Aziende

Starbucks

Starbucks Corporation è la più grande catena internazionale di caffetterie che vende caffè, dessert, prodotti di pasticceria, insalate e panini. Con sedi principali a Seattle e a Washington, il gruppo ha 24mila punti vendita distribuiti in 72 Paesi. Nel 2018 è prevista la prima apertura in Italia a Milano in piazza Cordusio.

Il primo negozio Starbucks è stato aperto nel 1971 a Pike Market Place, a Seattle, da tre amici: Jerry Baldwin, un insegnante di inglese, Zev Siegel, un insegnante di storia, e Gordon Bowker, uno scrittore. In occasione di un viaggio a Milano nel 1983 l’imprenditore Howard Schultz ha sviluppato il progetto di portare in America la caffetteria italiana e ha fondato la catena di caffetterie Il Giornale, nella quale nel 1987 è confluito Starbucks. Il gruppo ha iniziato così l’espansione internazionale, inaugurando punti vendita in Giappone nel 1996 e due anni dopo in Inghilterra. Nel 2003 Starbucks ha completato l’acquisto di Seattle's Best Coffee e Torrefazione Italia da Afc Enterprises, mentre tre anni più tardi ha rilevato Diedrich Coffee. Nel 2008 Starbucks Corporation è arrivato in Argentina, Bulgaria, Repubblica Ceca e Portogallo. L’anno successivo ha inaugurato caffetterie in Polonia, nei Paesi Bassi, in Svezia e successivamente in Ungheria e Sud Africa.

La catena di caffetterie americana capitalizza 86 miliardi e ha un fatturato di 21 miliardi e conta più di 200mila dipendenti (dati 2016).

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Starbucks
    • News24

    L'ecosistema Amazon pigliatutto

    A cominciare dalla sua culla a Seattle: salita alla ribalta per l'aerospazio con la Boeing, il caffè di Starbucks, la controcultura del grunge, oggi è, soprattutto, la sua città.

    – di Marco Valsania

    • News24

    Corte Ue: da rifare la causa sulla maxi multa a Intel

    La Commissione sta gestendo in questi anni numerosi dossier nei confronti di grandi aziende americane: da Facebook a Google, da Starbucks ad Apple fino ad Amazon.

    – dal nostro corrispondente Beda Romano

    • News24

    «Ing, banca digitale vincente se veloce»

    Che oggi - nonostante i tassi a zero - deve l'85% del suo utile al margine d'interesse (in Italia siamo oltre) e non fatica a paragonarsi a Facebook o Starbucks: «Ormai i servizi bancari sono una commodity, la qualità dell'offerta non basta più.

    – Marco Ferrando

    • NovaOther

    Il valore del brand per i millennials

    Il 2016 è stati un anno di cambiamenti e di polarizzazioni. A partire dalla vittoria di Donald Trump e proseguendo con Brexit e l'emergenza terrorismo, il dibattito a livello globale si è concentrato su temi sensibili e divisivi, polarizzandosi attorno a posizioni estreme, come per la dialettica tra localismo e globalismo, alimentata anche da fenomeni epocali come le migrazioni, con evidenti ricadute sulle scelte economiche e sociali quotidiane. L'effetto è un generale sgretolamento della fiduci...

    – Pierangelo Soldavini

    • News24

    Exxon sta con Parigi Così si è spaccata la Corporate America

    Sul clima la Casa Bianca non è la sola ad aver tradito divisioni. Anche la Corporate America arriva in ordine sparso - e a volte silenziosa - alla sfida dell'effetto serra. Il dibattito dentro la Casa Bianca sull'uscita dall'accordo di Parigi si è riprodotto nelle spaccature di una Corporate

    – Marco Valsania

    • NovaOther

    Con il caffè di precisione la filiera ci guadagna

    E' stata un'annata proficua per Crésio Antônio de Oliveira, 41 anni, coltivatore di caffè a Muzambinho, nello Stato brasiliano di Minas Gerais, non lontano da San Paolo. Là dove si estendevano pascoli a perdita d'occhio si è allargata la sua piantagione di caffè, arrivando a 20 ettari, e si prospetta un buon raccolto. Suo padre non aveva che tre ettari coltivati a caffè e passavano sette anni dalla messa in terra delle piante al primo raccolto, mentre oggi ne bastano due. Con l'aiuto della chim...

    – Elena Comelli

1-10 di 336 risultati