Persone

Steven Mnuchin

Steven Mnuchin, nato a New York il 21 dicembre 1962, ex banchiere di Goldman Sachs, è stato scelto dal neo presidente Donald Trump come nuovo segretario del Tesoro.

Dopo la laurea a Yale, Mnuchin, che per sei mesi durante la campagna elettorale è stato il principale consigliere economico del presidente, ha lavorato per 17 anni in Goldman Sachs dirigendo il dipartimento tecnologico e diventando partner a 31 anni (anche il padre ha fatto carriera nella stessa banca d'affari). Nel 2002 ha lavorato per un hedge fund legato a George Soros, prima di sbarcare a Hollywood e diventare presidente di Dune Entertainment Partners Mnuchin, società che ha finanziato film come Avatar, e Sully di Clint Eastwood (regsita repubblicano e sostenitore di Trump).

Nel suo curriculum anche un'operazione finanziaria molto criticata da alcuni ma lodata dallo stesso Trump: il salvataggio della OneWest Bank, banca comprata e rimessa in sesto da Mnuchin con una lauta plusvalenza a spese dei proprietari di case strangolati dal mutuo. Sotto la guida del manager l'istituto ha effettuato 36.000 pignoramenti.

Per Lloyd Blankfein, ceo di Goldman Sachs, è uno "smart, smart guy". Da gennaio 2017 questo smart guy guiderà il Dipartimento del Tesoro americano, occupandosi delle questioni economiche, finanziarie e monetarie del Paese e anche della sicurezza nazionale.

Ultimo aggiornamento 12 dicembre 2016

Ultime notizie su Steven Mnuchin
    • News24

    Usa-Cina: dazi sospesi fino alla definizione di un accordo

    Oggi 21 maggio il segretario al tesoro Usa Steven Mnuchin ha confermato la sospensione dei dazi sui mercati americani e cinesi all'indomani dell'annuncio dell'accordo di principio tra i due Paesi per ridurre il deficit commerciale americano. «Abbiamo trovato un accordo quadro» ha spiegato alla Fox,

    – di Marco Valsania

    • News24

    Le riforme a orologeria di Pechino

    La Cina non è un'economia normale: per quattro decenni ha conosciuto una crescita record del 10% annuale ed è il primo Paese in via di sviluppo a divenire una grande potenza mondiale. D'altronde, ne è una riprova anche la missione a Pechino della delegazione guidata dal Segretario al Tesoro

    – di Adriana Castagnoli

    • News24

    Trump e le visioni apocalittiche degli oracoli Jeffres e Hagee

    New York - Due insoliti personaggi sono forse rappresentativi del calcolo politico di Donald Trump sulla tragedia israelo-palestinese. Non di quello internazionale, dove ha scommesso su un azzardato ribaltamento di decenni di strategia americana che lasciava il futuro di Gerusalemme a negoziati di

    – di Marco Valsania

    • News24

    Usa, prime sanzioni contro l'Iran dopo lo strappo sul nucleare

    New York - L'amministrazione americana, fresca dall'uscita dall'accordo nucleare con l'Iran nonostante l'opposizione europea, ha offerto il primo, immediato, assaggio del duro giro di vite deciso contro Teheran: ha imposto sanzioni nuove di zecca contro aziende e individui iraniani accusati di

    – di Marco Valsania

    • News24

    Arabia Saudita pronta a rimpiazzare il petrolio dell'Iran

    Ci penserà l'Arabia Saudita a compensare l'eventuale perdita di petrolio iraniano. A meno di un mese dal tweet in cui Donald Trump accusava l'Opec di mantenere il prezzo del barile «artificialmente troppo alto», Riad tende la mano agli Stati Uniti offrendosi di neutralizzare l'impatto delle

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Iran: l'uscita di Trump dall'accordo nucleare, spiegata punto per punto

    E adesso, cosa accadrà sull'Iran? Adesso si tratta di capire come avverrà il ritorno delle sanzioni economiche americane. Come valutare i tanti, potenziali effetti collaterali della decisione di Donald Trump di uscire dall'accordo nucleare con Teheran, che resta invece sottoscritto dai Paesi

    – di Marco Valsania

    • News24

    Gli Usa alla Cina: riducete il surplus commerciale di 200 miliardi

    Gli Stati Uniti hanno chiesto alla Cina di ridurre il suo surplus commerciale nei confronti di Washington di 200 miliardi di dollari entro il 2020. E' questa la posizione negoziale che il team dell'amministrazione Trump, guidato dal segretario al tesoro Steven Mnuchin, ha annunciato ai negoziatori

    • News24

    I «doni» di Pechino per il segretario al Tesoro americano

    La Cina si prepara ad accogliere il segretario al Tesoro americano, Steven Mnuchin, con una gran messe di doni: ultimo arrivato, i dazi dimezzati dall'attuale 25% sulle auto importate, che seguono, a ruota, l'abolizione del tetto alle joint ventures non solo nell'automotive, ma anche

    – di Rita Fatiguso

    • News24

    Usa in trattative con Rusal, ma l'alluminio resta in tensione

    Rusal non può ancora dirsi al riparo dalle sanzioni americane, ma il settore dell'alluminio comincia a sperare. Washington ha accolto con favore le aperture di Oleg Deripaska, che venerdì scorso aveva proposto di rinunciare al controllo della società, e ha risposto concedendo più tempo per

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Dazi, perché siamo sull'orlo di una guerra commerciale mondiale

    Dal disgelo all'orlo di una guerra commerciale. Di nuovo. Negli ultimi giorni, lo scenario globale è rimasto sospeso fra segnali di apertura e rotture che potrebbero scardinare (o hanno già scardinato) gli equilibri internazionali. Dopo il disgelo fra le due Coree e l'attesa per l'incontro fra Kim

    – di Alberto Magnani

1-10 di 127 risultati