Persone

Steven Mnuchin

Steven Mnuchin, nato a New York il 21 dicembre 1962, ex banchiere di Goldman Sachs, è stato scelto dal neo presidente Donald Trump come nuovo segretario del Tesoro.

Dopo la laurea a Yale, Mnuchin, che per sei mesi durante la campagna elettorale è stato il principale consigliere economico del presidente, ha lavorato per 17 anni in Goldman Sachs dirigendo il dipartimento tecnologico e diventando partner a 31 anni (anche il padre ha fatto carriera nella stessa banca d'affari). Nel 2002 ha lavorato per un hedge fund legato a George Soros, prima di sbarcare a Hollywood e diventare presidente di Dune Entertainment Partners Mnuchin, società che ha finanziato film come Avatar, e Sully di Clint Eastwood (regsita repubblicano e sostenitore di Trump).

Nel suo curriculum anche un'operazione finanziaria molto criticata da alcuni ma lodata dallo stesso Trump: il salvataggio della OneWest Bank, banca comprata e rimessa in sesto da Mnuchin con una lauta plusvalenza a spese dei proprietari di case strangolati dal mutuo. Sotto la guida del manager l'istituto ha effettuato 36.000 pignoramenti.

Per Lloyd Blankfein, ceo di Goldman Sachs, è uno "smart, smart guy". Da gennaio 2017 questo smart guy guiderà il Dipartimento del Tesoro americano, occupandosi delle questioni economiche, finanziarie e monetarie del Paese e anche della sicurezza nazionale.

Ultimo aggiornamento 12 dicembre 2016

Ultime notizie su Steven Mnuchin
    • News24

    Borse, seconda settimana in rosso. Nuovo crollo per Creval (-25%)

    Dopo il sollievo di ieri, i listini azionari europei sono tornati in discesa e hanno chiuso la seduta in contenuto calo appesantiti dalle performance di utility e banche. Prosegue dunque la fase di correzione: in due settimane lo Stoxx600 è arretrato di oltre il 3% e il FTSE MIBdi Piazza Affari del

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • Agora

    Tagli fiscali e tassi bassi, l'operazione nostalgia di Trump per tornare a Ronald Reagan

    Trump è sulle orme di  Ronald Reagan e Margaret Thatcher? Con un colpo d'ala - poco prima di partire per l'Asia che è il nuovo scenario di riferimento politico e militare per gli Usa che hanno relegato l'Europa con le sue convulsioni secessioniste (catalane e britanniche) in secondo piano - il presidente americano cerca di dare un senso alla sua politica monetaria e di bilancio guardando indietro agli anni 80 e cercando ispirazione nelle scelte di Reagan e la Thatcher. Trump vara con i repubblic...

    – Vittorio Da Rold

    • News24

    Fed, Jerome Powell in pole position. Decisione entro giovedì

    La sua candidatura è stata promossa dal segretario al Tesoro, Steven Mnuchin . ... Sabato scorso il segretario al Tesoro - Steven Mnuchin - aveva detto che per il momento la scelta di Trump si concentrerà solo sulla figura del governatore della Fed e non anche su quella del vice (incarico lasciato in anticipo da Stanley Fischer), che potrebbe essere proprio Taylor.

    • News24

    Il Tesoro Usa vuole regole meno severe per i mercati

    «Rendendo più efficiente la regolamentazione, possiamo fare in modo che i mercati di capitale siano una vera fonte di crescita economica», ha detto il segretario al Tesoro Steven Mnuchin in una nota, spiegando che una revisione delle norme attuali darebbe alle società un accesso più rapido a capitali che consentirebbero loro di crescere e creare posti di lavoro.

    • News24

    Usa, accordo trimestrale su aumento del tetto sul debito

    I repubblicani e lo stesso Segretario al Tesoro Steven Mnuchin avevano insistito fino all'ultimo per arrivare subito a un'estensione del debt ceiling di almeno 18 mesi, per coprire le elezioni di metà mandato dell'anno prossimo.

    – di Marco Valsania

    • News24

    L'eredità tossica dell'amministrazione Trump

    La «riforma» fiscale - che in realtà significa grosse riduzioni delle tasse per i ricchi - è fortemente in dubbio, e forse è ancora più in dubbio grazie a Louise Linton, la moglie del segretario al Tesoro Steven Mnuchin: la sua ormai famigerata invettiva su Instagram forse aprirà gli occhi, almeno a qualche elettore, sul disprezzo che la cerchia ristretta del «populista» Donald Trump nutre realmente per la gente comune.

    – diPaul Krugman

1-10 di 78 risultati