Persone

Tarak Ben Ammar

Tarak Ben Ammar è un produttore cinematografico tunisino naturalizzato francese, proprietario della compagnia di produzione e distribuzione Quinta Communications. È stato manager di Michael Jackson e socio di Silvio Berlusconi. Fa parte del Consiglio d’Amministrazione di Mediobanca.

Dopo il diploma in Economia internazionale nel 1970 all'università di Washington, Tarak Ben Ammar ha fondato la società di produzione Carthago Films, con la quale ha prodotto diversi film tra cui: Il Messia di Rossellini, Profezia di un delitto di Chabrol e Gesù di Nazareth di Zeffirelli. Nel 1991 Tarak Ben Ammar ha ricevuto il mandato di banchiere d'affari da Berlusconi per rilanciare la Fininvest. Nello stesso anno è entrato nel capitale di Quinta Communications. Dal 1996 al 1998 Tarak Ben Ammar è stato manager di Michael Jackson. Nel 2000 ha fondato Émotion, due anni più tardi è entrato nel capitale di Ltc ed è diventato azionista di riferimento di Lux Vide. Dal 2003 fa parte del Cda di Mediobanca e l’anno successivo ha prodotto La Passione di Cristo di Mel Gibson. Dopo essere diventato partner a concorrenza dei fratelli Weinstein, tra il 2006 e il 2008 Tarak Ben Ammar ha aperto il laboratorio Ltc-Gammarth, ha riscattato Eagle, gli studi Éclair e ha annunciato una strategia di distribuzione di film, in partnership con Goldman Sachs. In Italia è il proprietario di Sportitalia e del bouquet di canali digitali a pagamento con Warner, Universal e Mediaset.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Tarak Ben Ammar
    • News24

    Mediobanca, un cda da public company

    Usciranno invece Vanessa Labérenne, Tarak Ben Ammar, Angelo Casò, Marco Tronchetti Provera, Gilberto Benetton, Gian Luca Sichel e Alexandra Young.

    – Laura Galvagni

    • News24

    Mediobanca, nella lista del patto per il nuovo cda Alierta e Tononi

    Ci sono Cesar Alierta e Massimo Tononi nella lista dei 15 candidati al cda che saranno proposti dal patto di sindacato di Mediobanca all'assemblea del 28 ottobre e che è stata approvata oggi dai pattisti. Oltre al presidente della banca Renato Pagliaro, all'ad Alberto Nagel e al dg Francesco

    – di Giuliana Licini

    • News24

    Mediaset dà a Gianni Morandi il ruolo di «anti-Fazio»

    Non a caso Lux Vide - che fra gli azionisti vede, oltre alla famiglia Bernabei con la maggioranza, la Prima tv spa di Tarak Ben Ammar e Fondazione Scienza e Fede, una società del Vaticano - sta creando nuove linee di prodotto per Netflix e Amazon con una serie di titoli su grandi generi, «girati in Italia ma prodotti in lingua inglese», ha precisato la presidente della Lux Vide Matilde Bernabei.

    – di Andrea Biondi

    • News24

    Mediaset-Vivendi, i francesi in Agcom

    La disputa Mediaset-Vivendi va in scena oggi alle 17 all'Agcom, con l'audizione di Arnaud de Puyfontaine, ceo del gruppo transalpino, accompagnato dal legale Giuseppe Scassellati. La settimana prossima toccherà al vertice Mediaset - con una delegazione capitanata dal presidente Fedele Confalonieri

    – Antonella Olivieri

    • News24

    Vivendi puntava a Mediaset già dal 2015

    Un avviso di garanzia non è un rinvio a giudizio. Così, che il vertice di Vivendi - il presidente e primo azionista Vincent Bolloré e il ceo Arnaud de Puyfontaine - sia indagato dalla Procura di Milano per l'ipotesi di concorso in aggiotaggio in relazione alla scalata Mediaset, conferma solo che i

    – di Antonella Olivieri

    • News24

    Vivendi, si allarga l'inchiesta dei Pm di Milano

    Potrebbe allungarsi la lista degli indagati per concorso in aggiotaggio (o anche per insider trading) nella vicenda della presunta scalata di Vivendi su Mediaset. Per ora sono due le persone accusate di aver manipolato il mercato, come anticipato ieri da Corriere della Sera e Repubblica: il

    – di Sara Monaci

    • News24

    Le tappe che hanno portato alla svolta giudiziaria

    Le tappe che hanno portato la Procura di Milano ad aprire, dopo un esposto di Fininvest, un'inchiesta per aggiotaggio (manipolazione del mercato)sull'andamento del titolo del Biscione.

    • News24

    Mediobanca, patto verso la riconferma

    Una stretta di mano in Piazzetta Cuccia tra il ceo di UniCredit, Jean Pierre Mustier, e l'ad di Mediobanca, Alberto Nagel, ha voluto forse smentire le voci di disaccordo al vertice tra la banca d'affari e il suo primo azionista (con l'8,56%). Al termine della riunione , durata appena una decina di

    • News24

    Mediaset-Vivendi, entro il mese i francesi in udienza all'Agcom

    Tutti i "mediatori" sono per la pace. Dopo Tarak Ben Ammar, che era stato il sensale dell'accordo di aprile tra Mediaset e Vivendi, ieri anche l'ad di Mediobanca, Alberto Nagel, ha auspicato una soluzione "amichevole". «Perchè - ha osservato - la statistica dice che operazioni non cordate sono

1-10 di 248 risultati