Persone

Salvatore Di Landro

Salvatore Di Landro è un magistrato italiano. Riveste la carica di Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Reggio Calabria.

Salvatore Di Landro si è laureato in Giurisprudenza e successivamente ha passato il concorso pubblico per diventare magistrato. Ha intrapreso così la carriera, entrando alla Procura Generale della Repubblica di Reggio Calabria, dove ha lavorato per 40 anni circa. Nel 2009 Salvatore Di Landro è stato nominato Procuratore Generale della Corte d’Appello della città. Nel 2010 il magistrato è stato vittima di un attentato per mano della mafia: un ordigno è stato fatto esplodere davanti alla sua abitazione mentre lui e la moglie erano in casa. La deflagrazione non ha provocato vittime, ma ha solo danneggiato il portone e fatto saltare i vetri dello stabile.
Salvatore Di Landro è il secondo reggino nella storia del capoluogo calabro a ricoprire il ruolo di Procuratore Generale presso la Corte d’Appello dello stesso comune.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Salvatore Di Landro
    • Agora

    I segreti di Lo Giudice nei files sequestrati nel rifugio. La storia degli ultimi quattro anni a Reggio sarà riscritta

    Di Roberto Galullo L'arresto odierno di Nino Lo Giudice - a giugno di quest'anno pentito di essersi pentito con un primo memoriale spedito al Tribunale di Reggio prima di darsi alla macchia da Macerata, località segreta dove scontava una pena ai domiciliari - apre scenari straordinariamente interessanti perché, c'è da scommetterci, tornerà a pentirsi. Lo farà solo a una condizione: parlare direttamente con l'unico pm di cui a Reggio Calabria si fida, vale a dire Giuseppe Lombardo. Del resto lo h...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Molotov alla Procura generale di Reggio Calabria: lavori in corso sul prototipo da utilizzare per altri obiettivi

    Vi domanderete (forse) perché scrivo soltanto ora della bomba molotov lasciata davanti alla Procura generale di Reggio Calabria nella notte del 28 ottobre. In realtà non è proprio vero che ne scrivo solo ora. L'ho già fatto, raccogliendo per primo le dichiarazioni del pg Salvatore Di Landro sul portale del Sole 24 Ore, poche ore dopo che la notizia si era sparsa (il pezzo è nell'archivio online e ad esso rimando). In realtà ne scrivo ora (sul blog) perché - e la mia barba bianca serve per questo...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Il gran ballo di pentiti e avvocati "calabresi"/1 Lo Giudice, Marino, Di Dieco, Napoletano

    Tutti i pentiti - a maggior ragione quelli calabresi che fanno spesso della "tragedia" una missione di vita o quelli che con la mafia calabrese hanno a che fare - sono da prendere con le molle. Io li prenderei - fossi pm in Calabria - con quelle. Non sono pm e posso dunque raccontarne fatti e misfatti tentando persino letture (privilegio pazzesco eh!). Raccontano (spesso) mezze verità che, volendola vedere dall'altra parte, possono anche essere lette come mezze bugie. Resto convinto che un magi...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Il gran ballo di pentiti e avvocati "calabresi"/1 Lo Giudice, Marino, Di Dieco, Napoletano

    Tutti i pentiti - a maggior ragione quelli calabresi che fanno spesso della "tragedia" una missione di vita o quelli che con la mafia calabrese hanno a che fare - sono da prendere con le molle. Io li prenderei - fossi pm in Calabria - con quelle. Non sono pm e posso dunque raccontarne fatti e misfatti tentando persino letture (privilegio pazzesco eh!). Raccontano (spesso) mezze verità che, volendola vedere dall'altra parte, possono anche essere lette come mezze bugie. Resto convinto che un magi...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Memoriale di Nino Lo Giudice/5 A Rebibbia girandola di versioni concordate tra pentiti: tranne quella contro la cosca De Stefano

    Come scrivevo nel mio articolo di ieri (al quale rimando) c'è una parte del secondo memoriale di Nino Lo Giudice, il pentito calabrese pentitosi di essersi pentito, che mi convince. E' la parte in cui sbatte sul tavolo dell'opinione pubblica la burla del pentimento. Non il suo ma proprio lo strumento della collaborazione con la Giustizia. Ieri ho argomentato la scarsa e quasi nulla credibilità che, a mio sindacabile giudizio, il nano ha e ha sempre avuto. Oggi, invece, vorrei concentrarmi con vo...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Memoriale di Nino Lo Giudice/4 La cupola mafioborghese di Reggio Calabria ora è nuda di fronte a pm e investigatori

    C'è una parte del memoriale di Nino Lo Giudice, il pentito pentitosi di essersi pentito e ora (sbagliando) in fuga per la vita tra la Calabria e, verosimilmente, Romania e/o Tunisia, che mi convince. E' la parte in cui sbatte sul tavolo dell'opinione pubblica - che ovviamente di queste vicende delicatissime poco o nulla sa - la burla del pentimento. Non il suo ma proprio lo strumento della collaborazione con la Giustizia. Negli anni Novanta questa opportunità fu utilizzata con cura e maestria da...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Memoriale di Nino Lo Giudice/3 Lista di presunti massoni e Templari al vaglio di Procura e Mossad (tra codici e cabale)

    Cari lettori, da giorni mi sto dedicando alla lettura e all'analisi di alcune parti del secondo memoriale di Nino Lo Giudice (rimando ai miei post del 26 e 27 agosto). Oggi - con voi - vorrei analizzare alcune pagine che ritengo siano degno pane per i denti del Mossad, fondato nel 1949 dall'allora primo ministro israeliano David Ben-Gurion. Il linguaggio in codice è infatti degno del più temuto servizio di intelligence del pianeta. Non è un caso che la cripticità - che pervade anche l'intero sec...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Il memoriale di Nino Lo Giudice/1 Il film prevede un finale già scritto (a meno che non si consegni a Cafiero De Raho)

    Dopo il primo memoriale, a giugno, del nano Nino Lo Giudice, il pentito più incredibile della storia dei collaboratori di giustizia calabresi, in molti mi chiamarono e scrissero per darmi una virtuale pacca sulle spalle. «Avevi ragione tu - era il ritornello - quella persona ha rovinato la vita di molte persone ed era manovrato da una cricca che ora, per sua stessa ammissione, ha nomi e cognomi pesanti, pesantissimi, a partire da quelli di magistrati e investigatori». Mah? Pur sollecitato a scri...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Il "contro memoriale" del Pg Salvatore Di Landro al Csm sulla Giustizia a Reggio Calabria: verità a scoppio ritardato?

    Debbo dire che - nonostante gli sia grato - da un bravo Procuratore generale, quale è Salvatore Di Landro a Reggio Calabria, mi sarei aspettato qualcosa di diverso nel denunciare - come lui stesso scrive nel primo capoverso della sua relazione del 17 giugno spedita al Csm - «un attacco alla magistratura (e per essa allo Stato) così forte, imperioso, diretto, gravido di possibili, perniciosissime conseguenze per i suoi protagonisti». Soprattutto - lo dico con tutto l'affetto che posso provare per...

    – Roberto Galullo

1-10 di 78 risultati