Aziende

STMicroelectronics

STMicroelectronics è un'azienda italo-francese attiva nel campo dell'elettronica. È quotata sia alla borsa di Milano, Parigi e New York.

STMicroelectronics è nata nel 1987 dalla fusione di Società generale semiconduttori (SGS) e della divisione semiconduttori della francese Thomson, due aziende che a loro volta avevano alle spalle una lunga storia nel settore dell'elettronica. Il nome originario era SGS-Thomson; l'azienda ha poi acquisito il nome STMicroelectronics a seguito all'uscita dall'azionariato di Thomson.

STMicroelectronics è attiva soprattutto nella produzione di componenti elettronici per l'elettronica di consumo, ma anche per il settore dell'auto, della telefonia cellulare e delle applicazioni industriali. STMicroelectronics ha numerose sedi in Italia e nel resto del mondo. Di particolare interesse è la collaborazione con l'università di Catania, con la quale ha dato vita a un vero e proprio polo tecnologico del sud Italia, chiamato alle volte "Etna Valley".

Producendo componenti, STMicroelectronics non è molto nota al grande pubblico ma alcuni dei suoi chip si ritrovano in oggetti diffusissimi come smartphone, trasponder per il Telepass e controller delle console.

La società ha registrato un fatturato di 7 miliardi di $ ed un utile netto pari a 1 65 milioni di $, con 43.200 un dipendenti (dati 2016) .

President and Chief Executive Officer della società, è dal 2005 Carlo Bozotti.

Ultimo aggiornamento 16 maggio 2017

Ultime notizie su STMicroelectronics
    • News24

    St, la guidance sui ricavi supera le attese: crescita a doppia cifra anche nel 2018

    LONDRA - Da sei trimestri consecutivi Stmicroelectronics cresce del 20%. Ogni tre mesi un deciso salto in avanti. Ieri a Londra il ceo e presidente Carlo Bozotti ha illustrato agli analisti le prospettive del gruppo tecnologico italo-francese leader globale nei semiconduttori, alla presenza di

    – dal nostro inviato Riccardo Barlaam

    • News24

    Borse in altalena, a Milano (+0,31%) corre Pirelli

    Le Borse europee hanno chiuso con segno quasi totalmente positivo (in calo Madrid, -0,47%) una seduta fortemente volatile, che ha visto gli indici del Vecchio Continente oscillare in continuazione tra cali e guadagni, indecisi sulla direzione da prendere, nonostante le parole incoraggianti del

    – di E. Micheli e S. Arcudi

    • News24

    Impresa 4.0 in cerca di capitali

    La buona notizia è che il piano Calenda per la trasformazione digitale delle imprese e il recupero di competitività del sistema economico italiano, alias Industria 4.0, poi ribattezzato Impresa 4.0, sta funzionando. E sono i dati commentati su "L'Impresa" - il mensile di management del Sole 24 Ore

    • News24

    Piazza Affari (-1,64%) sconta fattore elezioni bis con spread a 131 punti

    Seduta da dimenticare per Piazza Affari, che con un calo dell'1,64% è stata per tutta la giornata la peggiore in Europa. Se le principali Borse del Vecchio Continente hanno optato per la cautela (Parigi -0,17%, Francoforte -0,28%, Madrid +0,16% e Londra attorno alla parità), Milano, che era

    – di E. Micheli e S. Arcudi

    • News24

    Milano (+0,86%) dribbla lo stallo politico. In cima al podio Ferrari

    L'euro debole e i barili di petrolio sempre più cari hanno spinto al rialzo tutte le piazze finanziarie del Vecchio Continente. Trainata da Ferrari (+3,7%), c'è anche Milano, nonostante il fallimento di un possibile «governo di tregua» e il rischio di uno stallo politico (si parla di possibili

    – di A. Fontana ed E. Miele

    • News24

    Piazza Affari, in arrivo le trimestrali migliori d'Europa

    Un miliardo, euro più, euro meno. A tanto potrebbe ammontare il miglioramento degli utili creati dalle società quotate a Piazza Affari nei primi tre mesi di questo 2018 se i dati diffusi durante la stagione dei bilanci - che entrerà nel vivo proprio questa settimana con alcuni «big» del calibro di

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Super-Apple e rinvio dazi spingono l'Europa. Milano al top dal 2009

    I conti record di Apple e il fantasma dei dazi che (per ora) si allontanano dall'Ue hanno spinto le Borse del Vecchio Continente, che chiudono tutte in positivo. Questo nonostante i dati deboli sull'economia europea e dall'altro lato dell'Atlantico il dollaro si rafforza ma a frenare Wall Street è

    – di Chiara Di Cristofaro e Enrico Miele

    • News24

    St in coda al listino a Milano, pressioni sul settore chip

    Seduta negativa a Milano per StMicroelectronics, che continua a risentire del cattivo andamento del settore dei semiconduttori. Alla vigilia, le stime deludenti del colosso taiwanese Taiwan Semiconductor Manifacturing, maggior produttore di chip conto terzi al mondo, hanno schiacciato Apple, che ha

    – di Stefania Arcudi

    • News24

    Milano aggiorna i massimi da 3 mesi, + 2,2% in una settimana. Tim regina di seduta

    Nonostante il freno del settore petrolifero, le Borse europee consolidano, con una performance di contenuto incremento, i rialzi settimanali e guardano agli appuntamenti dei prossimi giorni con le riunioni della Banca centrale europea e della Bank of Japan e ai dati sul Pil di Usa per il primo

    – di S. Arcudi e A. Fontana

    • News24

    L'Europa guarda alle trimestrali. A Milano sale Telecom

    Le Borse europee (qui gli indici principali) chiudono poco mosse una seduta contrastata, in cui le vendite sul settore tecnologico e sul lusso hanno frenato i listini. A Piazza Affari, il FTSE MIB ha terminato la giornata a +0,14%. Tra i titoli milanesi a maggiore capitalizzazione,

    – di Paolo Paronetto

1-10 di 543 risultati