Aziende

Saras

Saras Raffinerie Sarde Spa è un operatore italiano ed europeo del settore della raffinazione petrolio e produzione di energia elettrica. Saras Spa si occupa principalmente di raffinazione del petrolio, di distribuzione e vendita attraverso una rete di 89 stazioni di servizio di proprietà e 44 convenzionate, situate principalmente nel sud della Spagna. In Italia invece l’azienda produce circa il 15% del totale capacità.

Saras Spa fornisce anche energia elettrica attraverso la controllata Sarlux e la joint venture con Parchi Eolici Ulassai. Con sede principale a Saddoch (in provincia di Cagliari), dove è situato anche il principale sito produttivo, l’azienda è guidata dal Presidente Gianmarco Moratti, principale azionista (62.461% delle quote) insieme al fratello Massimo Moratti che ricopre la carica di Amministratore Delegato.

Fondata nel 1962 da Angelo Moratti, negli anni ’70 la società ha iniziato la raffinazione per conto terzi. Dal 1990 ha operato nel mercato delle vendite all’ingrosso in Spagna (tramite Saras Energia) e in Italia (Arcola Petrolifera). Nel 2000 ha realizzato l’impianto di gassificazione a ciclo combinato e da combustibile liquido più grande al mondo.

Nel 2006 Sarlux, nata come joint-venture con il gruppo Enron, è stata interamente acquisita da Saras Spa. Nello stesso anno la società è entrata nelle quotazioni di Borsa valori di Milano.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Saras
    • News24

    Euro forte: ecco chi soffre di più (e chi guadagna) a Piazza Affari

    Anche per questo motivo in testa alla potenziale classifica della sensibilità all'euro/dollaro stilata dagli analisti di Intermonte troviamo società che fino a questo momento hanno beneficiato del cambio, ma che potrebbero risentirne nel prossimo futuro, come Saras, Saipem ed Eni .

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Trimestrali e Pil Usa pesano sulle Borse. Saras giù del 12% dopo i conti

    Chiusura in deciso ribasso per le principali borse europee che hanno risentito dei conti trimestrali poco convincenti riportati nei giorni scorso da alcuni gruppi di primo piano come Luxottica ed Essilor oltre che delle difficoltà di Wall Street, dove sia il Dow Jones che il Nasdaq sono sotto la

    – di C. Di Cristofaro e C. Poggi

    • News24

    Siracusa e le leggi non scritte che soffocano l'impresa

    A Siracusa la settimana scorsa è stato sequestrato il petrolchimico, cioè le raffinerie della Lukoil di Priolo e della Esso ad Augusta che fanno di quel tratto di Sicilia il principale polo mediterraneo di raffinazione del petrolio insieme con la colossare Saras di Sarròch, in?Sardegna.

    – di Jacopo Giliberto

    • News24

    Saras corre dopo la trimestrale oltre le attese, per Equita è da «comprare»

    Saras svetta a piazza Affari con quasi +5% con un indice Ftse Mib che ha chiuso a -2,3%. Un balzo all'indomani dei conti del primo trimestre, risultati migliori delle attese. Nel dettaglio, la società ha chiuso il primo trimestre con ricavi pari a 1,897 miliardi (+45% rispetto al primo trimestre

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Il Russiagate spaventa i listini. Milano a -2,3% con Fiat ko

    La bufera Trump si abbatte sui mercati finanziari e gli operatori corrono ai ripari facendo dietrofront dopo settimane di massimi sui listini azionari. L'uno-due di indiscrezioni sul caso già ribattezzato come Russiagate, e relativo ai rapporti tra l'amministrazione Trump e Mosca (prima le

    – di E. Micheli e A. Fontana

    • News24

    Saras ha già rimborsato tutto il debito con l'Iran

    «Nel primo trimestre Saras ha ripagato completamente il debito con l'Iran per forniture di greggio». E' quanto ha dichiarato, a margine dell'assemblea dei soci, il direttore generale del gruppo petrolifero, Dario Scaffardi. In tutto, le passività ammontavano a 400 milioni e circa 300 milioni erano

    • News24

    La fiducia Usa sostiene le Borse. Milano piatta, brillano Eni e banche

    Le Borse europee archiviano la seduta in territorio positivo, seppur con lievi rialzi. Piazza Affari, invece, chiude praticamente sulla parità (-0,01%) ma brillano comunque diversi titoli bancari ed Eni (+1,1%) che sale in attesa dei conti 2016 e del piano industriale, che verranno presentati

    – di Cheo Condina

    • News24

    In Europa (e Italia) acquisti record di petrolio dall'Iran

    L'Europa ha ricominciato ad acquistare petrolio dall'Iran a ritmi che non si vedevano da prima delle sanzioni. Secondo statistiche appena diffuse da Teheran in dicembre hanno raggiunto il continente 767mila barili al giorno di greggio iraniano, con Turchia e Italia in testa alla classifica degli

    – di Sissi Bellomo

1-10 di 269 risultati