Le nostre Firme

Simon Kuper

Simon Kuper è un columnist del Financial Times.

Ultimo aggiornamento 01 febbraio 2018

Ultimi articoli di Simon Kuper

    Parigi o cara, Airbnb è come un bancomat ma a che prezzo?

    «Airbnb ci ha cambiato la vita», dice Julien Karyofyllidis (meglio noto come Karyo). L'imprenditore vive con la moglie e i loro tre figli nel Marais, uno dei quartieri più suggestivi di Parigi. Ha trascorso gli ultimi anni a dar vita alla sua azienda e, in attesa che i flussi di denaro si

    – di Simon Kuper

    Dalla Lazio all'Ajax: c'è futuro per le grandi decadute del calcio europeo?

    «Metteteci tutti voi stessi!», incita un grande striscione dietro una porta. Ma in una fredda notte mediterranea invernale, lo stadio Velodrome dell'Olimpique Marsiglia (che ha una capienza di 67mila posti) è a dir tanto mezzo pieno per la partita contro il Troyes. La squadra del Marsiglia, nota a

    – di Simon Kuper

    Solitudine e tribù: come cambia la politica

    Tutti i giorni nell'America di Donald Trump si verifica un episodio di questo tipo: due persone si incontrano a spasso nel loro quartiere, o virtualmente su Facebook, e subito iniziano a parlare del presidente. Se sono liberal, uno forse chiede: «Hai letto quel tweet?» e l'altro si picchia l'indice

    – di Simon Kuper

    La freddezza che si cela dietro il fascino di Emmanuel Macron

    Emmanuel Macron si guarda il video sul telefonino di un evento della campagna elettorale in cui qualcuno gli aveva lanciato un uovo che gli si era rotto in testa. Fa una sonora risata e se lo rivede di nuovo. «Non mi ha fatto male. Lo ha lanciato da una bella distanza, vede?» commenta con la moglie

    – di Simon Kuper

    Brexit, quel pasticciaccio brutto dei rampolli dell'Oxford Union

    Per comprendere la situazione nella quale il Regno Unito si è cacciato da solo, torna utile sapere che la Brexit non è soltanto una rivolta anti-elitista. Al contrario: è una rivolta anti-elitista guidata da un'élite, un colpo da maestri portato a segno da un gruppo di alunni delle università

    – Simon Kuper

    A lezione di management dai più grandi allenatori di calcio

    Il giorno della finale di Champions League del 2012, all'ora di pranzo il manager del Chelsea Roberto Di Matteo aveva scelto dieci giocatori della formazione da mandare in campo, ma non sapeva ancora chi sarebbe stato l'undicesimo. Quale centrocampista sinistro avrebbe dovuto scegliere? In quel

    – di Mike Forde e Simon Kuper