Persone

Steven Mnuchin

Steven Mnuchin, nato a New York il 21 dicembre 1962, ex banchiere di Goldman Sachs, è stato scelto dal neo presidente Donald Trump come nuovo segretario del Tesoro.

Dopo la laurea a Yale, Mnuchin, che per sei mesi durante la campagna elettorale è stato il principale consigliere economico del presidente, ha lavorato per 17 anni in Goldman Sachs dirigendo il dipartimento tecnologico e diventando partner a 31 anni (anche il padre ha fatto carriera nella stessa banca d'affari). Nel 2002 ha lavorato per un hedge fund legato a George Soros, prima di sbarcare a Hollywood e diventare presidente di Dune Entertainment Partners Mnuchin, società che ha finanziato film come Avatar, e Sully di Clint Eastwood (regsita repubblicano e sostenitore di Trump).

Nel suo curriculum anche un'operazione finanziaria molto criticata da alcuni ma lodata dallo stesso Trump: il salvataggio della OneWest Bank, banca comprata e rimessa in sesto da Mnuchin con una lauta plusvalenza a spese dei proprietari di case strangolati dal mutuo. Sotto la guida del manager l'istituto ha effettuato 36.000 pignoramenti.

Per Lloyd Blankfein, ceo di Goldman Sachs, è uno "smart, smart guy". Da gennaio 2017 questo smart guy guiderà il Dipartimento del Tesoro americano, occupandosi delle questioni economiche, finanziarie e monetarie del Paese e anche della sicurezza nazionale.

Ultimo aggiornamento 12 dicembre 2016

Ultime notizie su Steven Mnuchin
    • News24

    Riforma fiscale: una risposta a Robert Barro

    La Camera e il Senato Usa hanno entrambi dato il via libera ai pacchetti fiscali che consentirebbero di tagliare l'imposta sul reddito d'impresa da 35% a 20%, di dedurre attrezzature e strutture aziendali più rapidamente e compiere numerosi altri cambiamenti nella tassazione sia per le persone

    – di Jason Furman e Lawrence H. Summers

    • News24

    Il discorso di Trump parla anche all'Europa

    Il discorso tenuto dal presidente Trump, pochi giorni fa, alle camere riunite del Congresso del suo Paese, era rivolto primariamente agli americani. Tuttavia, quel discorso dice cose importanti anche agli europei. Trump conferma la visione nazionalista e unilateralista della sua Presidenza, visione

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Tre verità non banali sull'euro

    Il recente botta e risposta tra il ministro del Tesoro americano Steven Mnuchin e il presidente della Bce Mario Draghi, che gli ha ricordato come fosse inopportuno "talking the dollar down", dati gli accordi sottoscritti dal G20 a Washington per evitare di forzare il cambio a fini competitivi, ha

    – di Rossella Bocciarelli

    • News24

    Facebook contro le criptovalute e le Ico: vietate le pubblicità

    Il social network contro le criptovalute. Facebook sferra un colpo basso al bitcoin e alle sue mille derivazioni vietando le pubblicità che promuovono le criptovalute e le initial coin offering, con le quali le start up raccolgono fondi distribuendo token. L'entrata a gamba tesa del social media

    – di Redazione online

    • News24

    L'America First può diventare un'America Alone: isolata e arroccata

    Fughe in avanti e repentine correzioni di rotta. I toni concilianti usati venerdì dal presidente statunitense, Donald Trump, a Davos, sono un passo indietro rispetto all'aggressività della sua Amministrazione: proprio a Davos il segretario al Commercio, Wilbur Ross, aveva parlato di «truppe Usa

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    I cinque messaggi di Davos all'economia e ai mercati

    DAL NOSTRO INVIATODAVOS- E' stato il mattatore incontrastato della quarantottesima edizione del World Economic Forum (Wef), eclissando i pur acclamati interventi della cancelliera tedesca Angela Merkel e del presidente francese Emmanuel Macron. Gettando sullo sfondo la miriade di temi discussi a

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    Davos dice no ad «America First», Trump corregge il tiro sul dollaro

    DAVOS - Mai invitato come uomo d'affari, Donald Trump è sbarcato ieri a Davos come presidente degli Stati Uniti. E' arrivato a bordo del Marine One, scortato da un convoglio di elicotteri militari, da Zurigo, dove era atterrato in mattinata con l'Air Force One. Ad accoglierlo, Trump ha trovato lo

    – dall'inviato Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    Il mondo nel 2018: un puzzle da ricomporre

    Nei prossimi due o tre mesi capiremo se il 2018 (e magari anche l'anno seguente) poggia su solide fondamenta oppure sulla sabbia. Dopo un 2017 convulso in cui tutto è stato in movimento, la globalizzazione pare in ritirata in un mondo "in pezzi" e si moltiplicano le incertezze in molte aree

    – di Piero Fornara

1-10 di 102 risultati