Persone

Theresa May

Theresa Mary May, nata il 1º ottobre del 1956 a Eastbourne, è una politica britannica, leader del partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, dal 13 luglio del 2016, dopo l'esito del referendum sulla Brexit. May, che ha convocato le elezioni anticipate l’8 giugno 2017, ha perso la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento.

Ha studiato geografia a Oxford, dove ha conosciuto il marito Philip grazie all'amica Benazir Bhutto,futura premier del Pakistan, che li ha presentati a un party di giovani Tories.

Cattolica praticante, è favorevole alle nozze gay ma ha votato contro le adozioni.

Dopo essersi laureata ha lavorato presso la Banca d'inghilterra, per poi dedicarsi alla politica, nel 2012 è diventata la prima donna ad assumere l'incarico di presidente dei Tory, raggiungendo poi l'ambito ruolo di ministro dell'interno, l'incarico britannico più prestigioso dopo quello di premier, cancelliere dello Scacchiere e ministro degli Esteri.

In materia di immigrazione si è distinta per una linea politica inflessibile, innalzando la soglia minima di salario per i lavoratori non europei che vogliono stabilirsi in Gran Bretagna. Ritiene che Brexit vuol dire Brexit e che con lei premier la Gran Bretagna lascerà l'Unione europea.

Ultimo aggiornamento 09 giugno 2017

Ultime notizie su Theresa May
    • News24

    Ema, il trasferimento può gravare per 472 milioni sul bilancio Ue

    Non è un caso che il 2 marzo, nel discorso "Road to Brexit" pronunciato alla Mansion House di Londra, il primo ministro britannico Theresa May abbia espresso ancora una volta l'auspicio che il Regno Unito possa restare, dopo la Brexit, membro dell'Agenzia europea per i medicinali, dell'Agenzia chimica e dell'Agenzia per la sicurezza aerea.

    – di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi

    • News24

    May sconfitta alla Camera dei Lord sulla Brexit dall'unione doganale

    La premier Theresa May ha dichiarato che la Gran Bretagna lascerà il mercato unico e l'unione doganale quando uscirà dall'Unione Europea e che non ci saranno compromessi o ripensamenti a riguardo. Lasciare l'unione doganale, secondo la May, è fondamentale per avere la libertà di negoziare accordi commerciali bilaterali con altri Paesi.

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    May sugli attacchi aerei in Siria: «Giusti sul piano legale e morale»

    LONDRA - Gli attacchi aerei in Siria sono «giusti sia dal punto di vista legale che morale»: parola di Theresa May. ... «Non abbiamo agito perché ce lo ha chiesto il presidente Trump ma perché era la cosa giusta da fare», ha precisato la May, ed era nell'interesse nazionale della Gran Bretagna. ... Le prove sono «chiare ed evidenti» che è stato il presidente siriano Assad a ordinare gli attacchi chimici di Douma del 7 aprile, ha detto la May: «Nessun altro avrebbe potuto farlo».

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    «Brexit non è inevitabile»: lanciata la campagna per un secondo referendum

    Westminster, secondo lo studio, avrà il potere di modificare la mozione che il Governo presenterà ai deputati e potrebbe votare a favore di un secondo referendum o persino respingere l'accordo e esigere elezioni anticipate, dato che la premier Theresa May non ha una maggioranza in Parlamento.

    – di Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Blitz in Siria, il gran ritorno dell'asse transatlantico

    Mentre con Londra c'è stata la cancellazione di una programmata visita per l'inaugurazione della nuova ambasciata americana nella capitale del Regno Unito e ci sono state le rimostranze del premier Theresa May per il rilancio da parte di Trump di contenuti prelevati da un sito inglese estremista e razzista.

    – di Marco Valsania

    • News24

    L'ok di Theresa May all'attacco in Siria è una sfida a Westminster

    La decisione di Theresa May di autorizzare gli attacchi aerei sulla Siria è strettamente collegata al tentato omicidio con un agente nervino dell'ex spia russa Serghej Skripal e della figlia Yulia nella cittadina inglese. ... La genuina indignazione della May per l'attentato su suolo britannico, e la sua convinzione che sia stato ordinato dal regime russo, hanno portato a un netto cambiamento nel suo atteggiamento.

    – di Nicol Degli Innocenti

1-10 di 834 risultati