Persone

Tullio de Mauro

Tullio De Mauro (Torre Annunziata 31 marzo 1932- Roma 5 gennaio 2017) è stato un celebre linguista, docente universitario, ex ministro della Pubblica Istruzione e presidente della Fondazione Bellonci, che organizza il premio Strega.

De Mauro, laureato in Lettere classiche, ha insegnato nelle università di Napoli, Chieti, Palermo e Salerno. Docente di Filosofia del linguaggio alla Sapienza di Roma, è stato poi ordinario di Linguistica generale presso la stessa università. Nel 1966 è stato tra i fondatori della Società di linguistica italiana, di cui è stato anche presidente (1969-73). Dal 2000 al 2001 è stato ministro della Pubblica Istruzione nel governo Amato. Autore di un'importante traduzione commentata del Cours delinguistique générale di F. de Saussure (1967), tra le sue opere più importanti vanno citati: la Storia linguistica dell'Italia unita (1963) e Il grande dizionario italiano dell'uso.

Riconoscimenti

Nel 2001 è stato nominato dal Presidente della Repubblica Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica Italiana. Per l'insieme delle sue attività di ricerca, l'accademia nazionale dei Lincei gli ha attribuito nel 2006 il premio della Presidenza della Repubblica. Nel 2008 gli è stato conferito l'Honorary Doctorate dall'Università di Waseda (Tokyo).

Collaborazioni giornalistiche

Come pubblicista ha collaborato con Il Mondo (1956-64) e L'Espresso (1981-90) e Internazionale, rivista edita dal figlio Giovanni, dove curava la rubrica Scuole .

Ultimo aggiornamento 05 gennaio 2017

Ultime notizie su Tullio de Mauro
    • News24

    La stretta relazione tra libri e benessere economico

    Mentre a Torino si inaugura il Salone del libro dovremmo fermarci a riflettere sulla stretta correlazione esistente tra la diffusione dei libri e la ricchezza di un Paese. In Europa, le nazioni che registrano il più alto numero di lettori sono anche quelle che hanno il più elevato potere d'acquisto

    – di Giuseppe Laterza

    • News24

    Sommerso dalla zona grigia

    Brandelli di un diario scritto soltanto ora. Conobbi Falcone un pomeriggio d'autunno del 1979 in una stanzina che gli faceva da ufficio al pianterreno del Palazzo di Giustizia di Palermo, intimidente e avvelenato da sempre. Sostituto procuratore per 15 anni a Trapani, era arrivato alla fine

    – di Corrado Stajano

    • News24

    Sommerso dalla zona grigia

    Brandelli di un diario scritto soltanto ora. Conobbi Falcone un pomeriggio d'autunno del 1979 in una stanzina che gli faceva da ufficio al pianterreno del Palazzo di Giustizia di Palermo, intimidente e avvelenato da sempre. Sostituto procuratore per 15 anni a Trapani, era arrivato alla fine

    – Corrado Stajano

    • News24

    Sono ventisette le opere candidate al premio Strega

    Sono 27 le opere di narrativa che si sono candidate alla 71nesima edizione del Premio Strega, che verrà assegnato il 6 luglio a Roma. Si tratta di La più amata di Teresa Ciabatti (Mondadori); Le otto montagne di Paolo Cognetti (Einaudi); Appunti di meccanica celeste di Domenico Dara (Nutrimenti);

    – di Redazione Domenica

    • News24

    Leggendo Tullio De Mauro

    Il 31 marzo Tullio De Mauro, professore emerito di Linguistica generale all'Università di Roma La Sapienza, ed ex ministro dell'Istruzione, scomparso lo scorso 5 gennaio, avrebbe compiuto 85 anni.Per iniziativa del Miur, e in collaborazione con Radio3 Rai, in quel giorno la sua figura sarà

    – di Red. Domenica

    • News24

    Avere ragione (o sbagliarsi) alla Voltaire

    A futura memoria (se la memoria ha un futuro) è un libro estremo, terminale. Leonardo Sciascia licenziò le bozze, senza neppure correggerle. Le scorse soltanto. La data che appose all'Introduzione, «novembre 1989», non indicava il giorno. Non poteva. Sciascia era sul letto di morte. Voleva che le

    – di Salvatore Silvano Nigro

    • News24

    Miur: ricordando Tullio De Mauro più attenzione alle competenze linguistiche

    Studiare, comprendere e mettere a frutto l'eredità culturale di Tullio De Mauro nella scuola, istituzione al servizio della quale l'ex ministro si è sempre posto, con semplicità e profonda competenza. A un mese dalla scomparsa del celebre linguista, avenuta il 5 gennaio 2017, su indicazione della

    • News24

    Tullio, Mario e il narrare la scuola elementare

    Tullio De Mauro aveva a cuore la crescita culturale dell'intera società perché, come Piero Calamandrei, pensava fosse l'unica garanzia per la sopravvivenza e lo sviluppo della democrazia. Non riteneva tuttavia che il cuore della cultura si trovasse nei soli confini dell'Università e del liceo

    – di Franco Lorenzoni

    • NovaCento

    Qualche pensiero, all'inizio del 2017

    In queste giornate di freddo climatico in Italia, provo a riscaldare questo NòvaBlog con il primo post del 2017 (smile). Di sicuro, anche questo sarà un anno complicato. Nel 2016, ne sono successe parecchie, e la difficile Italia di quest'epoca ha bisogno di cure importanti per risollevarsi. I problemi italiani hanno una origine antica, e negli ultimi anni sono venuti definitivamente a galla. Peraltro, l'Italia è uno di quei pochi Paesi al mondo in cui convivono contemporaneamente il pre-modern...

    – Gabriele Caramellino

    • News24

    Un linguista democratico

    Di poche personalità si può dire, come di Tullio De Mauro, che abbiano segnato in modo indelebile la cultura italiana dell'ultimo cinquantennio. E lo si può dire senza timore di incorrere nel rischio di una celebrazione postuma, cedendo alla pur comprensibile retorica della circostanza.

    – di Luca Serianni

1-10 di 87 risultati