzia del Nasdaq

    I suoi membri – banche e altre società, tra cui Morgan Stanley, Ubs ed Equinor – dovranno ripianare oltre 100 milioni di euro di ... I suoi membri – banche e altre società, tra cui Morgan Stanley, Ubs ed Equinor – dovranno ripianare oltre 100 milioni di euro di un fondo di garanzia che è stato prosciugato a causa delle pesanti perdite accusate da un trader norvegese che speculava su derivati sull’elettricità.

    – di Sissi Bellomo

    Brexit, il poker infinito che logora Londra

    Molto più amaro di quanto immaginassero i politici e i cittadini di entrambi gli schieramenti che si ritrovano esausti, confusi e ora anche impauriti, avvertendo i segnali della non Europa: per Ubs la sola prospettiva di secessione dall’Ue è già costata al Regno Unito due punti di mancata crescita del Pil e un balzo significativo dell’inflazione.

    – di Leonardo Maisano

1-10 di 2655 risultati