Persone

Tim Cook

Timothy Donald Cook (nato a Robertsdale in Alabama il 1° novembre del 1960) è dal 24 agosto 2011 ceo di Apple.

Prima di essere scelto da Steve Jobs come amministratore delegato, Cook ricopriva l'incarico di Chief Operating Officer. Dal 1998 si è occupato a Cupertino della riorganizzazione della supply chain: eliminazione delle fabbriche Mac in favore del solo assemblaggio e delocalizzazione In Cina della produzione. Sotto la sua guida il titolo di Apple ha più che raddopppiato il valore in Borsa, ma l'azienda, secondo gli analisti ha innovato poco: l'unico vero prodotto nuovo lanciato durante la sua gestione è stato l'iWatch. Tim Cook non è tra i manager più pagati al mondo (se si considera il fisso): lo stipendio è di circa due milioni di dollari all'anno più i bonus. Grazie ai bonus e ai risultati finanziari dopo i primi 5 anni ha ricevuto un pacchetto azionario di un valore di oltre 100 milioni di dollari.

Prima di entrare in Apple, Tim Cook ha lavorato in Compaq e ha trascorso 12 anni in IBM ricoprendo incarichi nel comparto della distribuzione di pc per Stati Uniti e America Latina.

Cook ha conseguito un M.B.A. alla Duke University e una laurea in ingegneria industriale alla Auburn University. Nel 2014 durante un'intervista pubblicata da Businessweek ha fatto coming out : "Sono fiero di essere gay, ingegnere, amante della natura, maniaco del fitness, figlio del sud, fanatico dello sport e zio". Attivo nella filantropia, ha dichiarato che donerà le sue fortune in beneficenza.

Ultimo aggiornamento 31 agosto 2016

Ultime notizie su Tim Cook
    • News24

    Giovani-editori, Tim Cook entra nell'International Advisory Council

    Il ceo di Apple Tim Cook entra nell'International Advisory Council dell'Osservatorio Permanente Giovani - Editori. Lo ha annunciato la stessa organizzazione italiana che si propone di educare i giovani a sviluppare il pensiero critico sull'attualità grazie alla consultazione del giornalismo di

    • NovaOther

    Cogli la prima Mela tutta rinnovabile

    Sono ormai lontani i tempi in cui Greenpeace puntava l'indice contro Apple per la sua scarsa sensibilità nei confronti della sostenibilità. Nel 2014 la Mela aveva aderito all'iniziativa di oltre un centinaio di grandi gruppi che si erano impegnati a diventare al più presto del tutto rinnovabili. E oggi Apple ha annunciato di essere al 100 per cento alimentata da fonti rinnovabili, direttamente e, laddove impossibilitata, tramite green energy bond e altri investimenti in fonti rinnovabili nella s...

    – Pierangelo Soldavini

    • News24

    Spotify debutta a Wall Street: sfida alla tempesta hi-tech

    No, non sono solo canzonette. Ciò che a Wall Street canterà da oggi Spotify, il leader dello streaming musicale, è ben di più: è la colonna sonora della Borsa. Un significativo test dei nervi del mercato mentre i titoli Internet e hi-tech sono scossi da dubbi e polemiche, su valutazioni e modelli

    – di Marco Valsania

    • News24

    Zuckerberg risponde a Cook: «Noi non serviamo solo le persone ricche»

    Mark Zuckerberg risponde alle parole decisamente critiche di Tim Cook durante un'intervista con Vox, parlando di «argomenti superficiali e non allineati con la verità». Il ceo di Apple aveva detto che «non si sarebbe mai trovato» nella situazione di Zuckerberg perché il modello di business di Apple

    – di Luca Salvioli

    • News24

    I big della Silicon Valley contro «Zuck»

    Le premesse c'erano tutte già nel 2014, quando il ceo di Apple, Tim Cook, scrisse una lettera aperta agli utenti. «Il nostro modello di business è vendere prodotti, non costruiamo un profilo basato sui vostri messaggi email o sulle vostre abitudini di navigazione online per vendere pubblicità».

    – di Luca Salvioli

    • News24

    Apple, Ibm e Tesla contro Facebook. E la Silicon Valley si spacca sul datagate

    Lo scandalo Cambridge Analytica è tutt'altro che alle spalle. Gli effetti sono ancora evidenti sull'andamento del titolo azionario di Facebook. E anche il fronte delle indagini sembra essere solo all'inizio, con la Federal Trade Commission che nelle ultime ore ha confermato l'apertura di

    – di Biagio Simonetta

    • News24

    Facebook, bruciati 75 miliardi Tim Cook: norme più severe sui dati

    Una mazzata da 75 miliardi di dollari. Periodo da incubo per Facebook che a Wall Street ha bruciato 75 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato dopo lo scandalo di Cambridge Analytica. Venerdì 16 marzo le azioni del colosso di Menlo Park erano a quota 185,09 dollari. Alla chiusura di

    – di Andrea Biondi

1-10 di 601 risultati