Aziende

Tenaris

Tenaris è uno dei maggiori produttori e fornitori in tutto il mondo di tubi e servizi per l'esplorazione e la produzione di petrolio e gas. È quotata alla borsa di Milano e fa parte del segmento dei titoli blue chip. È quotata anche alla borsa di New York e di Città del Messico.

Tenaris nasce nel 2002 quando il gruppo Techint decise di raggruppare tutte le sue attività nella produzione di tubi in acciaio in un unico gruppo. Fonde così la storica Dalmine, già quotata alla borsa italiana, con le società del gruppo in altri paesi come Argentina, Messico, Giappone, Canada, e soprattutto Argentina. Nasce così un gruppo mondiale sotto il marchio Tenaris. La vecchia denominazione delle società che compongono il gruppo rimane, ad esempio in Italia il gruppo è presente con TenarisDalmine.

La Dalmine era un'azienda storica del settore, fondata ad inizio Novecento dai fratelli Mannesmann. Nel 1996 Dalmine era entrata nel gruppo Techint, per essere infine fusa in Tenaris nel 2002 ed uscire così dalla borsa di Milano.

Il gruppo Tenaris è controllato da una holding lussemburghese (Techint), la sede è però in argentina ed è posseduta dai discendenti di Agostino Rocca, italiano emigrato in Argentina dopo la seconda guerra mondiale.

Tenaris è specializzata nella produzione di tubi di acciaio senza saldatura per l'industria energetica, automobilistica e meccanica. I suoi prodotti sono applicati in una varietà di settori, da quello meccanico a quello petrolifero, dal settore auto alla chimica, passando per la produzione di energia.

Nonostante la crisi del settore petrolifero, Tenaris ha chiuso il primo trimestre 2016 con un risultato netto positivo, infatti ha conseguito un fatturato pari a 1,257 miliardi di dollari ed un utile netto in calo ma pari a 28 milioni di dollari.

Presidente e CEO della società è dal 2002 Paolo Rocca.

Ultimo aggiornamento 25 gennaio 2017

Ultime notizie su Tenaris
    • News24

    Milano argina le perdite con le banche, chiude a -0,62%

    Pesanti gli energetici che risentono del calo del greggio con Saipem che cede il 2,9%, dopo il crollo del 7% della vigilia in seguito all'esclusione dall'indice Msci in favore di Campari (-0,76%), Tenaris l'1,6% ed Eni l'1,2%.

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Europa tira il fiato e aspetta neo presidente Fed. A Milano vola Tenaris

    Intanto a Piazza Affari il Ftse Mib ieri sui massimi dall'agosto 2015 a 23mila punti sale dello 0,26% a 23.053- Sull'azionario milanese brilla Tenaris (+6,8% dopo non aver fatto prezzo in avvio) che ha chiuso in terzo trimestre decisamente migliore delle attese e ha fornito un outlook che conferma un'accelerazione dal quarto trimestre.

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    La mano dura di Rajoy fa volare Madrid. Spread chiude sui minimi

    Le Borse europee chiudono una seduta contrastata in cui, anche dopo l'apertura in rosso di Wall Street, brilla soltanto Madrid, che chiude in rialzo del 2,4%. Gli operatori hanno dunque valutato positivamente la dura reazione del governo centrale spagnolo alla dichiarazione di indipendenza della

    – di Andrea Fontana e Cheo Condina

    • News24

    Calo euro spinge Borse ai massimi da 5 mesi, ma resta incognita Catalogna

    Se il dietrofront dell'euro dopo la Bce e il Pil Usa hanno favorito la corsa di Francoforte e Parigi, spingendo l'Eurostoxx50 ai massimi da cinque mesi, Piazza Affari è scivolata con il settore bancario e con Eni mentre Madrid cade dell'1,45% dopo la dichiarazione di indipendenza votata dal

    – di C.Di Cristofaro e A.Fontana

    • News24

    Tutta l'innovazione delle imprese consolidate

    Naturalmente lo è, perché l'imprenditorialità può creare le prossime Luxottica, Tenaris, Atlantia,... o, Procter and Gamble, Microsoft, ecc. Talora l'imprenditorialità crea imprese grandi e longeve, che continuano ad essere innovative e imprenditoriali per lungo tempo e contribuiscono in modo determinante alla crescita e alla creazione di posti di lavoro.

    – di Nicolai Foss

    • News24

    Borse piatte in attesa della Catalogna. A Milano focus su Mediaset e Telecom

    Chiusura incolore per le Borse europee (segui qui l'andamento dei principali indici), attente agli sviluppi in Catalogna e alle future mosse delle banche centrali del mondo. Oltreoceano è stato annunciato che l'inflazione di settembre, quella misurata su base mensile, si è attestata allo 0,5%. Pur

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Madrid chiude a -1,2%, ma senza scosse in Europa. Dow oltre 22.500

    La vittoria del fronte indipendentista nel referendum che si è tenuto ieri in Catalogna non ha provocato oggi sui mercati finanziari europei gli scossoni che si potevano temere. La volontà espressa dai leader della regione di voler avviare la procedura di indipendenza forte del trionfo dei sì ha

    – di A. Fontana e C.Poggi

1-10 di 635 risultati