Aziende

Salvatore Ferragamo

Fondato da Salvatore Ferragamo nel 1927, con base a Firenze, il gruppo omonimo concentra la sua attività nel settore dell'abbigliamento di lusso a livello mondiale.

Dopo aver concentrato la propria attività sullo studio, creazione, produzione e vendita di calzature donna, nel 1928 vengono aperti i primi punti vendita monomarca "Salvatore Ferragamo" gestiti direttamente (cosiddetti DOS) in Italia (Firenze e Roma) ed in Gran Bretagna (Londra).
Negli anni successivi i DOS vengono aperti in diversi punti del mondo, Stati Uniti, Asia, Giappone, Cina, Corea del Sud, America Latina, India.

Nel 2008 viene lanciata la linea orologi, nel 2009 viene aperto in Medio Oriente (Dubai) il primo flagship store e nello stesso anno viene lanciato il sito internet www.ferragamo.com, con l'e-commerce nei principali paesi EU e USA.

Nel 2010 viene aperto il primo negozio monomarca in Turchia (Istanbul), in Qatar (Doha), in Egitto (Il Cairo) ed in Sud Africa (Johannesburg) col raggiungimento del traguardo di 91 punti vendita monomarca in Greater China.

Nel 2011 Salvatore Ferragamo si quota alla borsa di Milano dove prende parte al listino Ftse Mib.

Nel 2016 il Gruppo Ferragamo si conferma come uno dei principali player del settore del lusso, registrando 1,43 miliardi di fatturato.

Presidente del gruppo è Ferruccio Ferragamo, figlio del fondatore Salvatore, mentre amministratore delegato è Eraldo Poletto.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

Ultime notizie su Salvatore Ferragamo
    • News24

    Piazza Affari in rialzo ma frenano Tim e lusso. Euro/dollaro sotto 1,2

    Borse timide ma positive nel giorno dell'avvio del meeting del Fomc che porterà, domani sera, alle indicazioni di Janet Yellen sulla politica monetaria Usa e sulla riduzione del bilancio della Fed. Nonostante la risalita dell'indice Zew tedesco sul sentiment degli investitori, gli operatori non

    – di Paolo Paronetto e Andrea Fontana

    • News24

    Europa guarda la Fed, a Milano (+0,61%) Tim alla riscossa

    Chiusura in rialzo per le Borse europee (vedi qui i principali indici), mentre sale l'attesa per la due giorni di riunione del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve. Anche se eventuali annunci arriveranno mercoledì sera, gli analisti danno per scontato che l'istituto centrale Usa opterà

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Nuovi massimi per Wall Street. Londra giù per attentato e sterlina

    Piazza Affari e i listini europei chiudono in lieve calo una settimana brillante, con un rialzo complessivo del 2% circa sia per il FTSE MIB sia per l'Eurostoxx50, ma è su Londra che si sono focalizzate le attenzioni degli operatori a causa dell'esplosione avvenuta nella metropolitana della

    – di C. Di Cristofaro e A. Fontana

    • News24

    Europa contrastata, a Milano focus su Fca. Petrolio torna sopra 50 dollari

    Chiusura contrastata per le Borse europee (segui qui i principali indici), penalizzate dall'andamento incerto di Wall Street, dopo la tripletta di record segnata dagli indici americani la vigilia. Indici che comunque si apprestano ad archiviare la settimana migliore da cinque mesi. Negli Usa

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Europa ancora al rialzo. Milano (+0,4%) aggiorna record con le banche

    Chiusura in rialzo per le Borse europee ( segui qui l'andamento dei principali indici) incoraggiate anche dall'andamento di Wall Street dove Nasdaq e S&P500 hanno aggiornato nuovi massimi. Del resto i timori per il passaggio dell'uragano Irma sono rientrati. Inoltre anche dal fronte della Corea le

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Euro e petrolio frenano le Borse. Milano sale grazie alle banche

    L'euro/dollaro ai massimi da gennaio 2015 e il tonfo del greggio, dopo il +6% dell'ultima settimana, (-1,7% Wti a 48,25 dollari al barile) con i timori sull'effetto Irma frenano le Borse europee che vivono una seduta complessivamente anonima. I principali indici azionari hanno terminato le

    – di C. Di Cristofaro e A.Fontana

    • News24

    Draghi prende tempo fino a ottobre, a Milano pagano dazio le banche

    Chiusura contrastata per le Borse europee (segui qui i principali indici) nel giorno della Bce, che ha lasciato invariato il costo del denaro nel range 0-0,25% rinviando ogni decisione sul previsto "tapering" (ossia il rallentamento nel ritmo degli acquisti di bond) a ottobre, anche se tutto

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Borse brillano ma euro torna verso 1,19 dlr. Harvey spinge ancora greggio

    L'Europa dei mercati azionari dà seguito alla risalita di ieri e vive una seduta vivace dopo i dati che segnalano un'inflazione più consistente ad agosto nell'area euro. La correzione della moneta unica, che aveva contribuito alla corsa degli indici nella prima parte della seduta (arrivando vicina

    – di C. Condina e A.Fontana

    • News24

    Wall Street dà la carica ma l'euro forte tiene giù l'Europa. Milano -0,18%

    Chiusura debole per l'Europa al termine di una seduta volatile che ha visto l'euro rafforzarsi ancora sul dollaro e il Dow Jones a Wall Street sfondare per la prima volta la soglia dei 22mila punti in avvio. A dare la spinta alla Borsa Usa soprattutto la favorevole accoglienza che il mercato ha

    – di Flavia Carletti

1-10 di 429 risultati