Persone

Tito Boeri

Tito Boeri è nato il 3 agosto del 1958 a Milano ed è un economista italiano. Dal 24 dicembre del 2014 riveste la carica di Presidente dell'INPS.

Professore ordinario di Economia all’università Bocconi, è Direttore della Fondazione Rodolfo Debenedetti e responsabile scientifico del Festival dell'economia di Trento. Boeri ha collaborato col quotidiano La Stampa e dal 1°maggio 2008 collabora con La Repubblica, è inoltre il fondatore, nonchè redattore, dei siti lavoce.info e Voxeu.org (riviste on line che alimentano la discussione ed il confronto sui temi di economia sia nazionale che internazionale).

Nel 1983 Tito Boeri si è laureato in Economia all'Università Bocconi, conseguendo il dottorato nel 1990 alla New York University. Professore ordinario di Economia del lavoro, ha svolto la ricerca all'Igier della stessa Bocconi. È stato consulente del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Mondiale, della Commissione europea, del governo italiano e senior economist all'Ocse dal 1987 al 1996.

Attualmente riveste il ruolo di Research fellow del Cepr, del William Davidson Institute dell'Università del Michigan, del Netspar di Tilburg e dell'Istituto per gli Studi sul Lavoro di Bonn. Fa parte inoltre del Consiglio della European Economic Association e del comitato scientifico di Biennale Democrazia.

Boeri ha sostenuto la necessità di riformare il sistema del mercato del lavoro italiano, attraverso l'adozione di diverse misure, in particolare ha proposto l'introduzione del salario minimo orario e di un contratto unico a tempo indeterminato a tutele progressive ed ha ribadito l'opportunità di un diritto automatico ed uniforme alle prestazioni sociali.

E' fratello dell'architetto Stefano, assessore alla Cultura, Moda, Design ed Expo del Comune di Milano, fino al 17 marzo 2013.

Alla fine del 2014 è stato nominato dal Consiglio dei Ministri presidente dell'INPS.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Tito Boeri
    • News24

    Salario minimo legale, dove è in vigore in Europa e quanto vale

    Periodicamente viene rilanciata la proposta di introdurre un salario minimo legale anche in Italia. Con modalità diverse. Ultimo il responsabile del programma elettorale del Pd, Tommaso Nannicini, favorevole ad un «salario minimo legale che abbracci tutti i lavoratori, all'interno di una nuova

    – di Giorgio Pogliotti

    • News24

    Lavoro, il Pd rilancia sul salario minimo legale: tra i 9 e i 10 euro l'ora

    «E' il momento di introdurre un salario minimo legale che abbracci tutti i lavoratori, all'interno di una nuova cornice per il nostro sistema di relazioni industriali, che combatta i contratti-"pirata" e tuteli la funzione di garanzia del contratto nazionale». La proposta, lanciata da Tommaso

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Visite fiscali, niente armonizzazione per le fasce orarie di pubblico e privato

    Salta, almeno per ora, la fascia unica di reperibilità per le visite fiscali, una delle novità di maggior rilievo prevista dai decreti correttivi alla riforma Madia del Pubblico impiego. Il nuovo regolamento per "l'accertamento delle assenze dal servizio per malattia", firmato dalla ministra Madia

    – di Vittorio Nuti

    • Econopoly

    Lo ius soli è morto, viva lo ius soli. L'obiettivo è l'integrazione (servono nuovi Traiano)

    Il caso è noto.  Il 6 marzo 2013, Singh Jatinder - indiano sikh immigrato in Italia nel 2010 - viene fermato dalla polizia davanti alla scuola elementare di Goito (Mantova). Alla cintola ha un pugnale di 18,5 centimetri, il kirpan (coltello sacro). All'intimazione di consegnare l'arma, oppone resistenza. Secondo lui, sta adempiendo ai precetti della sua fede. Secondo la polizia, sta creando un problema di ordine pubblico. La vicenda finisce in Corte di Cassazione, la cui sentenza (più o meno il ...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    • News24

    Amazon, sciopero nel sito di Castel San Giovanni

    Sciopero in Amazon a Castel San Giovanni. Lo sciopero è stato dichiarato immediatamente, a tambur battente durante l'assemblea dei lavoratori del primo turno e dei turni successivi. La tensione fra Amazon e i lavoratori non si è quindi raffreddata, anzi. A far da detonatore la decisione dei

    – di Andrea Biondi

    • News24

    Boeri: «Più trasparenza sui vitalizi degli ex parlamentari»

    «Che il sistema dei vitalizi dei parlamentari fosse insostenibile era chiaro fin dall'inizio. Il loro costo si aggira sui 200 milioni l'anno, che non sono pochi. Servirebbero due gesti. Primo, la massima trasparenza per ricostruire i contributi versati dai parlamentari. Secondo, un segnale di

    – di Andrea Marini

    • News24

    Stretta sui contratti a tempo: verso la riduzione da 36 a 24 mesi

    Il Pd renziano ci ripensa e, dopo uno "stop and go" durato per qualche settimana, fa quadrato e si orienta a smontare uno dei pilastri del decreto Poletti che ha liberalizzato i contratti a tempo determinato per tutti e 36 i mesi di durata. La correzione di rotta è contenuta in un emendamento alla

    – di Giorgio Pogliotti e Claudio Tucci

    • Info Data

    Più contratti a tempo, meno autonomi. Come cambia il mercato del lavoro

    L'occupazione continua a crescere, spinta in prevalenza dai contratti temporanei di breve durata (in media 3-4 mesi) che hanno toccato il massimo storico (2,7 milioni). A trainare il mercato sono soprattutto i servizi, ma specie negli ultimi mesi c'è una leggera ripresa anche della manifattura, con un aumento delle ore lavorate (effetto della riduzione della cassa integrazione). La situazione resta critica per giovani e autonomi. Tra il 2008 e il 2016 il tasso di occupati tra i 15 e 34 anni ha...

    – Infodata

    • News24

    Boccia: dibattito su contratti a termine non è una priorità

    «Mi sembra che il dibattito che si sta aprendo sui contratti a termine non sia una priorità, non è una grande soluzione e mi pare che non risolva alcunché. Se poi dobbiamo perdere tempo e concentrarci su queste cose, vuol dire che c'è un'altra sensibilità sulle priorità». Lo ha detto il presidente

    – di Redazione Online

    • Econopoly

    Ma il Jobs Act non doveva mettere fine al precariato?

    Nel valutare la riforma del lavoro del 2015, è doveroso partire dagli obiettivi iniziali. Tra questi, uno tra i principali, era il miglioramento della qualità dell'occupazione. Sia la riduzione delle tutele ai lavoratori, tramite la tanto discussa abolizione dell'articolo 18 e l'introduzione del sistema a tutele crescenti, che la decontribuzione, avrebbero dovuto incentivare le imprese ad assumere con i nuovi contratti a tempo indeterminato. In effetti, nel 2015, il primo anno di attuazione del...

    – Tortuga

1-10 di 523 risultati