Persone

Theresa May

Theresa Mary May, nata il 1º ottobre del 1956 a Eastbourne, è una politica britannica, leader del partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, dal 13 luglio del 2016, dopo l'esito del referendum sulla Brexit. May, che ha convocato le elezioni anticipate l’8 giugno 2017, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento.

Ha studiato geografia a Oxford, dove ha conosciuto il marito Philip grazie all'amica Benazir Bhutto,futura premier del Pakistan, che li ha presentati a un party di giovani Tories.

Cattolica praticante, è favorevole alle nozze gay ma ha votato contro le adozioni.

Dopo essersi laureata ha lavorato presso la Banca d'inghilterra, per poi dedicarsi alla politica, nel 2012 è diventata la prima donna ad assumere l'incarico di presidente dei Tory, raggiungendo poi l'ambito ruolo di ministro dell'interno, l'incarico britannico più prestigioso dopo quello di premier, cancelliere dello Scacchiere e ministro degli Esteri.

In materia di immigrazione si è distinta per una linea politica inflessibile, innalzando la soglia minima di salario per i lavoratori non europei che vogliono stabilirsi in Gran Bretagna. Ritiene che Brexit vuol dire Brexit e che con lei premier la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Theresa May
    • News24

    Brexit, nemmeno la cena tra May e Juncker fa fare passi avanti ai negoziati

    La cena a Bruxelles ieri sera tra la premier britannica Theresa May e il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker, affiancati da Michel Barnier, ... La cena a Bruxelles ieri sera tra la premier britannica Theresa May e il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker, affiancati da Michel Barnier, negoziatore capo della Ue e da David Davis, ministro responsabile per l'uscita dalla Ue, si è conclusa dopo 90 minuti con un nulla di fatto. ...cena insieme, la May e Juncker hanno...

    – di Nicol Degli Innocenti

    • Info Data

    Brexit, a un anno dalle consultazioni cosa è successo all'economia in Uk

    E' quanto si legge sul Daily Telegraph, fra l'altro quotidiano molto vicino al governo conservatore di Theresa May, che sottolinea come non sia rimasta una riserva di asset stranieri da utilizzare per proteggere l'economia nazionale contro i rischi della Brexit.

    – Filippo Mastroianni

    • Agora

    E se i Tories eurofobi prendessero il potere?

    Johnson non ha mancato di farsi notare con scritti su e interviste a giornali di destra nei momenti meno opportuni (poco prima della Conferenza del partito a Manchester e poco dopo il discorso di Firenze di Theresa May) tagliando l'erba sotto i piedi al Primo Ministro.

    – Marco Niada

    • Agora

    Cara Europa, vittima di noi europei

    Incalzata da Iain Dale della radio inglese LBC, qualche giorno fa Theresa May si è rifiutata di dire come voterebbe oggi: l'anno scorso aveva scelto "remain" e lo rifarebbe, toccando con mano il disastro britannico. ... Le ultime elezioni non le ha quasi vinte lui, le ha quasi perse clamorosamente l'impresentabile candidata di un impresentabile partito conservatore: non riuscire a battere un'anatra più paralizzata che zoppa come Theresa May, è stato un segno di mediocrità politica.

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Brexit, stallo totale sui negoziati. Nessun accordo sul conto da pagare

    Il discorso di Theresa May a Firenze in settembre, nel quale la premier inglese ha offerto alcune assicurazioni, «ha dato un nuovo slancio, ma non posso in questo momento proporre di aprire il negoziato sul futuro partenariato», ha detto l'uomo politico francese durante una conferenza stampa qui a Bruxelles dove si è svolta la quinta tornata di negoziati tra le due parti.

    – di Beda Romano

    • News24

    Brexit, May pronta ad un addio senza accordo con l'Ue

    Theresa May ostenta ottimismo sui negoziati con l'Unione europea, ma ha ammesso in Parlamento che è «nostra responsabilità prepararci per ogni eventualità» compresa un'uscita senza accordo.

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Giappone, campagna elettorale al via: ecco la guida in cinque punti

    Il 22 ottobre si saprà se la scommessa di Abe sarà andata a buon fine o se, come è accaduto a Theresa May, sciogliere il Parlamento prima della scadenza naturale quando si è già forti può riservare amare sorprese.

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • Agora

    Breve promemoria degli schieramenti della Brexit

    Per chi si interessa di temi britannici ed europei, è importante avere le idee chiare sulla composizione degli elettori che hanno votato per la Brexit. In genere tutti sanno che i giovani e le persone più istruite hanno votato contro la Brexit e viceversa gli anziani e i meno istruiti hanno votato a favore. Credo però sia utile avere chiari questi dati nei dettagli illustrati da questa tabella. Il che serve a capire meglio le ragioni profonde alla base delle scelte politiche e delle reazioni del...

    – Marco Niada

1-10 di 701 risultati