Persone

Saddam Hussein

Saddām Husayn Abd al-Majīd al-Tikrītī, conosciuto come Saddam Hussein, è stato un politico iracheno e ha rivestito il ruolo di Presidente dell’Iraq fino alla Guerra del Golfo. È stato riconosciuto colpevole per crimini contro l’umanità ed è stato condannato a morte per impiccagione. La sua esecuzione è avvenuta nel 2006.

Dopo gli studi in Giurisprudenza a Il Cairo, Saddam Hussein è tornato in Iraq dove è entrato in politica, arruolandosi nelle fila del partito socialista arabo Bath. Condannato a morte per un attentato al leader politico Qasim, nel 1959 è evaso e si è rifugiato in Siria e a Il Cairo. Nel 1968 si è laureato in giurisprudenza a Baghdad. Nello stesso anno è diventato vicepresidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario, nel 1973 è stato promosso Generale dell'esercito e sei anni più tardi ha sostituito il Presidente della Repubblica Ahmad Hasan al-Bakr.

Durante la sua dittatura è esplosa la guerra contro l'Iran per il controllo del territorio. Dopo l’invasione del Kuwait promossa da Saddam per l’egemonia del petrolio, nel 1991 con l’intervento di un contingente alleato (composto da 30 Paesi, tra cui gli Usa) è iniziata la Guerra del Golfo. Accusato di non aver adempiuto gli obblighi imposti dalla comunità internazionale e di possedere armi nucleari, chimiche e biologiche, nel 2003 Saddam Hussein è stato catturato a Tikrit, sua città natale. È stato processato per la strage di Dujail del 1982, nella quale sono morti 148 sciiti ed è stata proclamata la sua condanna a morte per impiccagione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Saddam Hussein
    • News24

    «Interesse nazionale in politica estera si difende con la credibilità»

    «L'interesse nazionale domina la politica estera, non può essere altrimenti. Per farlo valere dobbiamo essere credibili a livello internazionale e bilaterale. E la credibilità si guadagna con politiche economiche serie, non divergenti da quelle dei partner dell'Unione europea». A parlare è Lamberto

    – Andrea Gagliardi

    • News24

    L'assalto in Iran che ha cambiato la storia del petrolio

    Gli americani non se lo dimenticano. C'hanno fatto un film, Argo, che ha vinto, l'Oscar nel 2012, anche perché va a toccare una ferita ancora aperta per la nazione. Era la notte del 4 novembre 1979 e gli studenti iraniani assalirono l'ambasciata Usa a Teheran e presero in ostaggio 70 persone, 54

    – Davide Tabarelli

    • News24

    La guerra del greggio tra Arabia e Iran

    L'ascesa della mezzaluna sciita è al cuore del conflitto tra iraniani e sauditi che ormai minacciano di colpirsi a vicenda. La rivalità tra Iran e Arabia Saudita non finisce certo a Doha: questo è oggi il fattore più destabilizzante del Medio Oriente ed è destinato a continuare oltre la guerra del

    – di Alberto Negri

    • News24

    #Panama Papers / Ayad Allawi

    Ayad Allawi è stato Primo ministro ad interim del governo iracheno fra il maggio 2004 e l'aprile 2005, subito dopo l'invasione dell'Iraq da parte degli Stati Uniti e la caduta di Saddam Hussein. Di professione è neurologo e ha trascorso metà della sua vita in Gran Bretagna. In questo documento il

    • News24

    Gli affari di Unaoil fra tangenti e maxi-appalti

    Al numero 74 di Boulevard d'Italie, a Montecarlo, si trova una palazzina moderna di tre piani relativamente anonima. E' la base operativa di una famiglia di origine iraniana. Padre e due figli. Gli Ahsani

    – Claudio Gatti

    • News24

    La guerra che nessuno potrà mai vincere

    La guerra americana all'Iraq nel 2003, con le sue catastrofiche conseguenze, è lì a dimostrarlo: iniziata come un conflitto contro il regime di Saddam Hussein si è allargata a tutto il Medio Oriente e saldandosi con quella siriana, dopo la caduta dei raìs nel 2011, è arrivata in Europa con il terrorismo jihadista e i profughi.

    – Alberto Negri

    • News24

    The War that Nobody Will Ever Win

    Russian President Vladimir Putin's withdrawal during the Ides of March, five years removed from the beginning of the rebellion in Damascus and five months after Moscow's military intervention, is a kind of warning: the war in Syria is a war that nobody can win and all of us can lose, even Russia.

    – Alberto Negri

    • News24

    Libya Without a Safety Net and the Script Written by Others

    The winter of our discontent, of our medium-low power frustration, does not end in Egypt with the case of Giulio Regeni but continues dramatically in Libya. At 17:34 GMT on Wednesday, March 2, just hours before the two technicians from Bonatti were killed in Sabratha, an Italian from Misurata sent

    – Alberto Negri

    • News24

    L'eterogenea «banda del no» in ordine sparso

    La "banda Brexit" è un gruppo eterogeneo di persone che è difficile immaginare insieme, neanche solo per il tempo di prendere un caffè. Schierati a favore di

    – Nicol Degli Innocenti

    • News24

    Opec ostaggio della guerra tra sciiti e sunniti

    Tutto iniziò il 14 settembre del 1960. Quando i rappresentanti di Iran, Iraq, Kuwait, Venezuela e Arabia Saudita si riunirono a Baghdad con un obiettivo ben

    – Roberto Bongiorni

1-10 di 590 risultati