Persone

Theresa May

Theresa Mary May, nata il 1º ottobre del 1956 a Eastbourne, è una politica britannica, leader del partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, dal 13 luglio del 2016, dopo l'esito del referendum sulla Brexit. May, che ha convocato le elezioni anticipate l’8 giugno 2017, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento.

Ha studiato geografia a Oxford, dove ha conosciuto il marito Philip grazie all'amica Benazir Bhutto,futura premier del Pakistan, che li ha presentati a un party di giovani Tories.

Cattolica praticante, è favorevole alle nozze gay ma ha votato contro le adozioni.

Dopo essersi laureata ha lavorato presso la Banca d'inghilterra, per poi dedicarsi alla politica, nel 2012 è diventata la prima donna ad assumere l'incarico di presidente dei Tory, raggiungendo poi l'ambito ruolo di ministro dell'interno, l'incarico britannico più prestigioso dopo quello di premier, cancelliere dello Scacchiere e ministro degli Esteri.

In materia di immigrazione si è distinta per una linea politica inflessibile, innalzando la soglia minima di salario per i lavoratori non europei che vogliono stabilirsi in Gran Bretagna. Ritiene che Brexit vuol dire Brexit e che con lei premier la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Theresa May
    • News24

    "La mia Europa": un video per raccontare la mobilità dei giovani nei Paesi Ue

    Il destino della Brexit, dopo l'intesa raggiunta la settimana scorsa sul capitolo relativo ai diritti dei cittadini europei residenti in Gran Bretagna e degli inglesi residenti in Europa, appare sempre più avvolto nella nebbia soprattutto a causa della debolezza politica della premier Theresa May.

    – di Dino Pesole

    • News24

    Brexit, l'Europarlamento: sì alla fase due ma si metta l'accordo per iscritto

    STRASBURGO - «Aver fatto passi avanti non vuol dire che i problemi sono stati risolti». Il presidente del parlamento europeo, Antonio Tajani, sintetizza così l'ok dell'aula di Strasburgo al primo accordo su Brexit raggiunto l'8 dicembre. Accanto a lui c'è Guy Verhofstadt, leader dell'Alde e

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Brexit, il Parlamento Ue ancora non si fida di Londra

    STRASBURGO - In un Europarlamento che si fa distrarre solo dal possibile - per alcuni fantomatico - europartito di Emmanuel Macron forte di 70 parlamentari Ue di vari gruppi, non c'è quell'entusiasmo che ci aspettava per il primo accordo su Brexit raggiunto l'8 dicembre.

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Colpo di coda dei falchi di Brexit

    Il momento di quiete e soddisfazione di Theresa May non è durato molto. A ventiquattro ore dall'annuncio dell'accordo con la Ue a Bruxelles, il fronte pro-Brexit lo ha già messo in dubbio. «Nulla è concordato finchè tutto è concordato» ha fatto sapere ieri Michael Gove, ministro dell'Ambiente e

    • Agora

    Una Brexit da Gattopardo per salvare la faccia al Governo May

    Quando la realtà delle cose è irremovibilmente tenace, in politica resta soltanto una soluzione: distorcere il senso delle parole che la descrivono, applicando quella che in diplomazia passa col termine di ambiguità costruttiva. Qualcuno ha usato l'espressione quando si giunse all'accordo del Venerdi Santo del 1998, che portò alla pacificazione del Nord Irlanda. Alcune parti dell'intesa restavano aperte all'interpretazione, fatta in buona fede da ognuno.  Ora ritorna di moda. Con una differenza:...

    – Marco Niada

    • News24

    Per Londra un'uscita pagata a caro prezzo

    Le tante sfumature di una sconfitta annunciata variano dal tono delle premesse. Londra ha chiuso un accordo pessimo rispetto alla propaganda dei brexiters, che aveva consentito al fronte anti-europeista di vincere il referendum. Due esempi: Londra non potrà distribuire 350 milioni di sterline alla

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    E' stato riconosciuto il patrimonio europeo

    Lo shock era stato enorme quel 23 giugno del 2016. L'umiliazione bruciante per la Ue che, per la prima volta nella sua storia, si ritrovava bocciata e respinta non dai proclami dei suoi tanti euroscettici ma dal libero voto democratico della maggioranza degli inglesi. Diciotto mesi dopo, lo strappo

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Riconosciuto il patrimonio dell'Europa

    Lo shock era stato enorme quel 23 giugno del 2016. L'umiliazione bruciante per la Ue che, per la prima volta nella sua storia, si ritrovava bocciata e respinta non dai proclami dei suoi tanti euroscettici ma dal libero voto democratico della maggioranza degli inglesi. Diciotto mesi dopo, lo strappo

    – Adriana Cerretelli

    • News24

    Brexit, così l'intesa con l'Irlanda del Nord ha sbloccato il negoziato

    LONDRA - Prima di riuscire a prendere l'aereo per Bruxelles alle 5 della mattina, Theresa May ha avuto numerose conversazioni telefoniche notturne con Arlene Foster, leader del Democratic Unionist Party (Dup). Solo il via libera - con ancora qualche riserva - degli unionisti nord irlandesi ha

    – di Nicol Degli Innocenti

1-10 di 751 risultati