Persone

Steven Mnuchin

Steven Mnuchin, nato a New York il 21 dicembre 1962, ex banchiere di Goldman Sachs, è stato scelto dal neo presidente Donald Trump come nuovo segretario del Tesoro.

Dopo la laurea a Yale, Mnuchin, che per sei mesi durante la campagna elettorale è stato il principale consigliere economico del presidente, ha lavorato per 17 anni in Goldman Sachs dirigendo il dipartimento tecnologico e diventando partner a 31 anni (anche il padre ha fatto carriera nella stessa banca d'affari). Nel 2002 ha lavorato per un hedge fund legato a George Soros, prima di sbarcare a Hollywood e diventare presidente di Dune Entertainment Partners Mnuchin, società che ha finanziato film come Avatar, e Sully di Clint Eastwood (regsita repubblicano e sostenitore di Trump).

Nel suo curriculum anche un'operazione finanziaria molto criticata da alcuni ma lodata dallo stesso Trump: il salvataggio della OneWest Bank, banca comprata e rimessa in sesto da Mnuchin con una lauta plusvalenza a spese dei proprietari di case strangolati dal mutuo. Sotto la guida del manager l'istituto ha effettuato 36.000 pignoramenti.

Per Lloyd Blankfein, ceo di Goldman Sachs, è uno "smart, smart guy". Da gennaio 2017 questo smart guy guiderà il Dipartimento del Tesoro americano, occupandosi delle questioni economiche, finanziarie e monetarie del Paese e anche della sicurezza nazionale.

Ultimo aggiornamento 12 dicembre 2016

Ultime notizie su Steven Mnuchin
    • News24

    Basilea4, Ue e Usa verso l'accordo entro giugno

    I tasselli che dovranno andare al loro posto in tempi brevi non sono pochi. Ma se tutto filerà liscio, tra giugno e luglio il tanto atteso accordo sulla nuova regolamentazione bancaria, meglio conosciuto come Basilea 4, potrebbe davvero vedere la luce.

    – di Luca Davi

    • News24

    La differenza fra il populismo americano e quello inglese

    Fra Regno Unito, Francia, Stati Uniti, qual è il Paese che si differenzia per la sua politica? La risposta pare ovvia. Il referendum su Brexit di un anno fa nel Regno Unito e l'elezione di Donald Trump negli Stati Uniti sono due simboli della rivolta populista contro le élite globali. La Francia di

    – di Anatole Kaletsky

    • News24

    G7: tregua sul protezionismo, Trump non cede sul clima

    Si è chiuso con una spaccatura sui cambiamenti climatici il vertice del G7 a Taormina, mentre i leader delle sette grandi democrazie industriali hanno fatto un passo avanti sul commercio internazionale, ribadendo il proprio impegno a mantenere i mercati aperti e a combattere il protezionismo e

    – di Alessandro Merli

    • News24

    Al G7 «scontro» tra protezionismo di Trump e libero scambio

    TAORMINA - Le divisioni sul commercio internazionale create dall'amministrazione Trump con la sua linea "America First" rimbalzano sul tavolo dei capi di Stato e di Governo del G-7 a Taormina, dopo che i ministri finanziari non sono riusciti a trovare un accordo due settimane fa a Bari. E anzi

    – dall'inviato Alessandro Merli

    • News24

    G7 finanziario: «Crescita ancora modesta, rischi politici in ribasso»

    Gli altri grandi Paesi industriali cominciano a prendere le misure della linea degli Stati Uniti sul commercio internazionale sotto l'amministrazione Trump, dopo il G-7 che si è chiuso ieri a Bari, ma il rischio protezionismo da parte di Washington non è affatto scongiurato. Intanto, il quadro

    – dal nostro inviato Alessandro Merli

    • News24

    L'erraticità di Trump su commercio e politica estera

    E' possibile scorgere una chiara strategia e visione nella politica commerciale ed estera dell'amministrazione Trump? Difficile dirlo, considerate le discordanti affermazioni dei suoi diversi esponenti e la mutevolezza del presidente americano che creano perlomeno cacofonia. Si prenda il caso degli

    – di Adriana Castagnoli

    • News24

    La Casa Bianca (ri)pensa a smontare i colossi bancari

    Gli Stati Uniti tornano ad accarezzare l'idea di smontare i colossi bancari, obbligandoli a separare le attività "retail" con quelle tipiche della banca d'investimento. In campagna elettorale aveva promesso una versione del Glass-Steagall «del 21esimo secolo», e ora che è diventato presidente,

    – di Marco Ferrando

1-10 di 61 risultati