Persone

Steven Mnuchin

Steven Mnuchin, nato a New York il 21 dicembre 1962, ex banchiere di Goldman Sachs, è stato scelto dal neo presidente Donald Trump come nuovo segretario del Tesoro.

Dopo la laurea a Yale, Mnuchin, che per sei mesi durante la campagna elettorale è stato il principale consigliere economico del presidente, ha lavorato per 17 anni in Goldman Sachs dirigendo il dipartimento tecnologico e diventando partner a 31 anni (anche il padre ha fatto carriera nella stessa banca d'affari). Nel 2002 ha lavorato per un hedge fund legato a George Soros, prima di sbarcare a Hollywood e diventare presidente di Dune Entertainment Partners Mnuchin, società che ha finanziato film come Avatar, e Sully di Clint Eastwood (regsita repubblicano e sostenitore di Trump).

Nel suo curriculum anche un'operazione finanziaria molto criticata da alcuni ma lodata dallo stesso Trump: il salvataggio della OneWest Bank, banca comprata e rimessa in sesto da Mnuchin con una lauta plusvalenza a spese dei proprietari di case strangolati dal mutuo. Sotto la guida del manager l'istituto ha effettuato 36.000 pignoramenti.

Per Lloyd Blankfein, ceo di Goldman Sachs, è uno "smart, smart guy". Da gennaio 2017 questo smart guy guiderà il Dipartimento del Tesoro americano, occupandosi delle questioni economiche, finanziarie e monetarie del Paese e anche della sicurezza nazionale.

Ultimo aggiornamento 12 dicembre 2016

Ultime notizie su Steven Mnuchin
    • News24

    Casa Bianca, il finanziere Scaramucci nuovo direttore della comunicazione

    Proprio oggi l'amministrazione è finita ai ferri corti con se stessa su Mosca: il Tesoro, guidato da Steven Mnuchin, ha imposto una multa da due milioni di dollari - pochi soldi ma la punizione massima prevista - contro la Exxon Mobil quando era gestita dall'attuale segretario di Stato Rex Tillerson.

    – di Marco Valsania

    • News24

    Trump, sanzioni a banca cinese per finanziamenti alla Corea del Nord

    Il Segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, ha detto ieri sera che l'azione vuole adesso inviare «un chiaro messaggio» globale sulla necessità di intervenire più severamente sulla Corea del Nord e sul fatto he Washington «non esiterà» a prendere l'iniziativa.

    – di Marco Valsania

    • News24

    Trump riceve Modi a Washington: in agenda armi, Pakistan e commercio

    Quello tra Donald Trump e Narendra Modi in corso a Washington è un vertice tra due leader che hanno diversi punti in comune e altrettanti motivi di divergenza. I due si incontrano oggi per la prima volta, anche se durante la presidenza Obama il premier indiano ha visitato la capitale statunitense

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    Basilea4, Ue e Usa verso l'accordo entro giugno

    I tasselli che dovranno andare al loro posto in tempi brevi non sono pochi. Ma se tutto filerà liscio, tra giugno e luglio il tanto atteso accordo sulla nuova regolamentazione bancaria, meglio conosciuto come Basilea 4, potrebbe davvero vedere la luce.

    – di Luca Davi

    • News24

    La differenza fra il populismo americano e quello inglese

    Fra Regno Unito, Francia, Stati Uniti, qual è il Paese che si differenzia per la sua politica? La risposta pare ovvia. Il referendum su Brexit di un anno fa nel Regno Unito e l'elezione di Donald Trump negli Stati Uniti sono due simboli della rivolta populista contro le élite globali. La Francia di

    – di Anatole Kaletsky

    • News24

    G7: tregua sul protezionismo, Trump non cede sul clima

    Si è chiuso con una spaccatura sui cambiamenti climatici il vertice del G7 a Taormina, mentre i leader delle sette grandi democrazie industriali hanno fatto un passo avanti sul commercio internazionale, ribadendo il proprio impegno a mantenere i mercati aperti e a combattere il protezionismo e

    – di Alessandro Merli

    • News24

    Al G7 «scontro» tra protezionismo di Trump e libero scambio

    TAORMINA - Le divisioni sul commercio internazionale create dall'amministrazione Trump con la sua linea "America First" rimbalzano sul tavolo dei capi di Stato e di Governo del G-7 a Taormina, dopo che i ministri finanziari non sono riusciti a trovare un accordo due settimane fa a Bari. E anzi

    – dall'inviato Alessandro Merli

    • News24

    G7 finanziario: «Crescita ancora modesta, rischi politici in ribasso»

    Gli altri grandi Paesi industriali cominciano a prendere le misure della linea degli Stati Uniti sul commercio internazionale sotto l'amministrazione Trump, dopo il G-7 che si è chiuso ieri a Bari, ma il rischio protezionismo da parte di Washington non è affatto scongiurato. Intanto, il quadro

    – dal nostro inviato Alessandro Merli

1-10 di 65 risultati