Persone

Stefano Parisi

Stefano Parisi è nato il 12 novembre del 1956 a Roma ed è un manager italiano, presidente e fondatore di Chili tv, nel 2016 è stato candidato per il centro destra alla carica di sindaco di Milano, risultando sconfitto al ballottaggio, dal candidato del Partito democratico Giuseppe Sala.

Politicamente vicino al partito socialista, negli anni '70 è stato vicesegretario del Nucleo universitario socialista a Roma poi, sempre in area socialista, membro dell'Ufficio studi della Cgil.

Tra il 1997 ed il 2000 ha rivestito, sotto la guida del sindaco Gabriele Albertini, la carica di direttore generale del comune di Milano.

Nel 2000 ha assunto, sotto la presidenza di Antonio D'Amato, il ruolo di direttore generale di Confindustria.

Ha fondato e presiede Chili tv, piattaforma italiana di film in streaming e download.

E' stato amministratore delegato di Fastweb.

Nel febbraio del 2016 è stato proposto in rappresentanza del centrodestra alla carica di sindaco di Milano, in previsione delle consultazioni comunali meneghine della prossima primavera.

Stefano Parisi è sposato e padre di due figli.

Affermatosi al primo turno delle elezioni comunali di Milano del 5 giugno del 2016, col 40,8 % dei voti, il 19 giugno è stato battuto al ballottaggio dal candidato sindaco del PD Giuseppe Sala, col 48,3% contro il 51,7% dei voti.

Ultimo aggiornamento 20 giugno 2016

Ultime notizie su Stefano Parisi
    • News24

    Da Carelli (M5S) a Cerno (Pd), i giornalisti promossi parlamentari

    Erano molti i giornalisti candidati alle elezioni di domenica e parecchi hanno centrato l'elezione, anche se in alcuni casi entreranno in Parlamento solo grazie al ripescaggio nei collegi plurinominali dopo aver perso la sfida diretta all'uninomanale. Non è il caso di Emilio Carelli, ex conduttore

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Prove di dialogo con M5S per Zingaretti, Fontana verso giunta a impronta leghista

    Due settimane per mettere a punto gli equilibri di maggioranza. E' questo, giorno più giorno meno, il timing che il neo-governatore leghista Attilio Fontana si è dato per la formazione della nuova Giunta regionale della Lombardia con gli alleati del centrodestra dopo la larga vittoria. Nel Lazio

    – di Redazione Roma

    • News24

    Zingaretti: Io segretario? Sarò governatore

    «Nei partiti serve chi fa politica, e io non mi sono mai sottratto. Governando anzi penso di aver dato un immenso contributo al Pd e al centrosinistra. Nei prossimi 5 anni sarò il presidente della Regione Lazio perché è per quello che i cittadini mi hanno eletto».? Così il riconfermato governatore

    – di Andrea Marini

    • News24

    Regionali 2018: operazioni di scrutinio ancora in corso

    A più di 24 ore dall'apertura delle urne, non sono ancora chiuse le operazioni di scrutinio delle sezioni in Lombardia e Lazio. Manca poco: due sezioni per entrambe le due regioni. Il quadro è comunque chiaro. I due governatori sono Attilio Fontana (49,7% dei consensi, il dato fa riferimento a

    – di Redazione Roma

    • News24

    In Lombardia vince Fontana. Nel Lazio Zingaretti batte Parisi

    Archiviato, o quasi, il voto per le Politiche, faro sulle elezioni Regionali di Lazio e Lombardia, l'altro appuntamento con le urne dell'Election day del 4 marzo. In Lombardia, quando sono state scrutinate 9.215 sezioni su 9.227 , al primo posto si piazza il candidato del centrodestra Attilio

    – di Vittorio Nuti e Alessia Tripodi

    • News24

    Elezioni regionali 2018: dall'Irap al digitale, 5 pilastri per la crescita del Lazio

    Sviluppo della filiera della ricerca in connessione con le esigenze delle imprese. Aumentare le competenze (in primis quelle digitali) della forza lavoro. Creare un ambiente favorevole all'impresa (meno burocrazia e meno tasse, a partire dall'Irap). Completamento delle infrastrutture attese da

    – di Andrea Marini

    • News24

    Nel Lazio tasse e sanità le sfide chiave

    Per una Regione che viene da dieci anni di commissariamento della sanità, motivo per cui i cittadini e le imprese del Lazio pagano l'Irpef e l'Irap tra le più alti d'Italia, era quasi inevitabile che la campagna elettorale per scegliere il nuovo governatore fosse quasi monopolizzata da tasse e

    – di Andrea Marini

1-10 di 399 risultati