Persone

Sigmar Gabriel

Sigmar Gabriel è un politico tedesco, attuale Presidente del Partito Socialdemocratico Tedesco (Spd). In passato è stato Presidente della Bassa Sassonia e Ministro dell'Ambiente.

Sigmar Gabriel si è laureato nel 1987 a Gottinga in Letteratura tedesca, Politica e Sociologia. Ha intrapreso la carriera accademica, diventando insegnate al ginnasio di Goslar, poi docente di educazione politica nella formazione del lavoro sindacale e di formazione professionale. Nel 1977 si è scritto al Partito socialdemocratico, entrando due anni più tardi, nell’Unione per i servizi pubblici, dei trasporti e del traffico. Nel 1987 è stato nominato membro del consiglio distrettuale del distretto di Goslar, dove è stato anche Consigliere, Presidente dell’Ambiente e Presidente della commissione per i problemi economici, lo sviluppo urbano e turistico. Dal 1990 è entrato nel Parlamento della Bassa Sassonia, ricoprendo la carica di Vicepresidente del gruppo parlamentare del Partito Socialdemocratico Tedesco. Nel 1998 è stato eletto Primo ministro e poi Presidente di partito nel Parlamento della Bassa Sassonia, carica che ha mantenuto fino al 2003. Eletto al Parlamento federale tedesco (Bundestag) nel 2005, fino al 2009 ha rivestito la carica di ministro dell'Ambiente per il governo Merkel. Nel 2009 è stato eletto Presidente del Partito Socialdemocratico Tedesco.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Sigmar Gabriel
    • News24

    Merkel indebolita e Spd-Csu a brandelli. Ma l'Europa chiama GroKo

    Il ministro degli Esteri partecipante alla conferenza, Sigmar Gabriel dell'Spd e gradito agli europei, vorrebbe mantenere la sua poltrona nel governo GroKo ma nulla è scontato: Gabriel si è scontrato a male parole con l'uscente leader socialdemocratico Martin Schulz ed è già stato rimproverato pubblicamente dalla candidata alla leadership dell'Spd Andrea Nahles, non ha gradito un Gabriel che «fa campagna per se stesso e non il partito nella Grande Coalizione».

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Schulz rinuncia agli Esteri, partito nel caos

    Resa dei conti in casa Spd: Martin Schulz è stato costretto a rinunciare al ministero degli Esteri che aveva riservato a se stesso nell'accordo di Grande Coalizione con Angela Merkel, dopo aver giurato, in campagna elettorale, che non sarebbe entrato in un governo guidato dalla cancelliera.

    – di Roberta Miraglia

    • News24

    Martin Schulz rinuncia agli Esteri nel governo Merkel-Spd

    FRANCOFORTE. Volano gli stracci nel partito socialdemocratico tedesco. Martin Schulz, leader uscente dell'Spd, ha fatto un passo indietro e ha rinunciato al prestigioso posto di ministro degli Esteri nella formazione di governo che dovrebbe nascere dall'accordo sulla Grande Coalizione siglato

    – di Isabella Bufacchi

    • News24

    Chi è Olaf Scholz, l'erede del falco Schäuble al ministero delle Finanze

    Wolfgang Schäuble è stato protagonista del racconto della Germania e dell'Europa negli ultimi anni. Durante la crisi finanziaria globale e quella dei debiti sovrani era il guardiano dei conti, la voce dell'austerity. Nella lunga tragedia greca - salvare o no Atene - era il «cattivo» per

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Meno austerity e più crescita: l'impatto della nuova Germania sull'Unione europea

    Due europeisti dell'Spd in posti chiave del Governo, alle Finanze e agli Esteri. Socialdemocratici anche al Lavoro, alla Giustizia, alla Famiglia e all'Ambiente. Secondo le prime indiscrezioni di stampa sembra ricco il bottino dell'Spd nell'accordo di Grande Coalizione appena raggiunto. Un accordo

    – di Roberta Miraglia

    • News24

    Il buco di Brexit nel budget Ue

    E' iniziato nei fatti ieri il lungo negoziato in vista del prossimo bilancio comunitario 2021-2027. Complice anche l'uscita del Regno Unito dall'Unione, la partita si conferma delicata. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha approfittato di un convegno qui a Bruxelles per

    – di Beda Romano

    • News24

    Gerusalemme, Trump scuote il mondo

    La decisione è stata presa. Sono bastati pochi giorni al presidente Trump per rompere gli indugi: gli Stati Uniti intendono trasferire l'ambasciata americana da Tel Aviv, dove si trovano le rappresentanze degli altri Paesi, a Gerusalemme. Di fatto la Casa Bianca riconoscerebbe così Gerusalemme come

    – Roberto Bongiorni

    • News24

    Trump ha deciso: l'ambasciata Usa si sposta a Gerusalemme

    La decisione è stata presa: l'annuncio ufficiale, come conferma direttamente la portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders, verrà dato mercoledì 6 dicembre. Sono bastati pochi giorni al presidente Trump per rompere gli indugi: gli Stati Uniti trasferiranno l'ambasciata americana da Tel Aviv, dove si

    – di Roberto Bongiorni

1-10 di 254 risultati