Persone

Steven Mnuchin

Steven Mnuchin, nato a New York il 21 dicembre 1962, ex banchiere di Goldman Sachs, è stato scelto dal neo presidente Donald Trump come nuovo segretario del Tesoro.

Dopo la laurea a Yale, Mnuchin, che per sei mesi durante la campagna elettorale è stato il principale consigliere economico del presidente, ha lavorato per 17 anni in Goldman Sachs dirigendo il dipartimento tecnologico e diventando partner a 31 anni (anche il padre ha fatto carriera nella stessa banca d'affari). Nel 2002 ha lavorato per un hedge fund legato a George Soros, prima di sbarcare a Hollywood e diventare presidente di Dune Entertainment Partners Mnuchin, società che ha finanziato film come Avatar, e Sully di Clint Eastwood (regsita repubblicano e sostenitore di Trump).

Nel suo curriculum anche un'operazione finanziaria molto criticata da alcuni ma lodata dallo stesso Trump: il salvataggio della OneWest Bank, banca comprata e rimessa in sesto da Mnuchin con una lauta plusvalenza a spese dei proprietari di case strangolati dal mutuo. Sotto la guida del manager l'istituto ha effettuato 36.000 pignoramenti.

Per Lloyd Blankfein, ceo di Goldman Sachs, è uno "smart, smart guy". Da gennaio 2017 questo smart guy guiderà il Dipartimento del Tesoro americano, occupandosi delle questioni economiche, finanziarie e monetarie del Paese e anche della sicurezza nazionale.

Ultimo aggiornamento 12 dicembre 2016

Ultime notizie su Steven Mnuchin
    • News24

    G20, tensioni commerciali tra i rischi principali per la crescita mondiale

    Nonostante l'isolamento internazionale degli Stati Uniti sulla questione, fa quadrato intorno al presidente Usa il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, sostenendo che le battaglie commerciali avviate da Trump non stanno avendo effetto sull'economia americana, che è su una strada di crescita «molto positiva».

    • News24

    Nuovo tonfo del petrolio: Brent giù del 5%, ai minimi da tre mesi

    Sui prezzi pesano anche nuove aspettative, come quella di un rilascio di riserve strategiche Usa, su cui continuano a circolare rumor, o quella, suscitata dal segretario americano al Tesoro Steven Mnuchin, che qualche esonero dalle sanzioni possa consentire un sia pur minimo flusso di petrolio dall'Iran.

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Le politiche commerciali di Trump sono dannose. Soprattutto per gli Usa

    E solo alcune settimane dopo che il segretario al Tesoro Steven Mnuchin aveva "congelato" una guerra commerciale con la Cina, l'amministrazione ha dichiarato che avrebbe comunque imposto dazi su importazioni cinesi per un valore di 50 miliardi di dollari, applicando in modo indiscriminato anche delle tariffe sulle importazioni di acciaio e alluminio.

    – di Anne O. Krueger

    • News24

    Usa-Cina, via alla guerra commerciale: dazi del 25% su centinaia di prodotti

    Ma l'ascesa dell'ala più radicale, nazionalista e populista nella casa Bianca rende difficile fare scommesse: l'influenza del consigliere commerciale Peter Navarro e del Rappresentante commerciale Robert Lighthizer cresce a scapito di quella del pragmatico e più propenso al libero scambio Segretario al Tesoro Steven Mnuchin, che si acconterebbe di impegni cinesi a maggiori acquisti di beni statunitensi e che di recente ha messo a segno almeno un successo quando ha evitato immediate nuove...

    – di Marco Valsania

    • News24

    Su petrolio e sanzioni ora Trump cerca un asse anche con Mosca

    Nella grande partita (sempre più politica) in corso sullo scacchiere energetico mondiale, Donald Trump sta probabilmente cercando di costruire un asse anche con la Russia. Un'alleanza tra Washington e Mosca - non certo a 360 gradi, ma limitata a un ambito ristretto - non sembra più una fantasia,

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Trump fa retromarcia: niente barriere sugli investimenti cinesi hi-tech

    New York - Donald Trump ha fatto marcia indietro sulla Cina, almeno quando si tratta di nuove barriere agli investimenti di Pechino negli Stati Uniti. In una presa di posizione ufficiale dalla Casa Bianca, questa mattina il Presidente ha indicato che non imporrà inediti stop alle acquisizioni e

    – di Marco Valsania

    • News24

    Trump abbassa il tiro contro gli investimenti cinesi

    New York - Donald Trump apre uno spiraglio che potrebbe, qualora confermato, evitare nuove escalation delle guerre commerciali con la Cina: forse scottato dalle scosse sul mercato azionario, dai danni alle aziende americane causati da spirali di dazi e rappresaglie internazionali e dalle divisioni

    – di Marco Valsania

1-10 di 147 risultati