Persone

Saddam Hussein

Saddām Husayn Abd al-Majīd al-Tikrītī, conosciuto come Saddam Hussein, è stato un politico iracheno e ha rivestito il ruolo di Presidente dell’Iraq fino alla Guerra del Golfo. È stato riconosciuto colpevole per crimini contro l’umanità ed è stato condannato a morte per impiccagione. La sua esecuzione è avvenuta nel 2006.

Dopo gli studi in Giurisprudenza a Il Cairo, Saddam Hussein è tornato in Iraq dove è entrato in politica, arruolandosi nelle fila del partito socialista arabo Bath. Condannato a morte per un attentato al leader politico Qasim, nel 1959 è evaso e si è rifugiato in Siria e a Il Cairo. Nel 1968 si è laureato in giurisprudenza a Baghdad. Nello stesso anno è diventato vicepresidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario, nel 1973 è stato promosso Generale dell'esercito e sei anni più tardi ha sostituito il Presidente della Repubblica Ahmad Hasan al-Bakr.

Durante la sua dittatura è esplosa la guerra contro l'Iran per il controllo del territorio. Dopo l’invasione del Kuwait promossa da Saddam per l’egemonia del petrolio, nel 1991 con l’intervento di un contingente alleato (composto da 30 Paesi, tra cui gli Usa) è iniziata la Guerra del Golfo. Accusato di non aver adempiuto gli obblighi imposti dalla comunità internazionale e di possedere armi nucleari, chimiche e biologiche, nel 2003 Saddam Hussein è stato catturato a Tikrit, sua città natale. È stato processato per la strage di Dujail del 1982, nella quale sono morti 148 sciiti ed è stata proclamata la sua condanna a morte per impiccagione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Saddam Hussein
    • News24

    Al Baghdadi, doppio colpo strategico per Mosca ma non la fine della guerra in Siria

    Sarebbe un doppio colpo strategico per Mosca se fosse confermata la notizia della morte di Al Baghdadi: da quando è entrata nella guerra siriana il 30 settembre 2015 la Russia è riuscita a mantenere in sella il regime di Bashar Assad, a insediare nuove basi militari sulle coste del Mediterraneo e

    – di Alberto Negri

    • News24

    L'Isis semina il terrore a Teheran: perché l'Iran è finito sotto attacco

    La rivendicazione dell'Isis degli attentati a Teheran è quasi un marchio di fabbrica, una sorta di sanguinoso sigillo a decenni di politica estera dell'Iran e di contrapposizione tra la repubblica islamica e un universo sunnita che ha sempre mal sopportato l'esistenza di una "Mezzaluna sciita".

    – di Alberto Negri

    • News24

    Sei giorni, mille guerre

    «Ci sono cose di cui mi rammarico. Per esempio gli insediamenti nei Territori nei quali io stesso, sfortunatamente, ho messo mano, e che sono stati davvero un grande errore», ammise Shimon Peres nel 2007, quando diventò presidente d'Israele. Ma era ormai troppo tardi.

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Per che cosa si combatte oggi in Siria? Contenere l'Iran

    Chi combatte e per che cosa si combatte oggi in Siria? Tre giorni fa è morta in una sparatoria intorno a Raqqa, Ayse Deniz Karacagil, la militante filo-curda raccontata da Zerocalcare in "Kobane Calling", libro che ha reso celebre con le sue strisce la resistenza di curdi all'Isis nella città ai

    – di Alberto Negri

    • News24

    Iran al voto, il passato che ritorna

    L'appuntamento con Neda è davanti alla Hosseinieh Ershad dove già dalla mattina ci sono lunghe code per votare. Teheran Nord, quella della ricca e media borghesia iraniana, è in fila per appoggiare Hassan Rohani il presidente uscente, capo del governo che ha negoziato con la comunità internazionale

    – di Alberto Negri

    • News24

    I conti in sospeso tra Londra e l'Europa

    Fin dalle prime battute appare impervio il compito affidato al capo negoziatore della Ue Michel Barnier di ottenere il saldo dei conti economici in sospeso, dopo la Brexit, da parte di Londra. D'altronde, anche in passato è sempre stato duro trattare con Downing Street.

    – di Valerio Castronovo

    • News24

    Le minacce della Corea del Nord e la pericolosa strategia di Trump

    TOKYO - L'anniversario della fondazione delle Forze armate è passato senza che il regime nordcoreano lo celebrasse con un nuovo test missilistico o nucleare, ma solo con manovre militari intorno all'area di Wonsan. Se non accadrà nulla di eclatante anche oggi (Pyongyang aveva questo mese effettuato

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • News24

    Gli Usa di Trump in crisi di intelligence

    Donald Trump ha una crisi di intelligence. Le tensioni tra il presidente e i servizi segreti americani hanno marcato profondamente i primi mesi del suo mandato. Altri presidenti sono stati accusati di manipolare i servizi, fino a George W. Bush per legittimare la guerra in Iraq. Altri presidenti li

    – di Marco Valsania

    • Agora

    Kim, il caro mattacchione

    Niente di nuovo dal fronte orientale, almeno per ora. La Corea del Nord ha mostrato in parata il missile "capace di raggiungere gli Stati Uniti" ma non lo ha lanciato. Forse era un giocattolo. Ne ha sparato un altro ed è fallito. Siamo liberi di credere o dubitare delle capacità tecnologiche di quello strano paese: se davvero può mettere a ferro e fuoco l'intero Pacifico o sono tutte spacconate infantili. Ma la grande domanda - il vero dubbio - resta. Perché la Corea del Nord sfida da anni il m...

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Perché gli Usa hanno poche opzioni contro la Nord Corea

    «Ho grande fiducia che la Cina si occuperà correttamente della Corea del Nord. Ma se non saranno in grado di farlo, lo faranno gli Stati Uniti con i loro alleati». Al di là degli slogan muscolari che Donald Trump ha affidato a Twitter le opzioni militari praticabili contro Pyongyang sono poche e

    – di Gianandrea Gaiani

1-10 di 649 risultati