Storie

Governo Gentiloni

Il 12 dicembre il neo premier Paolo Gentiloni ha presentato la lista dei ministri che formeranno il 64° governo dopo aver ottenuto la fiducia al Senato e alla Camera. Pochi i cambiamenti rispetto al governo Renzi, Nel presentare la lista Gentiloni ha detto: "Ho fatto del mio meglio per formare il governo nel più breve tempo possibile. E credo nell'interesse della stabilita' delle nostre istituzioni alle quale guardano le italiane e gli italiani".

Angelino Alfano agli Esteri, all'Interno Marco Minniti, alla Giustizia Andrea Orlando, alla Difesa Roberta Pinotti, all'Economia Giancarlo Padoan, allo Sviluppo Economico Carlo Calenda. Alle Politiche agricole Maurizio Martina, all'Ambiente Gian Luca Galletti. Ai Trasporti Graziano Del Rio. Al Lavoro Giuliano Poletti. All'Istruzione Valeria Fedeli. Ai Beni Culturali Dario Franceschini. Alla Salute Beatrice Lorenzin. Sottosergetario di stato alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi.

Senza portafoglio: Anna Finocchiaro Rapporti Parlamento, Marianna Madia Semplificazione e Pa, Enrico Costa Affari Regionali. Claudio Devincenti alla Coesione Territoriale e Mezzogiorno, Luca Lotti Sport.

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2016

Ultime notizie su Governo Gentiloni
    • News24

    M5s-Lega, rapporti tesi con la Ue: ma c'è convergenza su aumento rimpatri

    I rapporti con la Ue sono uno dei punti più delicati secondo tutte le istituzioni e gli osservatori internazionali per quello che si preannuncia il futuro governo M5s-Lega. Come testimonia la richiesta, contenuta nel contratto di governo, di ridiscussione dei trattati o di riforma dei «meccanismi

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Governo M5S-Lega, il primo scoglio sarà una manovra da almeno 30 miliardi

    A che punto collocare l'asticella del deficit 2019? E' la domanda che fa da sfondo al serrato confronto tra M5S e Lega per definire il contratto programmatico su cui costruire il nuovo governo giallo-verde. Anche perché il conto della prossima manovra partirebbe da almeno 30 miliardi (probabilmente

    – di Marco Rogari

    • News24

    Governo Lega-M5S crea tensioni con spread a 140. Milano maglia nera Ue

    La prospettiva di un governo populista in Europa con elementi "anti sistema" crea qualche tensione a Piazza Affari, senza tuttavia gettare nel panico gli investitori, che attendono che siano definiti con chiarezza uomini e programmi del nuovo esecutivo targato Lega-M5S. Milano ha comunque ridotto

    – di A. Fontana e C. Di Cristofaro

    • News24

    Dall'aggiornamento del Def al giudizio Ue, tutti gli scogli dell'agenda autunnale

    L'agenda economica dell'Italia, le regole europee e i vincoli di finanza pubblica non aspettano la crisi politica italiana, che si dimena tra tentativi di formare un nuovo governo (sia esso «neutrale» o politico) e il rischio di voto anticipato a luglio o a inizio autunno. Dalla nota di

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    • News24

    Totopremier, 4 donne in pole position

    Dal rischio di aumenti dell'Iva per 12,5 miliardi e di repentine fibrillazioni dei mercati finanziari nel caso di un voto in autunno, al varo quasi in parallelo di una legge di bilancio "compiuta" e di una "nuova" riforma elettorale con le elezioni a febbraio-marzo fino alla possibilità di una

    – di M. Mobili e M. Rogari

    • News24

    Mattarella, mercoledì l'incarico per un governo neutrale. No di Lega e M5s

    «Scelgano i partiti in Parlamento». E' il passaggio più forte del discorso di ieri di Sergio Mattarella e ha un senso preciso: ora le forze politiche si assumano le loro responsabilità se davvero vogliono riportare il Paese subito al voto. Responsabilità di «rendere difficile l'esercizio di voto

    – di Lina Palmerini

    • News24

    Consultazioni, alta tensione Lega-Fi sulle condizioni poste dal M5s

    Continuano i tentennamenti, gli attacchi e i veleni fra i partiti nella formazione del nuovo governo. E' ormai quotidiana la pioggia di veti sulla proposte per la formazione di un nuovo governo. Corse, rincorse e frenate. Puzzle di alleanze che sembrano quasi composte, ma poi saltano in aria.

    – di Nicoletta Cottone

    • News24

    Direzione Pd, sì alla relazione Martina: «Con M5S capitolo chiuso»

    In apertura della Direzione nazionale dem, convocata al Nazareno a Roma, il segretario reggente Maurizio Martina liquida come un «capitolo ormai chiuso» il diaologo con i 5 Stelle, così come è impossibile per i dem «un governo a trazione leghista», due fronti politici superati «dal rischio di un

    – di Vittorio Nuti

1-10 di 462 risultati