Persone

Tullio De Piscopo

Tullio De Piscopo è nato il 24 febbraio del 1946 a Napoli ed è un batterista, percussionista e cantautore italiano.

Figlio d'arte, il padre era batterista e percussionista nell'orchestra del Regio Teatro di San Carlo di Napoli, già all'età di tredici anni cominciò ad esibirsi presso i locali notturni di Bagnoli (NA), entrando successivamente a far parte di un gruppo jazz partenopeo.

Nel 1969 si trasferì a Torino, dove si affermò sulla scena musicale, diventando batterista fisso, dello Swing Club, locale jazz torinese dell'epoca.

Trasferitosi a Milano a partire dal 1971, intraprese una carriera artistica contraddistinta dalla collaborazione con prestigiosi artisti italiani ed internazionali circostanza che gli ha consentito di padroneggiare i diversi stili musicali e di maturare una peculiare versaltilità musicale.

Particolarmente proficua è stata la collaborazione col noto chitarrista jazz Franco Cerri, col quale ha suonato prima nel Franco Cerri Quartet. poi nel Franco Cerri Quintet.

Sono entrate a pieno titolo nella storia della musica moderna, le sue collaborazione col compianto Pino Daniele, nei dischi "Vai mo'", "Bella 'mbriana", "Sciò", "Common Ground", "Acqua e Viento", "Assaje", "Ricomincio da 30", "Anema e core".

Tullio De Piscopo ha preso parte a diversi programmi televisivi ed ha presentato un brano di grande successo "Andamento Lento" al Festival di Sanremo del 1988, brano col quale vinse il Festivalbar dello stesso anno.

Nel 2008 è tornato a suonare dopo circa 30 anni con i musicisti dell'epoca (James Senese, Tony Esposito, Rino Zurzolo e Joe Amoruso) in una mitica "reunion" con Pino Daniele.

Nei maggio del 2010 è uscito il suo singolo "Conga Milonga", che gli è valso in radio ed in televisione un ottimo riscontro.

Il 2011 ha preso parte, presso il Teatro Luna del Forum di Assago a "La lunga notte della batteria" e nel 2012 è stato impegnato in una fitta serie di concerti live.

Nel 2013 ha partecipato, insieme ad artisti come Marcus Miller e Mino Cinelù, ad un tour mondiale che lo ha visto accanto a Pino Daniele nei più importanti teatri e jazz festival.

E' direttore artistico, a partire dal 2007, del Festival Sorrento Jazz ed è presidente onorario di due associazioni non profit sorrentine, A.T.S. (Arti, Turismo, Sport dal 1997) e dell'"Associazione Gino e Michela Stinga" dal 2008.

La sua carriera lo ha visto batterista in numerosissimi brani di successo, nonchè autore di numerosi album e dischi singoli.

Tullio De Piscopo è sposato ed ha due figlie, Micaela e Giusi.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

Ultime notizie su Tullio De Piscopo
    • Econopoly

    Milano è stanca di caricarsi il fardello Italia?

    Il referendum appena concluso ha dimostrato come lo stato dell'economia condizioni gli elettori. Infatti nelle cento città italiane con il maggior tasso di disoccupazione, il "no" ha vinto con il 65,8% dei voti. Nelle cento città con meno disoccupati, il "Sì" ha vinto con il 59% (via @you_trend). Il fatto che a Milano abbia vinto - sia pure di misura - il "Sì" fa pensare. L'impressione di alcuni è che Milano sia stufa di trainare l'Italia tutta, che voglia rimanere attaccata alle Alpi (Ugo La Ma...

    – Beniamino Piccone

    • News24

    Grande band al «Piccolo»

    Domani alle 21, il concerto di apertura sarà affidato a una congerie di artisti romani - Paolo Damiani, Maurizio Giammarco, Enrico Pieranunzi, Marcello Rosa, Giovanni Tommaso - insieme ai popolarissimi Paolo Fresu e Tullio De Piscopo: l'ensemble sarà diretto dal maestro Intra e da Riccardo Brazzale.

    – di Camilla Tagliabue

    • News24

    Ballottaggio Roma-Taranto con Skunk Anansie e Litfiba

    Domenica tutti in piazza: è il primo maggio. Ma come impone l'ormai rodato rituale dell'unità sindacale perduta, toccherà scegliersi la piazza: al tradizionale appuntamento di Roma organizzato da Cgil, Cisl e Uil si contrappone infatti quello alternativo di Taranto. E per il secondo anno

    – Francesco Prisco

    • News24

    Indelebile traduttore di sogni

    Lo hanno ricordato, negli ultimi giorni, da ogni latitudine editoriale e social, con un tributo ad memoriam. La cosa, per una volta, ci conforta. Perché parliamo di un uomo che per trentasette anni ha fieramente cantato in dialetto partenopeo poggiando i suoi versi su splendide chitarre custom (su

    – Riccardo Piaggio

    • News24

    Un musicista vero, innovatore e disciplinato

    Appena ho appreso della morte di Pino Daniele, ho pensato subito a un altro grande napoletano, Massimo Troisi. Tutti e due amici. Tutti e due profondi

    – di Renzo Arbore

    • News24

    Talento e amore di un poetico «nero a metà»

    Pino Daniele era un artista vero. Non una rockstar, ma innanzitutto un musicista. Uno che amava scrivere canzoni, suonare, frequentare altri musicisti,

    – di Carlo Massarinii

    • News24

    A Dedicated Musician and True Innovator

    As soon as I learned of Pino Daniele's passing, I immediately thought of another great Neapolitan, Massimo Troisi. Both friends. Both radical innovators. Both gone in a flash, from a heart attack. What a great sorrow. I met Pino Daniele in 1977. Back then, I was producing and hosting at Rai's

    – Renzo Arbore

1-10 di 20 risultati