Persone

Theresa May

Theresa Mary May, nata il 1º ottobre del 1956 a Eastbourne, è una politica britannica, leader del partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, dal 13 luglio del 2016, dopo l'esito del referendum sulla Brexit. May, che ha convocato le elezioni anticipate l’8 giugno 2017, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento.

Ha studiato geografia a Oxford, dove ha conosciuto il marito Philip grazie all'amica Benazir Bhutto,futura premier del Pakistan, che li ha presentati a un party di giovani Tories.

Cattolica praticante, è favorevole alle nozze gay ma ha votato contro le adozioni.

Dopo essersi laureata ha lavorato presso la Banca d'inghilterra, per poi dedicarsi alla politica, nel 2012 è diventata la prima donna ad assumere l'incarico di presidente dei Tory, raggiungendo poi l'ambito ruolo di ministro dell'interno, l'incarico britannico più prestigioso dopo quello di premier, cancelliere dello Scacchiere e ministro degli Esteri.

In materia di immigrazione si è distinta per una linea politica inflessibile, innalzando la soglia minima di salario per i lavoratori non europei che vogliono stabilirsi in Gran Bretagna. Ritiene che Brexit vuol dire Brexit e che con lei premier la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Theresa May
    • News24

    Londra, il colosso Unilever pronto al trasferimento in Olanda

    Rotterdam batte Londra: il colosso anglo-olandese Unilever si prepara a fare le valigie e trasferire il quartier generale in Olanda. Secondo voci di stampa, il Governo britannico si è ormai rassegnato a perdere un gruppo che impiega 7.500 persone in Gran Bretagna. «Non sarebbe una grossa sorpresa»

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Il fronte anti-Brexit si riorganizza: nuovo partito e spot in tutto il Paese

    LONDRA - La riscossa anti-Brexit è iniziata: il movimento si sta mobilitando prima che sia troppo tardi e la rottura con Bruxelles diventi definitiva. Un nuovo partito pro-Unione Europea punta a raccogliere voti nelle elezioni amministrative di maggio, mentre un gruppo prepara una campagna

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Le sfide di Masayoshi Son, improbabile «Warren Buffett giapponese»

    E' l'uomo delle scommesse azzardate, che punta in continuazione fiches da miliardi di dollari come fossero noccioline e si propone come il profeta di un nuovo mondo supertecnologico e iperconnesso dove i business tradizionali dovranno scomparire o cambiare per sperare di sopravvivere. Nessuno sa fin

    – di Stefano Carrer

    • News24

    Così Theresa May si ispira ad Amazon e Alibaba per gestire Brexit

    Cosa c'entrano Amazon e soprattutto Alibaba con Brexit? In teoria non molto, ma ai media non è sfuggita l'attrazione fatale tra il primo ministro britannico Theresa May e il carismatico miliardario cinese Jack Ma. La prima è alle prese con l'impresa disperata di gestire l'uscita della Gran Bretagna

    – di Enrico Marro

    • News24

    Brexit, è l'automotive il settore più vulnerabile

    Brexit rischia di rovinare la "success story" dell'economia britannica. L'industria automobilistica, campione di esportazioni, centro di innovazione, fiore all'occhiello del Paese, sta perdendo colpi.

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Cittadini d'Europa dopo Brexit? La parola ai giudici

    Sarà la Corte Europea di Giustizia a stabilire se i cittadini britannici avranno il diritto alla cittadinanza europea dopo Brexit. Un giudice olandese ha riferito alla Corte la questione in seguito a una causa intentata da una famiglia britannica che sostiene che la cittadinanza europea dovrebbe

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Tesco, discriminati i salari delle donne: causa da 4,5 miliardi

    La paga oraria da Tesco è di otto sterline per le donne, undici per gli uomini. Il colosso della grande distribuzione, numero uno del retail nel Regno Unito, con 6.800 supermercati e 464.520 dipendenti nel mondo, tra Europa e Asia, rischia di dover pagare un conto salatissimo per la disparità

    – di Riccardo Barlaam

    • News24

    La Gran Bretagna cresce più del previsto, nonostante Brexit

    La forza dell'economia globale spinge avanti il veliero britannico, nonostante il vento contrario di Brexit. La crescita del Pil in Gran Bretagna sarà più alta del previsto grazie alla ripresa sincronizzata delle economie mondiali e alla debolezza della sterlina, secondo il nuovo rapporto del

    – di Nicol Degli Innocenti

1-10 di 787 risultati