Aziende

Tenaris

Tenaris è uno dei maggiori produttori e fornitori in tutto il mondo di tubi e servizi per l'esplorazione e la produzione di petrolio e gas. È quotata alla borsa di Milano e fa parte del segmento dei titoli blue chip. È quotata anche alla borsa di New York e di Città del Messico.

Tenaris nasce nel 2002 quando il gruppo Techint decise di raggruppare tutte le sue attività nella produzione di tubi in acciaio in un unico gruppo. Fonde così la storica Dalmine, già quotata alla borsa italiana, con le società del gruppo in altri paesi come Argentina, Messico, Giappone, Canada, e soprattutto Argentina. Nasce così un gruppo mondiale sotto il marchio Tenaris. La vecchia denominazione delle società che compongono il gruppo rimane, ad esempio in Italia il gruppo è presente con TenarisDalmine.

La Dalmine era un'azienda storica del settore, fondata ad inizio Novecento dai fratelli Mannesmann. Nel 1996 Dalmine era entrata nel gruppo Techint, per essere infine fusa in Tenaris nel 2002 ed uscire così dalla borsa di Milano.

Il gruppo Tenaris è controllato da una holding lussemburghese (Techint), la sede è però in argentina ed è posseduta dai discendenti di Agostino Rocca, italiano emigrato in Argentina dopo la seconda guerra mondiale.

Tenaris è specializzata nella produzione di tubi di acciaio senza saldatura per l'industria energetica, automobilistica e meccanica. I suoi prodotti sono applicati in una varietà di settori, da quello meccanico a quello petrolifero, dal settore auto alla chimica, passando per la produzione di energia.

Nonostante la crisi del settore petrolifero, Tenaris ha chiuso il primo trimestre 2016 con un risultato netto positivo, infatti ha conseguito un fatturato pari a 1,257 miliardi di dollari ed un utile netto in calo ma pari a 28 milioni di dollari.

Presidente e CEO della società è dal 2002 Paolo Rocca.

Ultimo aggiornamento 25 gennaio 2017

Ultime notizie su Tenaris
    • News24

    L'Europa guarda alle trimestrali. A Milano sale Telecom

    Sull'azionario milanese, i petroliferi beneficiano della corsa del greggio con Saipem in rialzo dell'1,5% (dopo il +4,2% di ieri e per la quale il numero uno di Eni, Claudio Descalzi, ha escluso una cessione della propri quota), Tenaris dello 0,76% ed Eni dello 0,2%.

    – di Chiara Di Cristofaro

    • News24

    Wall Street in rosso sgonfia le Borse sul finale. A Milano giù Tim e Azimut

    Le Borse europee frenano sul finale e, complice il calo di Wall Street, passano all'incasso dopo una settimana in cui Piazza Affari è risalita dell'1,5% e lo Stoxx600 dell'1% circa. Il rallentamento degli acquisti sul settore auto e le vendite su tecnologici e farmaceutici hanno riportato gli

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    Borse, la Siria fa meno paura. Milano al top da febbraio (+1,27%) , rally di St

    Le Borse europee chiudono sui massimi di seduta, ad eccezione di Londra, grazie all'apertura vigorosa di Wall Street (+1,2% il Dow Jones) e al leggero allentamento delle tensioni sulla Siria con Donald Trump che ha frenato su un possibile attacco. A Piazza Affari, che archivia la giornata sui

    – di Cheo Condina

    • News24

    Le tensioni in Siria frenano le Borse. A Milano giù Telecom, vola l'As Roma

    Battuta d'arresto per Piazza Affari, che dopo aver aperto la settimana con due sedute consecutive di rialzo, ha accusato insieme a tutti gli altri listini azionari mondiali (qui gli indici europei e Wall Street) i timori di un'escalation militare della crisi siriana. A Milano il Ftse Mib ha così

    – Di Cristofaro e Paronetto

    • News24

    Effetto Xi sui mercati, rally di Tim (+3%). Brent oltre i 70 dollari

    L'impegno del presidente Xi Jinping a un'economia cinese più aperta, che segue i toni concilianti di Trump sulla guerra commerciale, fa scattare Wall Street (arrivato a guadagnare il 2%) e le Borse europee grazie in particolare agli acquisti su auto e minerari. Piazza Affari, già ieri ai livelli di

    – di S. Arcudi e A. Fontana

    • News24

    Wall Street affonda sul timore di una guerra commerciale Usa-Cina. Exploit Tim a Milano

    La «possibilità di una guerra commerciale» tra Usa e Cina - evocata per la prima volta esplicitamente dal segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin - ha mandato in tilt gli investitori. Gli indici a Wall Street hanno ampliato ulteriormente le perdite toccando nuovi minimi intraday. Questo

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    Rimbalzo Tenaris, Seul ridurrà export acciaio verso Usa

    Rimbalzo di Tenaris in Borsa dopo il -6% accusato la scorsa settimana dal gruppo di tubi per l'industria dell'oil&gas. Il tonfo era stato innescato dalla decisione degli Stati Uniti di esentare anche la Corea del Sud, principale Paese di importazione di tubi senza saldatura negli Usa, dalle

    – di Andrea Fontana

    • News24

    Ancora giù Tenaris, pesa l'esenzione dai dazi della Corea del Sud

    Tenaris soffre ancora e dopo il calo del 6% della vigilia oggi lascia sul parterre oltre 4 punti percentuali. A pesare sulle azioni, l'esenzione della Corea del Sud dai dazi su acciaio e alluminio. Come l'Ue, Australia, Argentina e Brasile, l'esenzione interviene per permettere di negoziare una

    – di Chiara Di Cristofaro

1-10 di 689 risultati