Aziende

Toshiba

Multinazionale giapponese fondata nella capitale Tokyo nel 1875, Toshiba commercializza prodotti di elettronica di consumo tra i quali personal computer, elettrodomestici, telefoni cellulari, televisori, lettori dvd, fotocamere digitali, notebook, periferiche per computer e videocamere. Esiste poi anche una sezione industriale della società giapponese che si occupa della produzione di semiconduttori e della realizzazione di elementi per l’illuminazione stradale e per le reti ferroviarie. Il nome originale dell’azienda è stato Tanaka, da quello del suo fondatore, fino al 1939, anno nel quale è subentrato quello attuale di Toshiba, deciso in seguito a una fusione con un’altra azienda nipponica, la Hakunetsusha. Dopo la creazione della nuova realtà industriale chiamata Toshiba, la crescita del business è stata esponenziale ed è passata per la realizzazione di apparecchiature elettriche ed elettrotecniche, oltre che per quella di radar, transistor e persino forni a microonde.

Quotata alla borsa di Tokyo, ma anche in quelle di Osaka, Nagoya e Londra, Toshiba si avvale ad oggi del lavoro di circa 200mila dipendenti che l’hanno fatta diventare il settimo produttore mondiale di apparecchi elettronici di consumo. Oltre a questa attività istituzionale, Toshiba ha avviato diverse operazioni legate al futuro del suo business come quella con la quale, nel 2008, è stata lanciata la nuova controllata chiamata Toshiba American Nuclear Energy Co che si sta occupando della realizzazione di impianti a energia nucleare per la produzione di energia elettrica. Nello stesso anno invece Toshiba ha annunciato di avere rinunciato alla commercializzazione della sua tecnologia di lettori e registratori hd dvd in ragione del fatto che l’industria cinematografica ha scelto di realizzare i suoi prodotti multimediali sfruttando la concorrente tecnologia blu-ray.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Toshiba
    • News24

    Borsa di Tokyo in lieve ribasso, riaffiora il «rischio politico»

    A spiccare è piuttosto la notizia secondo cui il governo giapponese si appresterebbe a investire denaro pubblico per evitare che la divisione chip di Toshiba finisca in mani non giapponesi (o quantomeno non solo in mani straniere). ... Il titolo Toshiba ha registrato un forte rimbalzo, dopo il recente cedimento legato alla possibilità che il gruppo debba attivare le procedure fallimentari del Chapter 11 per la controllata americana nel nucleare Westinghouse, che potrebbe provocargli perdite per...

    – di Stefano Carrer

    • News24

    I chip Toshiba verso una vendita pilotata

    Si profila un semi-salvataggio pubblico per la divisione chip che Toshiba è costretta a mettere in vendita per evitare un collasso finanziario provocato dalle perdite presso la controllata americana nel nucleare Westinghouse. ... Il titolo di Toshiba è rimbalzato oggi fin di oltre l'8% alla Borsa di Tokyo (dove da inizio anno ha perso più' del 30%) dopo le indiscrezioni secondo cui la Development Bank of Japan potrebbe investire nella divisioni semiconduttori, magari insieme alla Innovation...

    – di Stefano Carrer

    • News24

    Kan: l'ex premier di Fukushima ora è un attivista contro il nucleare

    Toshiba in crisi con l'atomo. Toshiba ha ammesso proprio oggi che cercherà di disfarsi della controllata americana nel nucleare Westinghouse, che le ha provocato ingenti perdite in relazione ai ritardi e alle difficoltà nella costruzione di centrali atomiche negli Usa (pare che alcuni manager dell'affiliata abbiano anche rubato): l'intero gruppo giapponese è finito sull'orlo del crack per perdite alla Westinghouse che potrebbero salire fino a oltre mille miliardi di yen (9 miliardi di dollari).

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • News24

    Borsa di Tokyo in lieve recupero (+0,34%): yen più debole sull'attesa di rialzo dei tassi Usa

    Tra i singoli titoli, in forte calo Toshiba dopo la notizia che la controllata americana Westinghouse si starebbe avviando verso procedure fallimentari o comunque potrebbe generare perdite addizionali. Per quanto riguarda la divisione semiconduttori di Toshiba in vendita, le anticipazioni sono quelle di una possibile offerta congiunta di Foxconn e SK Hynix.

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • News24

    Nikkei debole (-0,5%), Pil giapponese rivisto al rialzo

    Tra i singoli titoli, attenzione positiva su Toshiba dopo le voci di un interesse della cinese Medea a investire nella sua divisione chip: il gruppo terrà una assemblea straordinaria il 30 marzo.

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • News24

    Borsa di Tokyo invariata ma balzano Toshiba e Rakuten

    Balzo analogo per Toshiba, dopo che il quotidiano Nikkei ha anticipato che il gruppo ha aperto l'asta per la divisione chip, che potrebbe valere in totale fino a oltre 2mila miliardi di yen.

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • News24

    Borsa di Tokyo debole (-0,6%), continua il crollo di Toshiba

    Le azioni di Toshiba hanno reagito con un alto tonfo del 9% alla possibilità che il titolo sia depistato dalla seconda sezione del Tokyo Stock Exchange e alle minacce di downgrading multiplo da parte di Standard & Poor's se le banche creditrici non dovessero rinnovare appieno il loro supporto e chiedessero una qualche forma di ristrutturazione del debito.

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • News24

    Borse, Tokyo debole (-0,5%) su una ripresa dello yen

    Continua intanto il cedimento delle azioni di Toshiba, anche per via di un report dell'agenzia Kyodo secondo cui il gruppo, in forti difficoltà finanziarie a causa di una svalutazione da 6,3 miliardi di dollari relativa alle attività in Usa nel settore nucleare, non intende cedere alcuna quota della divisione chip prima della fine del corrente anno fiscale.

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • News24

    Borse, Tokyo in ripresa (+1%) dopo le nuove indicazioni della Fed

    Nuovo tonfo per le azioni di Toshiba, che hanno ceduto fino al 13% dopo la giornata drammatica e confusa di ieri durante la quale è stata confermata una megasvalutazione da 6,3 miliardi di dollari delle attività nel nucleare in Usa che mette a rischio la sopravvivenza del gruppo.

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

1-10 di 752 risultati