Aziende

Salvatore Ferragamo

Fondato da Salvatore Ferragamo nel 1927, con base a Firenze, il gruppo omonimo concentra la sua attività nel settore dell'abbigliamento di lusso a livello mondiale.

Dopo aver concentrato la propria attività sullo studio, creazione, produzione e vendita di calzature donna, nel 1928 vengono aperti i primi punti vendita monomarca "Salvatore Ferragamo" gestiti direttamente (cosiddetti DOS) in Italia (Firenze e Roma) ed in Gran Bretagna (Londra).
Negli anni successivi i DOS vengono aperti in diversi punti del mondo, Stati Uniti, Asia, Giappone, Cina, Corea del Sud, America Latina, India.

Nel 2008 viene lanciata la linea orologi, nel 2009 viene aperto in Medio Oriente (Dubai) il primo flagship store e nello stesso anno viene lanciato il sito internet www.ferragamo.com, con l'e-commerce nei principali paesi EU e USA.

Nel 2010 viene aperto il primo negozio monomarca in Turchia (Istanbul), in Qatar (Doha), in Egitto (Il Cairo) ed in Sud Africa (Johannesburg) col raggiungimento del traguardo di 91 punti vendita monomarca in Greater China.

Nel 2011 Salvatore Ferragamo si quota alla borsa di Milano dove prende parte al listino Ftse Mib.

Nel 2016 il Gruppo Ferragamo si conferma come uno dei principali player del settore del lusso, registrando 1,43 miliardi di fatturato.

Presidente del gruppo è Ferruccio Ferragamo, figlio del fondatore Salvatore, mentre amministratore delegato è Eraldo Poletto.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

Ultime notizie su Salvatore Ferragamo
    • News24

    A Museo Ferragamo «1927-Il ritorno in Italia» del calzolaio di Hollywood

    Nel 1915, all'età di 17 anni, Salvatore Ferragamo partì da un piccolo paese dell'Irpinia, Bonito, per andare in America a perfezionare l'arte della calzatura, imbarcandosi in terza classe sullo "Stampalia". Dodici anni dopo, nel 1927, fece ritorno in Italia sul transatlantico "Roma": questa volta

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Il Russiagate spaventa i listini. Milano a -2,3% con Fiat ko

    La bufera Trump si abbatte sui mercati finanziari e gli operatori corrono ai ripari facendo dietrofront dopo settimane di massimi sui listini azionari. L'uno-due di indiscrezioni sul caso già ribattezzato come Russiagate, e relativo ai rapporti tra l'amministrazione Trump e Mosca (prima le

    – di E. Micheli e A. Fontana

    • News24

    Michele Norsa

    Il settimo manager più pagato a Piazza Affari nel 2016 è stato l'ex numero uno di Salvatore Ferragamo Michele Norsa. Il manager, in carica fino ad agosto dello scorso anno (è stato sostituito da Eraldo Poletto), ha ricevuto una retribuzione (comprensiva di buonuscita) pari a 2 milioni e 922 mila

    • News24

    Europa contrastata, Milano chiude a +0,31% con A2a alle stelle

    Chiusura contrastata per le Borse europee (segui qui principali indici), complice anche l'andamento incerto di Wall Street, dove gli investitori si interrogano sulle conseguenze del licenziamento del numero uno dell'Fbi da parte del presidente, Donald Trump. I listini del Vecchio Continente,

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Europa positiva, ma Milano (+0,27%) frena zavorrata dalle banche

    Chiusura positiva per le Borse europee (segui qui il loro andamento), che sono tornate a salire dopo la pausa di riflessione della vigilia. Milano, che per gran parte della seduta ha vantato la performance migliore, ha frenato sul finale, chiudendo in progresso dello 0,27%. Intanto Oltreoceano

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Tod's va ko dopo trimestre sotto le attese

    Pesante avvio di seduta di Borsa per Tod's dopo la pubblicazione dei conti trimestrali, diffusi venerdì sera. Il titolo è arrivato anche perdere anche l'8%. Nel primo trimestre del 2017 il fatturato del gruppo Tod's si è attestato su 238,5 milioni, con un calo del 4,4% rispetto al primo trimestre

    – di Andrea Fontana

    • News24

    In Borsa scattano realizzi. A Wall Street crolla l'indice della paura (Vix)

    Chiusura debole per le Borse europee, all'indomani dell'annuncio della vittoria di Emmanuel Macron nella corsa all'Eliseo. Sui listini del Vecchio Continente sono scattate le prese di beneficio, dopo la recente galoppata innescata dai risultati elettorali francesi del primo round. Oltreoceano,

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Gucci spinge Kering a +10% a Parigi, Moncler e Ferragamo brillano a Milano

    Lusso ben comprato a Piazza Affari, grazie ai dati di Kering che spingono gli acquisti sul comparto. Così Moncler segna la performance migliore del listino, seguita da Salvatore Ferragamoe Yoox Net-A-Porter Group. Il settore prende spunto dai dati sorprendenti del gruppo francese Kering (a Parigi

    – di Chiara Di Cristofaro

1-10 di 389 risultati