Aziende

Tenaris

Tenaris è uno dei maggiori produttori e fornitori in tutto il mondo di tubi e servizi per l'esplorazione e la produzione di petrolio e gas. È quotata alla borsa di Milano e fa parte del segmento dei titoli blue chip. È quotata anche alla borsa di New York e di Città del Messico.

Tenaris nasce nel 2002 quando il gruppo Techint decise di raggruppare tutte le sue attività nella produzione di tubi in acciaio in un unico gruppo. Fonde così la storica Dalmine, già quotata alla borsa italiana, con le società del gruppo in altri paesi come Argentina, Messico, Giappone, Canada, e soprattutto Argentina. Nasce così un gruppo mondiale sotto il marchio Tenaris. La vecchia denominazione delle società che compongono il gruppo rimane, ad esempio in Italia il gruppo è presente con TenarisDalmine.

La Dalmine era un'azienda storica del settore, fondata ad inizio Novecento dai fratelli Mannesmann. Nel 1996 Dalmine era entrata nel gruppo Techint, per essere infine fusa in Tenaris nel 2002 ed uscire così dalla borsa di Milano.

Il gruppo Tenaris è controllato da una holding lussemburghese (Techint), la sede è però in argentina ed è posseduta dai discendenti di Agostino Rocca, italiano emigrato in Argentina dopo la seconda guerra mondiale.

Tenaris è specializzata nella produzione di tubi di acciaio senza saldatura per l'industria energetica, automobilistica e meccanica. I suoi prodotti sono applicati in una varietà di settori, da quello meccanico a quello petrolifero, dal settore auto alla chimica, passando per la produzione di energia.

Nonostante la crisi del settore petrolifero, Tenaris ha chiuso il primo trimestre 2016 con un risultato netto positivo, infatti ha conseguito un fatturato pari a 1,257 miliardi di dollari ed un utile netto in calo ma pari a 28 milioni di dollari.

Presidente e CEO della società è dal 2002 Paolo Rocca.

Ultimo aggiornamento 25 gennaio 2017

Ultime notizie su Tenaris
    • News24

    Piazza Affari frena sul finale. Trump minaccia dazi su auto Ue, Fca -2,4%

    Dopo una seduta in territorio ampiamente positivo e guadagni anche fino all'1,2%, Milano ha leggermente rallentato nel finale, chiudendo in aumento dello 0,99%. Da segnalare però la frenata di Fiat Chrysler Automobiles (-2,42%), penalizzata dal tweet del presidente americano Donald Trump, che ha

    – di E. Miele e S. Arcudi

    • News24

    I petroliferi pagano ancora il calo del greggio, soffre Tenaris

    Petroliferi in difficoltà a Piazza Affari per il calo del greggio con il Wti consegna luglio che cede 1,21 dollari a 63,85 dollari al barile, ormai ai minimi da aprile. Saipem lascia così sul terreno oltre il 2% (nonostante un report positivo di Jp Morgan che conferma il giudizio overweight con

    – di Cheo Condina

    • News24

    Colombia, vince il conservatore Duque critico sull'accordo con le Farc

    Con il 96,5% delle schede scrutinate il candidato del centrodestra alle elezioni presidenziali in Colombia Ivan Duque vince con il 54% dei voti contro il 42%ottenuto dal suo avversario del centrosinistra, l'ex guerrigliero Gustavo Petro. Lo riportano i media internazionali.

    – di Roberto Da Rin

    • News24

    Petrolio e banche frenano rally di Milano. Lunedì dividendi per 5 big

    Piazza Affari guida la correzione delle Borse europee al termine di una settimana di complessivo per l'azionario e si prepara per una ottava che si aprirà nel segno dei div idendi: saranno infatti cinque le big del Ftse Mib che staccheranno la cedola (Snam, Poste, Terna, StMicroelectronics e Exor),

    – di Chiara Di Cristofaro e Andrea Fontana

    • News24

    Wall Street vira in negativo dopo la Fed. Ferrari ai massimi storici

    Seduta cauta per le Borse europee, mentre Wall Street vira in negativo dopo la notizia che la Federal Reserve si aspetta altri due rialzi dei tassi nel corso del 2018 dopo quello di un quarto di punto deciso oggi.

    – di C. Di Cristofaro e S. Arcudi

    • News24

    Il G7 fa soffrire le Borse. Ancora vendite sull'Italia: -2% Milano, spread a 270

    Le tensioni tra il presidente Usa e gli altri leader dei Paesi partecipanti al G7 in Canada si sono fatti sentire su tutti i listini europei, piegati dai timori di impatti sugli accordi commerciali esistenti ma anche dai segnali di rallentamento dell'economia europea, ma è stata ancora Piazza

    – di Chiara Di Cristofaro e Andrea Fontana

    • News24

    Piazza Affari (+1,5%) brinda al Governo. Spread chiude a 239 punti

    La nascita del Governo Conte, dopo settimane di stallo e l'ipotesi concreta di ritorno alle urne, e il ribaltone in Spagna con Pedro Sanchez nuovo premier alla guida di un Governo a impronta socialista rimuovono due elementi di incertezza e, insieme ai brillanti dati Usa sui nuovi posti di lavoro,

    – di E. Micheli e A. Fontana

    • News24

    Effetto dazi sulle Borse, ma Milano tiene sul finale. Spread a 254

    Giornata di vendite sulle Borse europee, penalizzate nel pomeriggio dalla notizia che l'amministrazione Trump ha annunciato dazi su acciaio e alluminio anche per l'Europa, area che invece dallo scorso marzo era stata esentata. Anche il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, ha

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Milano e Madrid affossano l'Europa. Spread vola ancora e chiude a 303 punti

    I listini di Italia e Spagna, entrambe in una situazione di forte tensione politica, trascinano al ribasso tutta l'Europa in un'altra seduta di Borsa all'insegna della volatilità e della speculazione, che fa volare i rendimenti dei Btp italiani (in particolare sulle brevi scadenze) e lo spread

    – di Cheo Condina

1-10 di 704 risultati