Aziende

Tenaris

Tenaris è uno dei maggiori produttori e fornitori in tutto il mondo di tubi e servizi per l'esplorazione e la produzione di petrolio e gas. È quotata alla borsa di Milano e fa parte del segmento dei titoli blue chip. È quotata anche alla borsa di New York e di Città del Messico.

Tenaris nasce nel 2002 quando il gruppo Techint decise di raggruppare tutte le sue attività nella produzione di tubi in acciaio in un unico gruppo. Fonde così la storica Dalmine, già quotata alla borsa italiana, con le società del gruppo in altri paesi come Argentina, Messico, Giappone, Canada, e soprattutto Argentina. Nasce così un gruppo mondiale sotto il marchio Tenaris. La vecchia denominazione delle società che compongono il gruppo rimane, ad esempio in Italia il gruppo è presente con TenarisDalmine.

La Dalmine era un'azienda storica del settore, fondata ad inizio Novecento dai fratelli Mannesmann. Nel 1996 Dalmine era entrata nel gruppo Techint, per essere infine fusa in Tenaris nel 2002 ed uscire così dalla borsa di Milano.

Il gruppo Tenaris è controllato da una holding lussemburghese (Techint), la sede è però in argentina ed è posseduta dai discendenti di Agostino Rocca, italiano emigrato in Argentina dopo la seconda guerra mondiale.

Tenaris è specializzata nella produzione di tubi di acciaio senza saldatura per l'industria energetica, automobilistica e meccanica. I suoi prodotti sono applicati in una varietà di settori, da quello meccanico a quello petrolifero, dal settore auto alla chimica, passando per la produzione di energia.

Nonostante la crisi del settore petrolifero, Tenaris ha chiuso il primo trimestre 2016 con un risultato netto positivo, infatti ha conseguito un fatturato pari a 1,257 miliardi di dollari ed un utile netto in calo ma pari a 28 milioni di dollari.

Presidente e CEO della società è dal 2002 Paolo Rocca.

Ultimo aggiornamento 25 gennaio 2017

Ultime notizie su Tenaris
    • News24

    L'Europa fa dietrofront nel finale, a Milano forti vendite su Fiat Chrysler

    Le Borse europee si afflosciano nel finale nonostante la nuova seduta record di Wall Street con il Dow Jones che, dopo un'apertura sopra i 26mila punti, ha comunque limato i guadagni. Piazza Affari archivia la giornata con un ribasso dello 0,2% su cui pesano soprattutto le performance di due titoli

    – di Cheo Condina

    • News24

    Borse, Milano maglia rosa con rally Azimut. Euro a un soffio da 1,23

    Il nuovo scatto dell'euro, giunto a un soffio da quota 1,23 dollari, ha messo il freno alle Borse europee con l'eccezione di Milano (quil'andamento degli indici principali). In una giornata priva di indicazioni da Wall Street, chiusa per il Martin Luther King Day, il FTSE MIB di Piazza Affari ha

    – di A. Fontana e P. Paronetto

    • News24

    Borse correggono dopo corsa inizio 2018. Euro/dollaro sopra 1,22

    Le Borse europee correggono leggermente in avvio di seduta, dopo due settimane di continui rialzi (Milano ha guadagnato oltre il 7% nel 2018, lo Stoxx Euro 600 il 2,4%), rallentate dal nuovo scatto dell'euro/dollaro sopra quota 1,22. La giornata di oggi non potrà contare sul punto di riferimento di

    – di Andrea Fontana

    • News24

    Bce e Germania spingono euro e listini. Sterlina al top su dollaro

    La Bce che prepara la fine del quantitative easing e il patto di governo Cdu-Spd in Germania spingono l'euro (massimi da tre anni a 1,2127) e i listini azionari continentali tutti positivi in chiusura. Piazza Affari ha guadagnato lo 0,53% nel FTSE MIB proseguendo la serie positiva del nuovo anno:

    – di E. Micheli e A.Fontana

    • News24

    Saipem e St spingono Milano a nuovi massimi. Il Brent supera i 70 dollari

    Seduta contrastata per le Borse europee (qui i principali indici). Se Piazza Affari ha aggiornato i massimi da agosto 2015 beneficiando delle indicazioni incoraggianti arrivate dai verbali dell'ultimo consiglio direttivo della Bce sul fronte della ripresa economica (e non lasciandosi spaventare da

    – di E. Micheli e P. Paronetto

    • News24

    Energetici sotto i riflettori col greggio al top dal 2015

    In una seduta in cui gli acquisti sono generalizzati, la corsa dei prezzi del greggio spinge al rialzo anche i titoli energetici a partire da Saipem , bene anche Tenaris ed Eni . C'è da dire che Saipem ha anche registrato nel 2017 la performance peggiore del listino con un calo del 28,5%. A

    – di Chiara Di Cristofaro

    • News24

    Effetto Dow sui listini europei, Milano chiude a +2,8% con super Fca

    Borse europee a passo di carica nella terza seduta del 2018 (segui qui i principali indici), incoraggiate dai nuovi record di Wall Street, con il Dow Jones sopra i 25mila punti, e dai livelli raggiunti da Tokyo, che questa mattina si è spinta su massimi che non vedeva dal lontano 1992.

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Euro verso 1,21 dollari frena le Borse. Milano tiene con Unipol e Fca

    La corsa dell'euro/dollaro, che ha sfiorato in giornata quota 1,21 toccando i massimi da quattro mesi, ha condizionato la prima seduta del 2018 dei listini azionari europei che solo nella seconda parte della seduta con la vivacità di Wall Street (segui qui l'andamento delle Borse Usa) e gli

    – di E. Micheli e A.Fontana

    • News24

    Fca e Stm al top a Piazza Affari, in coda Saipem e Leonardo

    E' di Fca la miglior performance del 2017 fra le big di Piazza Affari. In base ai dati diffusi da Borsa Italiana, il titolo della casa automobilistica ha guadagnato il 73,5% negli ultimi 12 mesi risultando il miglior titolo del Ftse Mib, seguita da Stmicroelectronics (+70,1% dopo il +71% del 2016),

    • News24

    La Borsa di Londra al nuovo record. Intesa Sp protagonista a Milano

    La nuova seduta al rialzo di Wall Street, galvanizzata dall'imminente via libera alla riforma fiscale Usa (c'è il doppio ok delle Camere e manca solo la firma del presidente Donald Trump), spinge l'Europa che chiude in rialzo una giornata vissuta quasi tutta attorno alla parità. Nessun contraccolpo

    – di Cheo Condina

1-10 di 658 risultati