Aziende

Technogym

L’italiana Technogym è l’azienda produttrice di attrezzature per il fitness che si è posta da diversi anni ai primi posti nel mercato mondiale del settore. Fondata nel 1983 a Gambettola (Cesena) dal suo attuale presidente Nerio Alessandri, che ha costruito i primi attrezzi per la palestra nel garage di casa, l’azienda realizza l’85% del proprio giro d’affari con il sistema di vendita business to business. Attualmente Technogym utilizza 1.400 dipendenti, organizzati in 13 filiali, dalle quali dipendono 60 distributori esclusivi tra mercato italiano e estero: proprio l’export rappresenta l’88 per cento del giro di affari dell’azienda produttrice di attrezzature per il fitness. Ad oggi in numeri di Technogym dicono che le installazioni in palestre sono state circa 50mila, con un “indotto” di circa 20 milioni di utenti che utilizzano le attrezzature Technogym ogni settimana, mentre le installazioni in abitazioni private sono state circa 20mila. L’azienda italiana è molto conosciuta nel mondo anche perchè è stata il fornitore esclusivo ufficiale delle Olimpiadi di Pechino del 2008: grazie a questo exploit ha visto una sua quota azionaria di minoranza venire acquistata dal fondo di investimento americano Candover. Sempre nel mondo sportivo di alto livello Technogym ha realizzato diverse altre partnership di prestigio, per la fornitura di attrezzature per il fitness, tra le quali ci sono quella con il team Ferrari di Formula Uno, con i team velici Luna Rossa e Alinghi e con la squadra di calcio inglese del Chelsea. Per l’azienda italiana è anche molto importante l’innovazione, tanto che il 15% dei dipendenti sono impegnati nei settori di ricerca e sviluppo e che i brevetti depositati dalla nascita di Technogym ad oggi sono circa 200.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Technogym
    • News24

    Le premesse future della «civiltà italica»

    Imprese come Illy, Technogym o Zamperla - spesso citate da Bassetti come esempio di imprese italiche - non parlano semplicemente di prodotti di qualità, belli e ben fatti, ma anche di una manifattura capace di proporre un universo di riferimenti culturali coerente con un'idea di vita e di socialità.

    – di Stefano Micelli

    • News24

    In Emilia Romagna le «valley» industriali diventano cluster turistici

    La food valley emiliana (cuore nel Parmense), la wellness valley (Romagna), la motor valley (Modena e Bologna) sono ormai a pieno titolo anche prodotti dell'industria delle vacanze capaci di aprirsi varchi soprattutto nel grande mercato statunitense, in quello canadese e in Gran Bretagna, grazie anche a nuovi patti di collaborazione stretti tra Apt e big dei vari settori come Barilla a Parma, Ducati e Ferrari tra Modena e Bologna, Technogym a Cesena.

    – di Natascia Ronchetti

    • NovaCento

    La via italiana all'Open Innovation

    Per dare l'idea delle tante diverse forme che l'Innovazione Aperta può assumere, illustriamo alcuni casi italiani: Barilla/Esselunga, Technogym e VisLab, mettendo l'accento su tre concetti al centro di questi esempi: trasferimento tecnologico,... La seconda parola chiave, «complementarietà», ci porta in Technogym, leader italiano per le attrezzature da sport indoor. ... Oggi Technogym impiega 200 ricercatori (il 10% della sua forza-lavoro), ma ha anche incubato una ventina di startup, il cui...

    – Alberto Di Minin

    • News24

    L'industria di Forlì-Cesena cresce e cerca il dialogo con la Romagna

    Ma la fusione in Confindustria Romagna «è l'unica strada per essere ascoltati a Roma e per ritrovare la leadership, ripartiamo da zero nel dialogo con Rimini e Ravenna», rimarca Nerio Alessandri, fondatore e presidente della cesenate Technogym, che invita gli industriali riuniti a Cesenatico a ritrovare l'orgoglio di essere romagnoli.

    – di Ilaria Vesentini

    • News24

    Open Innovation, in Italia (finora) funziona così

    Non produrre, ma procurarsi quel che serve. Servisse un solo rigo per dirlo, sarebbe questo il paradigma dell'Open innovation. Da quando Clayton Christensen (Innovator's Dilemma, HBR Press, 1997) ha reso popolare l'espressione «disruption innovation», è infatti chiaro a tutti che stare su mercati

    – di Alessandro D'Adda*

    • News24

    Più «mercato» in Technogym

    Un anno fa, ai primi di maggio,il «Re del Benessere» Nerio Alessandri, l'uomo che ha portato la cultura del corpo in Italia (e non poteva che essere un romagnolo a farlo), quotava in Borsa, in un anno avaro, la sua Technogym. Dodici mesi dopo e dopo una galoppata senza sosta a Piazza Affari (che

    – Simone Filippetti

    • News24

    Technogym, completata cessione 8% capitale a 6,9 euro per azione

    Wellness Holding ha completato la cessione di 16 milioni di azioni ordinarie Technogym, pari all'8% del capitale sociale della societa', a 6,9 euro per azione per un controvalore complessivo di 110,4 milioni di euro. Lo comunica una nota ricordando che l'operazione e' stata effettuata attraverso

    • NovaCento

    La Customer Experience nell'era delle Platfirm

    "Non c'e? dubbio che, mentre ci avviciniamo a completare la seconda decade del ventunesimo secolo, ci troviamo in una nuova era del marketing e del business. Per la nostra amata pratica di marketing - il mix di arte e scienza - e? un Rinascimento. E a chi guardare per ispirazione su questo equilibrio piu? che all'artista italiano che lo ha personificato: Michelangelo? In merito alla scultura, Michelangelo una volta disse: "Ho visto l'angelo nel marmo e l'ho scolpito fino a liberarlo". In pr...

    – Marco Minghetti

1-10 di 211 risultati