Aziende

STMicroelectronics

STMicroelectronics è un'azienda italo-francese attiva nel campo dell'elettronica. È l'azienda italiana più grande di questo settore ed è stabilmente tra i maggiori produttori a livello mondiale. È quotata sia alla borsa di Milano, dove fa parte dei titoli a maggiore capitalizzazione, sia a quella di New York.

STMicroelectronics è nata nel 1987 dalla fusione di Società generale semiconduttori (SGS) e della divisione semiconduttori della francese Thomson, due aziende che a loro volta avevano alle spalle una lunga storia nel settore dell'elettronica. Il nome originario era SGS-Thomson; l'azienda ha poi acquisito il nome STMicroelectronics a seguito all'uscita dall'azionariato di Thomson.

STMicroelectronics è attiva soprattutto nella produzione di componenti elettronici per l'elettronica di consumo, ma anche per il settore dell'auto, della telefonia cellulare e delle applicazioni industriali. STMicroelectronics ha numerose sedi in Italia e nel resto del mondo. Di particolare interesse è la collaborazione con l'università di Catania, con la quale ha dato vita a un vero e proprio polo tecnologico del sud Italia, chiamato alle volte "Etna Valley".

STMicroelectronics si è sempre contraddistinta per un attenzione verso i temi ambientali, essendosi dotata già negli anni Novanta di un codice etico e di rigidi criteri per ridurre l'impatto ambientale. Producendo componenti, STMicroelectronics non è molto nota al grande pubblico ma alcuni dei suoi prodotti si ritrovano in oggetti diffusissimi come il trasponder per il Telepass e il controller della Nintendo Wii.

La società ha registrato (dati aggiornati al 2015) un fatturato di 6,9 miliardi di $ ed un utile netto pari a 104 milioni di $, con 43.200 un dipendenti (dati 2016) .

President and Chief Executive Officer della società, è dal 2005 Carlo Bozotti.

Ultimo aggiornamento 25 gennaio 2017

Ultime notizie su STMicroelectronics
    • NovaOther

    La stampante "3D IoT"

    Oggi è in fase prototipale, fra un paio di mesi diventerà un prodotto commerciale che sul mercato si potrà acquistare con meno di 5mila euro. Le caratteristiche che la descrivono sono le seguenti: connessa, gestibile e monitorabile da remoto, pronta per sposare il modello dell'hardware "as a service". Non stiamo parlando di un supercomputer ma di una stampante molto particolare, quella che Olivetti ha presentato in occasione del recente Technology Hub svoltosi presso MiCo Fieramilanocity. Perché...

    – Gianni Rusconi

    • News24

    L'iShares Automation & Robotics Ucits Etf

    Molto diversificato con le sue 92 azioni e ben bilanciato a livello geografico (gli Stati Uniti pesano per il 35,66% e il Giappone per il 26,71%), il Rbot - questa la sigla dell'Etf - ha investito pesantemente nell'Information Technology (65,7%) con società del calibro di STMicroelectronics, NVidia e Microsemi.

    • NovaOther

    La scrivania intelligente

    Una scrivania piena di sensori, microchip e altre diavolerie hi-tech, capace di riconoscere e dare il benvenuto a chi la utilizza. Una sedia che si adatta automaticamente al peso e alla seduta di chiunque si accomodi. Un sistema che mette in rete le varie postazioni e offre la possibilità di organizzare meeting e videoconferenze senza che nessuno si muova dal proprio posto. Su ogni tavolo, infine, il grado di illuminazione preferita e una serie di optional personalizzati. Benvenuti nell'ufficio ...

    – Sandro Mangiaterra

    • News24

    Imagination e le altre: il maxi indotto di Apple vale 179 aziende

    Imagination Technologies è una società inglese produttrice di processori grafici che da anni è partner di Apple. Lunedì ha fatto sapere che nel giro di qualche mese l'azienda di Cupertino sospenderà la commessa per portare al suo interno la produzione di GPU, e il titolo di Imagination è crollato.

    – di Biagio Simonetta

    • News24

    A Pisa la «fabbrica dell'innovazione»

    Parte il progetto operativo del "competence center" dell'Italia centrale firmato dalla Scuola superiore Sant'Anna di Pisa, uno dei sette poli universitari indicati dal ministero dello Sviluppo economico per spingere il piano Industria 4.0 attraverso la creazione di centri che assistano le aziende

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Sprint finale delle Borse. Milano chiude a +0,6%, al top da gennaio 2016

    Finale di seduta e di settimana in rimonta per le Borse europee che, trainate da utility e media, archiviano tutte in rialzo una giornata vissuta con il focus posto sull'andamento dell'inflazione sia nel Vecchio Continente sia negli Stati Uniti. Con l'eccezione di Londra - in rosso (-0,6%)anche a

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    Borse in rosso con stop a Trump, dollaro ai minimi da novembre

    Avvio di settimana nel segno delle vendite per le Borse europee (qui gli indici principali), che si sono allineate al generale trend negativo dopo lo stop alla riforma sanitaria del presidente americano Donald Trump, che mette in dubbio la capacità dell'amministrazione Usa di realizzare le riforme

    – di A.Fontana e P.Paronetto

    • News24

    Europa in stallo, Wall Street chiude contrastata dopo sconfitta Trump

    StMicroelectronics e Italgas, insieme a Generali, tengono intorno alla parità Piazza Affari in una seduta interlocutoria per i mercati azionari europei presi tra i segnali di miglioramento dell'attività manifatturiera nell'Eurozona (record da 6 anni a marzo) e l'attenzione sul primo vero test -

    – di C.Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    M&A, l'high-tech diventa un fattore-chiave

    Il risiko delle alleanze e acquisizioni nel settore auto è tornato prepotentemente alla ribalta in queste ultime settimane con l'annuncio di un'operazione importante e di grandi dimensioni... l'acquisto da parte di Intel - colosso americano dei semiconduttori - dell'israeliana Mobileye, leader

    – di Andrea Malan

    • News24

    Borse in calo, si guarda alla Francia. A Milano giù Leonardo

    Seduta senza particolari spunti per i listini azionari europei (qui gli indici principali). Archiviato il voto olandese e il rialzo dei tassi Fed, gli investitori cominciano a concentrarsi sulle elezioni francesi di fine aprile. A Milano il FTSE MIB ha terminato la giornata a -0,53 per cento,

    – di A. Fontana e P. Paronetto

1-10 di 491 risultati