Aziende

Technogym

L’italiana Technogym è l’azienda produttrice di attrezzature per il fitness che si è posta da diversi anni ai primi posti nel mercato mondiale del settore. Fondata nel 1983 a Gambettola (Cesena) dal suo attuale presidente Nerio Alessandri, che ha costruito i primi attrezzi per la palestra nel garage di casa, l’azienda realizza l’85% del proprio giro d’affari con il sistema di vendita business to business. Attualmente Technogym utilizza 1.400 dipendenti, organizzati in 13 filiali, dalle quali dipendono 60 distributori esclusivi tra mercato italiano e estero: proprio l’export rappresenta l’88 per cento del giro di affari dell’azienda produttrice di attrezzature per il fitness. Ad oggi in numeri di Technogym dicono che le installazioni in palestre sono state circa 50mila, con un “indotto” di circa 20 milioni di utenti che utilizzano le attrezzature Technogym ogni settimana, mentre le installazioni in abitazioni private sono state circa 20mila. L’azienda italiana è molto conosciuta nel mondo anche perchè è stata il fornitore esclusivo ufficiale delle Olimpiadi di Pechino del 2008: grazie a questo exploit ha visto una sua quota azionaria di minoranza venire acquistata dal fondo di investimento americano Candover. Sempre nel mondo sportivo di alto livello Technogym ha realizzato diverse altre partnership di prestigio, per la fornitura di attrezzature per il fitness, tra le quali ci sono quella con il team Ferrari di Formula Uno, con i team velici Luna Rossa e Alinghi e con la squadra di calcio inglese del Chelsea. Per l’azienda italiana è anche molto importante l’innovazione, tanto che il 15% dei dipendenti sono impegnati nei settori di ricerca e sviluppo e che i brevetti depositati dalla nascita di Technogym ad oggi sono circa 200.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Technogym
    • News24

    A Piazza Affari è corsa ai collocamenti

    Prima ancora è finito sul mercato il 5% di De' Longhi, il 12,3% di Ovs, il 17,5% di Unieuro, il 2,43% di Amplifon e l'8% di Technogym.

    – di Laura Galvagni e Marigia Mangano

    • News24

    A Piazza Affari è corsa ai collocamenti

    Prima ancora è finito sul mercato il 5% di De' Longhi, il 12,3% di Ovs, il 17,5% di Unieuro, il 2,43% di Amplifon e l'8% di Technogym.

    – Marigia Mangano

    • News24

    Mister Technogym: utile in calo per la holding lussemburghese

    Utile in calo per Lqh, la holding lussemburghese di Nerio Alessandri, il 'patron' di Technogym, che conta comunque oltre 500 milioni di profitti a nuovo e liquidità per quasi 150 milioni. Nel 2016 la finanziaria, fondata nel 1997, ha segnato un profitto netto di 2,9 milioni contro i 14 milioni

    – di Giuliana Licini

    • News24

    Palestre, Spa e resort: il mondo del welness fa il pieno di assunzioni

    Personal trainer, addetti alle aree benessere, receptionist, assistenti di sala, estetiste, massaggiatori, fisioterapisti, medici dello sport. Ma anche manager con esperienza nella gestione di Spa, ingegneri specializzati nei processi produttivi, esperti in ambito digital e comunicazione, agenti

    – di Daniele Cesarini e Francesco Nariello

    • News24

    Le premesse future della «civiltà italica»

    Il discorso tenuto ieri da Piero Bassetti all'Onu sulla "civiltà italica" ha fornito (insieme agli altri autorevoli interventi) spunti importanti su come superare e innovare un'idea, quella di nazione, che non sembra tenere il passo con i mutamenti degli ultimi vent'anni. Cos'è la civiltà italica e

    – di Stefano Micelli

    • News24

    A Portopiccolo Spa da 12 milioni di euro con vista sul Golfo di Trieste

    Dodici milioni di euro di investimento, 3.600 metri quadri su tre piani, una panoramic suite dotata di vasca di deprivazione sensoriale e sauna in cristallo con vista sul Golfo di Trieste, dalla foce del fiume Isonzo a Punta Salvore in Croazia: la nuova Spa by Bakel di Portopiccolo si candida (a

    – di Federico De Cesare Viola

    • News24

    In Emilia Romagna le «valley» industriali diventano cluster turistici

    Il sistema turistico emiliano romagnolo si mette alle spalle la crisi, consolida i grandi numeri (più di 48,3 milioni di presenze nel 2016, oltre 17,2 nei primi sei mesi di quest'anno, con una impennata del 7,6%) e gioca una delle sue partite più importanti sui mercati esteri. La posta in gioco è

    – di Natascia Ronchetti

    • NovaCento

    La via italiana all'Open Innovation

    Domenica 2 luglio, Nòva ha deciso di fare il punto sull'implementazione dell'Open Innovation in Italia. Guido Romeo ha curato due pezzi. Il primo analizza il caso Catapult che dagli UK sta facendo scuola come nuovo approccio all'incubazione e accelerazione. Il secondo fa il punto sulle iniziative del MISE (contamination lab e competence center). Io vi propongo il resoconto di una mia (lunga) intervista con Jean David Malò, Direttore di Open Science & Open Innovation per la DG Research della Co...

    – Alberto Di Minin

1-10 di 216 risultati