Le parole chiave

Terzo valico

Il progetto del Terzo valico prevede un nuovo collegamento ad Alta velocità/capacità fra Genova e Tortona (lunghezza 54 chilometri, 39 in galleria). L'opera è stata suddivisa in sei lotti e il costo complessivo è di 6,2 miliardi. Al momento sono disponibili 720 milioni destinati al primo lotto. Il general contractor chiede garanzie per il finanziamento, pari a 1,1 miliardi, del secondo lotto. Nel 1992 la realizzazione dell'infrastruttura è stata affidata, a trattativa privata, al consorzio Civ diventato, in seguito, Cociv. L'ultimo Governo Prodi ha revocato la concessione, che è stata poi riaffidata dal Governo attualmente in carica. Nel 2009, Walter Lupi è stato nominato commissario al Terzo valico.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2016

Ultime notizie su Terzo valico
    • News24

    «Terzo valico ultimato nel 2021»

    Sarà l'apertura del Gottardo tra meno di due mesi la variabile più importante per il futuro della logistica nell'area del Nord-Ovest. La prima galleria di base ferroviaria in pianura lungo la direttrice nord-sud chiama in causa l'intero sistema della logistica, riunito negli Stati generali di

    – di Filomena Greco

    • News24

    Nord-Ovest, asse porti-ferrovie

    Passa dal potenziamento dei porti liguri (Genova, Savona e La Spezia) e dal loro collegamento con le future reti ferroviarie ad Alta velocità/Alta capacità (Terzo valico Genova-Novara-Milano, Tav Torino-Lione) il rilancio della logistica e del trasporto merci del Nord-Ovest. Porti e ferrovie veloci

    – di Marco Morino

    • News24

    Flessibilità, 4 miliardi a infrastrutture

    Prende corpo il piano italiano per la clausola di flessibilità di bilancio in favore degli investimenti. Il governo ha inviato a Bruxelles nei giorni scorsi un documento che conferma la richiesta di flessibilità pari allo 0,3% del Pil (5.150 milioni di spesa nazionale cui vanno aggiunti circa 6

    – Giorgio Santilli

    • News24

    Uscita di scena graduale per il general contractor

    L'addio alla legge obiettivo, con il nuovo Codice appalti, è totale. Scompare il programma delle infrastrutture stategiche (il Pis), cioè in sostanza la cartina di Berlusconi con le opere di serie A, e scompaiono le relative procedure speciali, con delibere Cipe e possibilità di scavalcare gli enti

    – Alessandro Arona

1-10 di 175 risultati