Persone

Saddam Hussein

Saddām Husayn Abd al-Majīd al-Tikrītī, conosciuto come Saddam Hussein, è stato un politico iracheno e ha rivestito il ruolo di Presidente dell’Iraq fino alla Guerra del Golfo. È stato riconosciuto colpevole per crimini contro l’umanità ed è stato condannato a morte per impiccagione. La sua esecuzione è avvenuta nel 2006.

Dopo gli studi in Giurisprudenza a Il Cairo, Saddam Hussein è tornato in Iraq dove è entrato in politica, arruolandosi nelle fila del partito socialista arabo Bath. Condannato a morte per un attentato al leader politico Qasim, nel 1959 è evaso e si è rifugiato in Siria e a Il Cairo. Nel 1968 si è laureato in giurisprudenza a Baghdad. Nello stesso anno è diventato vicepresidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario, nel 1973 è stato promosso Generale dell'esercito e sei anni più tardi ha sostituito il Presidente della Repubblica Ahmad Hasan al-Bakr.

Durante la sua dittatura è esplosa la guerra contro l'Iran per il controllo del territorio. Dopo l’invasione del Kuwait promossa da Saddam per l’egemonia del petrolio, nel 1991 con l’intervento di un contingente alleato (composto da 30 Paesi, tra cui gli Usa) è iniziata la Guerra del Golfo. Accusato di non aver adempiuto gli obblighi imposti dalla comunità internazionale e di possedere armi nucleari, chimiche e biologiche, nel 2003 Saddam Hussein è stato catturato a Tikrit, sua città natale. È stato processato per la strage di Dujail del 1982, nella quale sono morti 148 sciiti ed è stata proclamata la sua condanna a morte per impiccagione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Saddam Hussein
    • News24

    Perché il terrorismo continua

    L'Iraq di Saddam Hussein e le monarchie del Golfo, appoggiate dall'Occidente, mossero guerra alla repubblica islamica sciita di Khomeini nell'80: otto anni di massacri con un milione di morti senza risultato. ... La minoranza sunnita irachena, sbalzata dal potere con la caduta di Saddam Hussein, alimenta la resistenza di Al Qaida contro gli americani e l'ascesa degli sciiti.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Il miraggio ideologico saudita a Neom

    Dopo la vittoria della rivoluzione di Khomeini sulla monarchia dello Shah Reza Palhevi, sauditi e monarchie del Golfo avevano finanziato con 50-60 miliardi di dollari la guerra di Saddam Hussein all'Iran: lo scopo era far fuori l'avversario sciita ma anche vendicare una testa coronata che era caduta senza che gli americani, alleati storici, intervenissero a salvarla.

    – di Alberto Negri

    • Agora

    Quel che resta del Medio Oriente

    Quello che tuttavia non appare dopo i sei anni di terremoto - quattordici se più correttamente facciamo partire il processo dalla conquista americana di Baghdad e dalla distruzione delle statue di Saddam Hussein - è un orizzonte: una luce in fondo al tunnel, un leader, l'esempio di un paese meritevole di guidare la rinascita.

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Il populismo giornalistico che ignora i capolavori dell'architettura fascista

    Di fronte alle obiezioni di chi contestava ogni possibilità di revisione di quella storia, condannandola in blocco alla condanna della memoria - che abbiamo visto recentemente all'opera con l'abbattimento delle statue di Saddam Hussein in Iraq dopo la guerra del golfo o con i Budda di Bamiyan in Afghanistan - stava la testimonianza incontrovertibile della qualità di un'architettura che,negli anni del Regime, aveva prodotto autentici capolavori, come la stazione di Firenze, la casa del Fascio...

    – di Fulvio Irace

    • News24

    Nord Corea: Antonio Inoki senatore-mediatore, meglio di Razzi

    Se lo siete, tutto è possibile!"), ma in realtà appare come una persona seria, impegnata da molti anni a promuovere una distensione nei rapporti internazionali sotto il segno dello sport: iniziò andando a trovare Fidel Castro e ottenendo da Saddam Hussein il rilascio di ostaggi giapponesi poco prima della Guerra del Golfo).

    – dal nostro corrispondente Stefano Carrer

    • News24

    Al Qaida sopravvive alla guerra al terrorismo

    Perso l'Afghanistan, con l'attacco americano all'Iraq di Saddam Hussein nel 2003, l'organizzazione ha trovato il suo nuovo santuario guidato dal giordano Abu Musab Zarqawi, poi eliminato dagli Usa nel 2006.

    – di Alberto Negri

1-10 di 672 risultati