Aziende

Ubs

Società di servizi finanziari e banca d’investimento svizzera, Ubs è nata nel 1998 dalla fusione di Unione Banche Svizzere, della quale ha mantenuto la sigla, e dalla Società di Banca Svizzera. Ubs ha i suoi quartieri generali nelle due città elvetiche di Basilea e Zurigo, ma è presente anche nella maggior parte dei centri finanziari mondiali con oltre 50 sedi tra le quali ci sono quelle statunitensi di New York, Jersey City e Stamford. Tra le sedi svizzere, quelle americane, quelle asiatiche ed europee, Ubs conta sul lavoro di circa 70mila dipendenti.

La storia della attuale Ubs è iniziata nel 1872, anno nel quale viene fondata la Società delle Banche Basilesi, sempre in Svizzera. Due anni dopo l’istituto di credito si è unito alla Società delle Banche di Francoforte, mentre la denominazione di Società di Banca Svizzera viene utilizzata per la prima volta nel 1897. L’anno dopo la banca ha aperto la sua prima sede in Inghilterra, a Londra, mentre nel 1939 viene creata la prima filiale di New York. Due anni dopo la fusione con Ubs, la nuova società ha acquisito il gruppo finanziario americano Paine Webber, diventando la più grande banca d’affari del mondo. Un’altra importante operazione per la sistemazione del nuovo assetto di Ubs è avvenuta nel 2005, quando l’istituto di credito elvetico ha ceduto alla Julius Baer le banche private Ehinger & Armand von Ernst, Ferrier Lullin & C. Sa, Banco di Lugano e Global Asset Management. Per la gestione interna del suo flusso di business, Ubs è organizzata in quattro settori principali: Global Wealth Management & Business Banking, Investment Bank, Global Asset Management e Corporate Center. Da sempre la banca svizzera ha impostato un articolato programma di sponsorizzazione di eventi artistici e culturali.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Ubs
    • News24

    Ilva, firmato accordo per il rientro di 1,3 miliardi di Adriano Riva dalla Svizzera

    Adriano Riva ha firmato la transazione per il rientro dalla Svizzera in Italia di 1,1 miliardi, somma destinata all'ambientalizzazione dell'Ilva di Taranto (ai quali si aggiungono altri 230 milioni messi a disposizione dalla famiglia Riva). La firma alle carte che sbloccano la somma è stata posta

    – di Matteo Meneghello

    • News24

    Perché il BTp è ancora attraente

    In giro per il mondo nella grande famiglia del reddito fisso i governativi italiani rappresentano ancora una buona opportunità di investimento. Se si va alla ricerca di titoli che offrono un rischio controllato, ma anche un po' di rendimento, i sovrani italiani sono la risposta. Quella dei BTp e

    – di Laura Magna

    • Agora

    Fassone: tre anni per riportare il Milan in utile. Ipo a Hong Kong più lontana

    Nel giorno dell'assemblea dei soci del Milan, che ha approvato l'aumento di capitale, l'amministratore delegato Marco Fassone parlando con i piccoli azionisti ha affermato quello che era inevitabile: per riportare i conti del Milan in attivo, con un riequilibrio tra costi e ricavi, saranno necessari almeno tre anni. Insomma, malgrado il boom dei ricavi commerciali in Cina e Asia previsto nel business plan al 2022 che la cordata cinese ha realizzato per l'acquisizione, sembra impossibile arrivar...

    – Carlo Festa

    • News24

    I Paperoni italiani i più pessimisti, gli inglesi temono effetto Brexit

    Milionari, ma tendenti alla sfiducia. In un contesto globale che ritengono imprevedibile come mai prima e preoccupati sul fronte domestico soprattutto dalla disoccupazione dei giovani, i Paperoni italiani sono meno ottimisti sul proprio futuro e su quello del mondo rispetto ai colleghi di altri

    – di Giuliana Licini

    • News24

    Perché gli Etf europei fanno così gola ai big della finanza

    Nella guerra europea degli Etf l'ultima mossa è arrivata da Atlanta, nel profondo Sud degli States: Invesco, quarto maggior gestore mondiale di Exchange traded product, ha acquisito la londinese Source, nata nel 2009 e oggi numero sette nel mercato dei "cloni" europeo con circa 25 miliardi di masse

    – di Enrico Marro

    • News24

    Ermotti: Ubs crescerà anche con lo shopping

    Radici sempre svizzere ma presenza globale per Ubs. ... Queste alcune delle affermazioni principali di Sergio Ermotti, chief executive officer di Ubs, nell'ambito di una intervista a tutto campo all'emittente TeleTicino. ... «Abbiamo una connotazione globale che ci aiuta - ha spiegato inoltre il ceo di Ubs - ma le nostre radici svizzere restano importanti.

    – Lino Terlizzi

    • News24

    Fixing dell'argento in agonia, solo il London Metal si fa avanti per salvarlo

    Le sette banche che partecipano al meccanismo proprio col compito di alimentare la liquidità nell'asta (Hsbc, JPMorgan, Morgan Stanley, Scotiabank, Toronto Dominion Bank, Ubs e China Construction Bank)?non hanno sufficienti incentivi economici e sono sempre più preoccupate di finire nel mirino dei regolatori, dopo che lo scandalo Libor ha acceso i riflettori sui benchmark finanziari.

    – di Sissi Bellomo

1-10 di 2470 risultati