Le nostre Firme

Sergio Fabbrini

Sergio Fabbrini è professore di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla Luiss, direttore della Luiss School of Government ed editorialista del Sole 24 Ore.

Ultimo aggiornamento 27 marzo 2017

Ultime notizie su Sergio Fabbrini
    • News24

    Il futuro è l'Unione federale

    Roma è stata ieri la capitale dell'Europa. Al Campidoglio, dove furono firmati il 25 marzo 1957 i Trattati che hanno dato vita all'Unione Europea, è stata solennemente sottoscritta una Dichiarazione che riafferma l'importanza dell'integrazione europea. E' difficile non sentirsi grati alla

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Liberalizzazione a rilento sui treni

    Se il mercato unico e la sua regolazione è una delle politiche che si considerano positive nel bilancio dell'Unione europea - basti leggere «Sdobbiamento» di Sergio Fabbrini, pubblicato in questi giorni da Laterza -la liberalizzazione ferroviaria fa certamente eccezione perché in questi 25 anni è stato la roccaforte delle resistenze all'apertura provenienti dai Paesi.

    – Giorgio Santilli

    • News24

    Attenti all'elefante che si aggira a Bruxelles

    Sabato prossimo l'Unione europea (Ue) festeggerà i suoi 60 anni di vita. A Roma (dove furono firmati i Trattati fondativi il 25 marzo 1957) si terrà una riunione del Consiglio europeo dei capi di governo dei 27 stati membri, allargata ai membri della Commissione, del Parlamento europeo e delle

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Il coraggio e la forza di pensare un'Europa che funziona e che serve

    Una prospettiva nuova per l'Europa" (in uscita per Laterza) - Sergio Fabbrini scriva che un futuro di maggiore integrazione riguarda solo alcuni fra gli Stati europei ed è bene, per la salvaguardia dell'insieme, prenderne atto. I lettori de "Il Sole" conoscono bene Fabbrini e sanno quanto le sue idee si siano sempre fondate sul federalismo dei padri di Ventotene ... Fabbrini ci spiega con grande chiarezza (e altrettanta, lodevole semplicità) i termini della questione: prima la crisi economica,...

    – di Giuliano Amato

    • News24

    La visione confusa del futuro dell'Europa

    Il Libro Bianco sul futuro dell'Europa, presentato dal presidente della Commissione Jean-Claude Juncker al Parlamento europeo mercoledì scorso, fornisce un contributo modesto e confuso alla discussione che dovrebbe condurre alla Dichiarazione di Roma del prossimo 25 marzo. Modesto, perché non vi è

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    La vera sfida per l'Europa è l'Unione federale

    E' probabile che la Dichiarazione di Roma del prossimo 25 marzo (per i sessant'anni dei Trattati) celebrerà il principio dell'Europa a più velocità. Dopo tutto, è un principio così ambiguo che può essere interpretato a seconda delle convenienze.Serve ai quattro grandi Paesi (Germania, Francia,

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    La crisi europea e la tirannia delle ambiguità

    L'Unione Europea è in crisi anche per le sue ambiguità. Si consideri la recente proposta del cancelliere tedesco Angela Merkel di inserire, nella Dichiarazione di Roma per i 60 anni dei Trattati, il principio che l'Ue dei prossimi dieci anni potrà procedere a più velocità. Una formula ambigua

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Un'Europa differenziata non quella dei club

    Occorre elaborare il lutto. Prendendo atto che il nuovo inquilino della Casa Bianca non ama l'Europa integrata. Un sentimento peraltro condiviso anche dal vecchio proprietario del Cremlino. L'Europa integrata non può continuare ad indignarsi per i cambiamenti radicali che sono intervenuti sul piano

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Quella santa alleanza tra populismo e nazionalismo

    Sul fatto che il mondo stia cambiando, c'è poco da discutere. Si consideri cosa è successo nelle ultime ore. Il nuovo presidente americano Donald Trump afferma, nel suo discorso inaugurale dell'altro ieri, che la sua politica sarà inequivocabilmente protezionista e isolazionista. Si tratta di una

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    «Sovranismo» l'avversario da battere per l'Europa

    La politica dei paesi europei è attraversata da una nuova frattura. E' opinione diffusa che essa opponga populisti e anti-populisti, piuttosto che sinistra e destra. Il populismo è considerato il nuovo avversario dei partiti tradizionali.

    – di Sergio Fabbrini

1-10 di 175 risultati