Aziende

STMicroelectronics

STMicroelectronics è un'azienda italo-francese attiva nel campo dell'elettronica. È quotata sia alla borsa di Milano, Parigi e New York.

STMicroelectronics è nata nel 1987 dalla fusione di Società generale semiconduttori (SGS) e della divisione semiconduttori della francese Thomson, due aziende che a loro volta avevano alle spalle una lunga storia nel settore dell'elettronica. Il nome originario era SGS-Thomson; l'azienda ha poi acquisito il nome STMicroelectronics a seguito all'uscita dall'azionariato di Thomson.

STMicroelectronics è attiva soprattutto nella produzione di componenti elettronici per l'elettronica di consumo, ma anche per il settore dell'auto, della telefonia cellulare e delle applicazioni industriali. STMicroelectronics ha numerose sedi in Italia e nel resto del mondo. Di particolare interesse è la collaborazione con l'università di Catania, con la quale ha dato vita a un vero e proprio polo tecnologico del sud Italia, chiamato alle volte "Etna Valley".

Producendo componenti, STMicroelectronics non è molto nota al grande pubblico ma alcuni dei suoi chip si ritrovano in oggetti diffusissimi come smartphone, trasponder per il Telepass e controller delle console.

La società ha registrato un fatturato di 7 miliardi di $ ed un utile netto pari a 1 65 milioni di $, con 43.200 un dipendenti (dati 2016) .

President and Chief Executive Officer della società, è dal 2005 Carlo Bozotti.

Ultimo aggiornamento 16 maggio 2017

Ultime notizie su STMicroelectronics
    • News24

    L'euro forte frena l'Europa, nuovi record per Wall Street

    Chiusura contrastata per le Borse europee (qui l'andamento degli indici), intimorite dal rafforzamento dell'euro che ha di nuovo superato la soglia di 1,19 dollari. I listini, ben impostati per gran parte della seduta, hanno rallentato il passo sul finale, nonostante Wall Street abbia aggiornato

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Bozotti: l'auto elettrica ha il cuore italiano. Vi spiego perché

    E' entrato in Stmicroelectronics per la tesi. Una tesi sui transistor. Era il 1975. Da allora Carlo Bozotti, 65 anni, non ne è più uscito. E da studente di ingegneria elettronica, attraverso tante vite, è salito in azienda fino a diventare ceo e presidente. Ruolo che ricopre dal 2005, dopo l'addio

    – di Riccardo Barlaam

    • News24

    Valori massimi in Borsa per la componentistica

    Il momento migliore, probabilmente, per quotare Magneti Marelli. Con i titoli delle grandi società globali di componentistica che sono sui valori massimi in Borsa: nell'ultimo anno le prime dieci corporation di settore quotate hanno avuto un balzo nella "market cap" a due cifre percentuali.

    – di Riccardo Barlaam

    • News24

    Domande & risposte

    Cosa dice l'analisi tecnica sul titolo di StMicroelectronics?

    • News24

    Borse, promossa la strategia soft di Draghi. Euro sotto quota 1,17 dollari

    Chiusura in rialzo per le Borse europee (segui qui i principali indici), nel giorno della Bce e delle notizie provenienti dalla Catalogna. L'Eurotower a partire da gennaio dimezzerà a 30 miliardi di euro ogni mese gli acquisti di asset, che andranno avanti fino a settembre e, se necessario, anche

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Enel è il primo gruppo italiano, ma otto big industriali su 20 sono esteri

    Sette società pubbliche e ben otto a controllo estero: 15 big industriali italiani su 20 non sono quindi in mano ad azionisti privati di casa nostra. E' quanto emerge dal rapporto«Le principali società italiane 2017» dell'Ufficio studi di Mediobanca. Le otto società a controllo estero nella Top20

    – di Paolo Paronetto

    • News24

    Europa attendista in vista della Bce, Madrid paga la crisi catalana

    Le Borse europee chiudono poco mosse (qui l'andamento degli indici )la prima seduta di una settimana che sarà caratterizzata dall'attesa per il vertice di giovedì della Bce, da cui il mercato attende novità sul programma di quantitative easing. A Piazza Affari il Ftse All Share ha chiuso a +0,16% e

    – di A. Fontana e P. Paronetto

    • News24

    A rischio la riforma «energivori»

    A sorpresa torna a rischio la riforma delle agevolazioni alle imprese a forte consumo di energia elettrica. Contro le previsioni della vigilia, la legge europea, che contiene il riordino, ieri è stata modificata dall'Aula del Senato dove si concludeva la seconda lettura. A questo punto è necessario

    – di Carmine Fotina

1-10 di 515 risultati