Aziende

Saras

Saras Raffinerie Sarde Spa è un operatore italiano ed europeo del settore della raffinazione petrolio e produzione di energia elettrica. Saras Spa si occupa principalmente di raffinazione del petrolio, di distribuzione e vendita attraverso una rete di 89 stazioni di servizio di proprietà e 44 convenzionate, situate principalmente nel sud della Spagna. In Italia invece l’azienda produce circa il 15% del totale capacità.

Saras Spa fornisce anche energia elettrica attraverso la controllata Sarlux e la joint venture con Parchi Eolici Ulassai. Con sede principale a Saddoch (in provincia di Cagliari), dove è situato anche il principale sito produttivo, l’azienda è guidata dal Presidente Gianmarco Moratti, principale azionista (62.461% delle quote) insieme al fratello Massimo Moratti che ricopre la carica di Amministratore Delegato.

Fondata nel 1962 da Angelo Moratti, negli anni ’70 la società ha iniziato la raffinazione per conto terzi. Dal 1990 ha operato nel mercato delle vendite all’ingrosso in Spagna (tramite Saras Energia) e in Italia (Arcola Petrolifera). Nel 2000 ha realizzato l’impianto di gassificazione a ciclo combinato e da combustibile liquido più grande al mondo.

Nel 2006 Sarlux, nata come joint-venture con il gruppo Enron, è stata interamente acquisita da Saras Spa. Nello stesso anno la società è entrata nelle quotazioni di Borsa valori di Milano.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Saras
    • News24

    Enel è il primo gruppo italiano, ma otto big industriali su 20 sono esteri

    In seconda posizione proprio l'Eni (55,8 miliardi), che ha pagato il calo del prezzo del petrolio, seguita da Gse (società pubblica che svolge attività di compravendita di energia elettrica, 29,3 miliardi), Fca Italy (26,2), Telecom Italia (18,7), Leonardo (12), Edizione (11,7), Edison (10,2), Saipem (10), Luxottica (9,1), Poste Italiane (8,7), Ferrovie dello Stato (7,9), Esso Italiana (7,6), Prysmian (7,6), Supermarkets Italiani,ovvero Esselunga (7,5), Saras (6,8), Kuwait Petroleum Italia...

    – di Paolo Paronetto

    • News24

    Piazza Affari snobba la riforma dei «tre mesi»

    Lo stesso vale per il settore energetico che conta i colossi pubblici Eni ed Enel, le super municipalizzate A2A, Hera e Iren, le compagnie petrolifere Saras ed Erg.

    – Simone Filippetti

    • News24

    La raffineria digitale strizza l'occhio all'ambiente

    L'innovazione digitale ha già varcato i cancelli della raffineria Saras (1.400 dipendenti in Sardegna) e del sito industriale della controllata Sarlux, e spazia dalla ricerca alla formazione dei lavoratori, dal controllo del processo produttivo... «La gestione dei big data e l'applicazione delle altre tecnologie dell'Industry 4.0 - sono le parole di Dario Scaffaredi, vice presidente esecutivo e direttore generale Saras - ci consentiranno di migliorare i nostri processi a costi sostenibili,...

    – di Davide Madeddu

    • News24

    Ecco i 13 titoli di Piazza Affari che superano il Buffett-test

    «L'investimento in Italia rientra in una strategia di diversificazione del team di Buffett, che punta anche su scelte "locali"» commenta Angelo Moratti, vicepresidente di Saras e vicino a Buffett.

    – di Monica D'Ascenzo

    • News24

    I Pir hanno già portato un miliardo di investimenti

    Non a caso la sim ieri ha organizzato l'Italian Mid Cap Conference per mettere in contatto i top manager di aziende di piccola e media taglia come Avio, Enav, Fila, Openjobmetis, Ovs, Saras, Bio On ed Expert System con un'ottantina di gestori dei principali fondi.

    – Eleonora Micheli

    • News24

    Euro forte: ecco chi soffre di più (e chi guadagna) a Piazza Affari

    Anche per questo motivo in testa alla potenziale classifica della sensibilità all'euro/dollaro stilata dagli analisti di Intermonte troviamo società che fino a questo momento hanno beneficiato del cambio, ma che potrebbero risentirne nel prossimo futuro, come Saras, Saipem ed Eni .

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Trimestrali e Pil Usa pesano sulle Borse. Saras giù del 12% dopo i conti

    Chiusura in deciso ribasso per le principali borse europee che hanno risentito dei conti trimestrali poco convincenti riportati nei giorni scorso da alcuni gruppi di primo piano come Luxottica ed Essilor oltre che delle difficoltà di Wall Street, dove sia il Dow Jones che il Nasdaq sono sotto la

    – di C. Di Cristofaro e C. Poggi

1-10 di 276 risultati