Persone

Stefano Parisi

Stefano Parisi è nato il 12 novembre del 1956 a Roma ed è un manager italiano, presidente e fondatore di Chili tv, nel 2016 è stato candidato per il centro destra alla carica di sindaco di Milano, risultando sconfitto al ballottaggio, dal candidato del Partito democratico Giuseppe Sala.

Politicamente vicino al partito socialista, negli anni '70 è stato vicesegretario del Nucleo universitario socialista a Roma poi, sempre in area socialista, membro dell'Ufficio studi della Cgil.

Tra il 1997 ed il 2000 ha rivestito, sotto la guida del sindaco Gabriele Albertini, la carica di direttore generale del comune di Milano.

Nel 2000 ha assunto, sotto la presidenza di Antonio D'Amato, il ruolo di direttore generale di Confindustria.

Ha fondato e presiede Chili tv, piattaforma italiana di film in streaming e download.

E' stato amministratore delegato di Fastweb.

Nel febbraio del 2016 è stato proposto in rappresentanza del centrodestra alla carica di sindaco di Milano, in previsione delle consultazioni comunali meneghine della prossima primavera.

Stefano Parisi è sposato e padre di due figli.

Affermatosi al primo turno delle elezioni comunali di Milano del 5 giugno del 2016, col 40,8 % dei voti, il 19 giugno è stato battuto al ballottaggio dal candidato sindaco del PD Giuseppe Sala, col 48,3% contro il 51,7% dei voti.

Ultimo aggiornamento 20 giugno 2016

Ultime notizie su Stefano Parisi
    • Agora

    La forza di #Salvini e le tre anime della #Lega

    La Lega che esce dalle primarie che hanno (re)incoronato Matteo Salvini segretario ha tre anime, di dimensioni e forze molto differenti tra loro. Vediamole in ordine di grandezza decrescente. La prima è l'anima sovranista incarnata dalla leadership di Salvini, indebolita nel contesto europeo dalla sconfitta di Marine Le Pen in Francia e di Gert Wilders in Olanda, ma rafforzata dall'ampio successo alle primarie della Lega e senza una reale alternativa all'interno della Lega nord. Sottolineato "a...

    – Daniele Bellasio

    • News24

    Fi e Lega divise tra Le Pen e fronte europeista

    «Avrei preferito che al ballottaggio andasse Fillon, ma quel che per l'Italia è decisivo non è tanto la vittoria di Macron ma la probabile sconfitta di Marine Le Pen nella corsa all'Eliseo». Stefano Parisi, leader di Energie per l'Italia, usa parole più o meno simili a quelle pronunciate da Silvio

    – di Barbara Fiammeri

    • Agora

    Se torna Mr Spending Review

    Carlo Cottarelli, già mister Spending Review, tornerà in Italia in autunno, dopo aver concluso il suo impegno al Fondo monetario internazionale. E' una buona notizia perché c'è molto bisogno di voci come la sua, capaci cioè di continuare a ribadire il nostro vero problema: "Il nostro livello di debito" espone l'Italia "al rischio di speculazioni". E ce ne è molto bisogno, soprattutto quando le sirene della campagna elettorale seducono i politici sulla via del "meno tasse, più investimenti pubbli...

    – Daniele Bellasio

    • Agora

    La primavera del nostro discontento politico

    E' incredibile come dal 4 dicembre a oggi, cioè dall'esito negativo del referendum istituzionale provocato dalla grande narrazione riformista renziana, in politica non sia successo praticamente nulla. Trovate una novità? Ditela. Diciamola. Certo, è nato un governo Renzi bis senza Renzi e con Paolo Gentiloni alla guida. Ovviamente è iniziata la stagione congressuale, primarie comprese, del Partito democratico, che nel frattempo ha subìto una scissione a sinistra da parte di Articolo 1 - Moviment...

    – Daniele Bellasio

    • Agora

    Renzi, Gentiloni e Berlusconi: la situazione politica è incerta, ma chiara

    La situazione politica, nella sua naturale e perenne incertezza, è relativamente chiara e semplice. Il governo fa il possibile per andare avanti con le correzioni ai conti pubblici che dobbiamo apportare per rispettare le regole e le relazioni europee e mette in campo quel minimo indispensabile di riforme che servono per affrontare casi politici - vedi l'abolizione dei voucher - o crisi concrete - vedi l'immigrazione. Matteo Renzi stravince il primo tempo delle primarie, quello che si gioca nei...

    – Daniele Bellasio

    • Agora

    Nuovo polo in costruzione, gran traffico al centro (attorno a Parisi e Fitto)

    Maurizio Sacconi, già ministro del centrodestra e poi esponente del Nuovo centrodestra, con un post scritto su Facebook ha annunciato di aderire al progetto di Stefano Parisi, Energie per l'Italia. Questa piccola notizia è la spia di un grande fermento (preelettorale) al centro. Con Silvio Berlusconi che torna in campo? Sì, ma in quale parte del campo gioca stavolta? L'ex premier si potrebbe presto trovare di fronte a un bivio. Guarda alla sua destra il governatore della Liguria, Giovanni Toti, ...

    – Daniele Bellasio

    • News24

    Legge elettorale, gli esperti: Parlamento non può sbagliare di nuovo

    «La sentenza della Consulta sull'Italicum pone un'alternativa molto secca ad un Parlamento che non può correre il rischio di sbagliare per l'ennesima volta». Lo ha detto il costituzionalista Giovanni Guzzetta durante la prima giornata di audizioni in Commissione Affari Costituzionali di

1-10 di 366 risultati