Aziende

Shell

Royal Dutch Shell Plc è una multinazionale operante nei settori petroliferi, dell'energia e della petrolchimica. Assieme a Bp, ExxonMobil e Total è uno dei quattro principali attori privati mondiali nel comparto del petrolio e del gas naturale. Il gruppo è controllato al 100% da Shell Petroleum N.V. (holding della Royal Dutch Shell). Le sue attività petrolchimiche sono incentrate nella sussidiaria Shell Chemicals. La sede principale è a L'Aia, nei Paesi Bassi, le azioni Shell sono trattate principalmente nelle Borse di Londra e Amsterdam. La società è attiva in oltre 140 Paesi del mondo. Il suo mercato di riferimento sono gli Stati Uniti d'America, in cui opera tramite la sussidiaria Shell Oil Company, con sede ad Houston, nel Texas.

La società è stata fondata nel 1907. La Reale Compagnia Petrolifera Olandese e la The Shell Transport and Trading Company Plc, si sono fuse per competere contro il gigante petrolifero dell'epoca, la Standard Oil. Nel 1912 è nata la filiale italiana. Nel 1919, il gruppo Shell ha preso il controllo della Mexican Eagle Petroleum Company e nel 1921 ha formato Shell-Mex Limited, nel Regno Unito. Nel 1931 Shell-Mex ha fuso le attività di marketing nel Regno Unito con quelle della British Petroleum, creando la Shell-Mex and Bp Ltd. Nel 2004 il gruppo Shell ha creato la parent company Dutch Shell Plc. L'unificazione è stata conclusa l’anno successivo.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Shell
    • NovaOther

    Non ci sono più gli inverni di una volta

    Prendiamo l'Italia in questo primo scorcio di 2018: al Nord le montagne sono ricoperte da neve come non si vedeva da anni, con rischi di valanghe e intere valli bloccate, al Centro-Sud si sono registrate temperature ben al di sopra della norma. Nello stesso periodo, negli Stati Unit, la East Coast era investita da un'ondata di freddo senza precedenti con mare ghiacciato attorno a Cape Cod e squali spiaggiati dal gelo in Massachusetts, mentre in California pioggia e fango hanno seminato disastri ...

    – Pierangelo Soldavini

    • News24

    Il boom delle start-up nigeriane attira investimenti dall'estero

    Anche se lo si osserva di sfuggita o a occhi semichiusi, il vivace quartiere Yaba di Lagos assomiglia ben poco a Shoreditch, il cuore hipster londinese del panorama delle start-up. Eppure, proprio questo è il paragone che fa 'Bosun Tijani quando parla di Nigeria e dell'opportunità, che si presenta

    – di Matthew Green

    • News24

    La Borsa di Londra al nuovo record. Intesa Sp protagonista a Milano

    La nuova seduta al rialzo di Wall Street, galvanizzata dall'imminente via libera alla riforma fiscale Usa (c'è il doppio ok delle Camere e manca solo la firma del presidente Donald Trump), spinge l'Europa che chiude in rialzo una giornata vissuta quasi tutta attorno alla parità. Nessun contraccolpo

    – di Cheo Condina

    • News24

    La svolta Exxon: bilancio sull'impatto ambientale

    L'America di Donald Trump ha forse messo in disparte la lotta al cambiamento climatico, la protezione dell'ambiente e la sostenibilità dello sviluppo. Ma non tutta l'America è con Trump, neppure quando si tratta di grandi investitori e del settore energetico.

    – di Marco Valsania

    • News24

    Addio a Francesco Leonetti, voce inconfondibile

    Si è spento nella notte fra sabato e domenica, nella casa di riposo milanese dove aveva trascorso gli ultimi anni, Francesco Leonetti; aveva 93 anni. Nato a Cosenza nel 1924, dopo la guerra (che lo vide al fronte, sul Liri, e gli lasciò l'udito devastato dallo shell-shock) si trasferì a Bologna,

    – di Andrea Cortellessa

    • News24

    Petrolio a rischio ribasso: l'Opec potrebbe deludere

    A due giorni da un vertice Opec dall'esito sempre più incerto, Royal Dutch Shell firma un atto di fiducia verso il rally del petrolio. Dal quarto trimestre la compagnia riprenderà a pagare tutti i dividendi in contanti, oltre a proseguire il piano di riacquisto di azioni proprie deciso nel 2015,

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Powell spinge il dollaro. Bene i listini Ue, Milano chiude a +0,5%

    Le Borse europee si riprendono dalla falsa partenza della settimana e rialzano la testa complice anche il dietrofront dell'euro, in particolare dopo le dichiarazioni davanti al Congresso del prossimo presidente della Federal Reserve Jerome Powell. Il successore di Janet Yellen ha parlato di

    – di C. Condina e A. Fontana

1-10 di 1020 risultati