Persone

Steven Mnuchin

Steven Mnuchin, nato a New York il 21 dicembre 1962, ex banchiere di Goldman Sachs, è stato scelto dal neo presidente Donald Trump come nuovo segretario del Tesoro.

Dopo la laurea a Yale, Mnuchin, che per sei mesi durante la campagna elettorale è stato il principale consigliere economico del presidente, ha lavorato per 17 anni in Goldman Sachs dirigendo il dipartimento tecnologico e diventando partner a 31 anni (anche il padre ha fatto carriera nella stessa banca d'affari). Nel 2002 ha lavorato per un hedge fund legato a George Soros, prima di sbarcare a Hollywood e diventare presidente di Dune Entertainment Partners Mnuchin, società che ha finanziato film come Avatar, e Sully di Clint Eastwood (regsita repubblicano e sostenitore di Trump).

Nel suo curriculum anche un'operazione finanziaria molto criticata da alcuni ma lodata dallo stesso Trump: il salvataggio della OneWest Bank, banca comprata e rimessa in sesto da Mnuchin con una lauta plusvalenza a spese dei proprietari di case strangolati dal mutuo. Sotto la guida del manager l'istituto ha effettuato 36.000 pignoramenti.

Per Lloyd Blankfein, ceo di Goldman Sachs, è uno "smart, smart guy". Da gennaio 2017 questo smart guy guiderà il Dipartimento del Tesoro americano, occupandosi delle questioni economiche, finanziarie e monetarie del Paese e anche della sicurezza nazionale.

Ultimo aggiornamento 12 dicembre 2016

Ultime notizie su Steven Mnuchin
    • News24

    G7: tregua sul protezionismo, Trump non cede sul clima

    Il comunicato include l'impegno alla lotta al protezionismo che il segretario al Tesoro Usa, Steven Mnuchin, non aveva voluto accettare nelle due riunioni finanziarie e insiste su un sistema multilaterale basato sulle regole, centrato nella Wto, l'organizzazione mondiale del commercio.

    – di Alessandro Merli

    • News24

    Commercio, accordo in extremis

    Il comunicato include l'impegno alla lotta al protezionismo che il segretario al Tesoro Usa, Steven Mnuchin, non aveva voluto accettare nelle due riunioni finanziarie e insiste su un sistema multilaterale basato sulle regole, centrato nella Wto, l'organizzazione mondiale del commercio.

    – Alessandro Merli

    • News24

    Al G7 «scontro» tra protezionismo di Trump e libero scambio

    TAORMINA - Le divisioni sul commercio internazionale create dall'amministrazione Trump con la sua linea "America First" rimbalzano sul tavolo dei capi di Stato e di Governo del G-7 a Taormina, dopo che i ministri finanziari non sono riusciti a trovare un accordo due settimane fa a Bari. E anzi

    – dall'inviato Alessandro Merli

    • News24

    G7 finanziario: «Crescita ancora modesta, rischi politici in ribasso»

    Gli altri grandi Paesi industriali cominciano a prendere le misure della linea degli Stati Uniti sul commercio internazionale sotto l'amministrazione Trump, dopo il G-7 che si è chiuso ieri a Bari, ma il rischio protezionismo da parte di Washington non è affatto scongiurato. Intanto, il quadro

    – dal nostro inviato Alessandro Merli

    • News24

    L'erraticità di Trump su commercio e politica estera

    E' possibile scorgere una chiara strategia e visione nella politica commerciale ed estera dell'amministrazione Trump? Difficile dirlo, considerate le discordanti affermazioni dei suoi diversi esponenti e la mutevolezza del presidente americano che creano perlomeno cacofonia. Si prenda il caso degli

    – di Adriana Castagnoli

    • News24

    La Casa Bianca (ri)pensa a smontare i colossi bancari

    Gli Stati Uniti tornano ad accarezzare l'idea di smontare i colossi bancari, obbligandoli a separare le attività "retail" con quelle tipiche della banca d'investimento. In campagna elettorale aveva promesso una versione del Glass-Steagall «del 21esimo secolo», e ora che è diventato presidente,

    – di Marco Ferrando

    • News24

    Piano fiscale di Trump: il vero nodo è la crescita

    Donald Trump ha finalmente proposto il suo ambizioso piano fiscale offrendo importanti dettagli rispetto a quanto finora solo annunciato. Il piano proposto consiste in una vistosa riduzione della tassazione sulle imprese portandola al 15% e una notevole semplificazione delle aliquote personali sul

    – di Luigi Guiso

    • News24

    Tassa sulle imprese dal 35 al 15%: arriva la rivoluzione fiscale di Trump

    Donald Trump presenterà oggi un piano per mantenere una delle sue promesse più ambiziose: una riforma fisclae che tagli le tasse a tutti e riduca l'aliquota sugli utili delle imprese dal 35 al 15 per cento. Anche se l'annuncio atteso in queste ore non sarà che l'inizio della crociata: sulla strada

    – di Marco Valsania

1-10 di 59 risultati