Persone

Stefania Prestigiacomo

Stefania Prestigiacomo,politica italiana, è stata Ministro dell’Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare del Governo Berlusconi IV. Nel 2008 è stata eletta come deputata per la quinta volta.

Nata a Siracusa il 16 dicembre 1966, Stefania Prestigiacomo è laureata in Scienze della Pubblica Amministrazione, ha avuto un’esperienza imprenditoriale nell’azienda di famiglia e ha cominciato la sua carriera politica in Forza Italia fin dall’inizio della storia del partito, nel 1994.

Dal 2001 al 2006 è stata Ministro per le Pari Opportunità, durante i governi guidati da Silvio Berlusconi.

Come ministro e deputato ha partecipato alla promozione di alcuni provvedimenti legislativi legati al ruolo della donna nella società, tra i quali la modifica dell’Articolo 51 della Costituzione (per le pari opportunità fra donne e uomini nell’accesso alle cariche pubbliche), la legge contro la riduzione in schiavitù e la tratta di esseri umani, quella contro le discriminazioni per motivi di orientamento sessuale e disabilità e quella contro le molestie nei luoghi di lavoro.

Nel 2009 è stata indagata per ipotesi di peculato, in relazione all'uso della sua carta di credito del ministero: nel 2010 il Tribunale ha archiviato il caso, accertando l'uso legittimo della carta di credito.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Stefania Prestigiacomo
    • News24

    Biotestamento, ok della Camera con 326 sì

    La Camera dei deputati ha approvato il Ddl sul biotestamento che va ora al Senato. I sì sono stati 326, i no 37. Il testo introduce in Italia il divieto all'accanimento terapeutico e il riconoscimento del diritto del paziente di abbandonare totalmente la terapia. Vengono introdotte le Dat, le

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    Unioni civili in Aula alla Camera. Renzi: giovedì ok definitivo con la fiducia

    E' ricominciato nel pomeriggio alla Camera il cammino del disegno di legge sulle unioni civili che tanti contrasti e discussioni ha generato sia all'interno della maggioranza che tra maggioranza e opposizione nel corso del suo iter al Senato. Sono stati presentati oltre 300 emendamenti al ddl

    • Agora

    ilva/5. cronologia di una crisi. nel 2011 arrivò l'aia farlocca. inchieste, perizie e nuovi dossier.

    clicca qui per leggere la prima parte di questo articolo: ilva/1, i nemici del risanamento, gli amici della chiusura, un vecchio documento. clicca qui per leggere la seconda parte di questo articolo: ilva/2, la diossina e il video dell'inaugurazione del '64. clicca qui per leggere la terza parte di questo articolo: ilva/3, il benzopirene delle cokerie clicca qui per leggere la quarta parte di questo articolo: ilva/4, l'acciaieria stravince al tar e nasce il desiderio di rivalsa. clicca qui pe...

    – Jacopo Giliberto

    • Agora

    ilva/1. i nemici del risanamento. gli amici della chiusura. un vecchio documento.

    il primo nodo della vicenda ilva sorse quando nell'estate 2012 il partito della chiusura dello stabilimento si accorse che rischiava di perdere la guerra. l'obiettivo della chiusura si allontanava perché si stava aprendo una via alternativa. la società siderurgica, assediata dagli interventi della procura di taranto guidata da franco sebastio e della giudice per le indagini preliminari patrizia todisco, aveva deciso di piegarsi al ministero dell'ambiente e di investire sulla sostenibilità dell'a...

    – Jacopo Giliberto

    • News24

    Tensioni sulle unioni civili, il Pd tira dritto

    Sulle unioni civili è tempo di stringere, e di portare a casa il risultato entro le amministrative di giugno. L'intento di Matteo Renzi è ormai chiaro: già

    – Emilia Patta

    • News24

    Stabilità nella notte il via libera della Camera

    Il via libera della Camera in seconda lettura alla legge di Stabilità 2016 (e al ddl Bilancio) è arrivato a tarda notte, circa le 3 di questa mattina, con 297 voti a favore, 93 contrari e 4 astenuti. La manovra torna ora al Senato per la quarta ed ultima lettura: domani l'inizio dell'esame in

    • Agora

    «La prossima volta lo dico alla Prestigiacomo!» (cosa non succede in Commissione parlamentare antimafia)

    A scuola, quando un bambino è testimone di una marachella di un compagnuccio di giochi, ecco che arriva la frase: «Lo dico alla maestra». Un tempo, quando si era tutti più educati si diceva perfino: «Lo dico alla signora maestra». Beh - mutatis mutandis e senza mancar di rispetto all'Istituzione ma usando il paragone come puro paradosso - è più o meno quanto accaduto il 22 ottobre nella Commissione parlamentare antimafia dove l'imprenditore edile siciliano di Santa Venerina Andrea Vecchio, di S...

    – Roberto Galullo

1-10 di 448 risultati