Persone

Saddam Hussein

Saddām Husayn Abd al-Majīd al-Tikrītī, conosciuto come Saddam Hussein, è stato un politico iracheno e ha rivestito il ruolo di Presidente dell’Iraq fino alla Guerra del Golfo. È stato riconosciuto colpevole per crimini contro l’umanità ed è stato condannato a morte per impiccagione. La sua esecuzione è avvenuta nel 2006.

Dopo gli studi in Giurisprudenza a Il Cairo, Saddam Hussein è tornato in Iraq dove è entrato in politica, arruolandosi nelle fila del partito socialista arabo Bath. Condannato a morte per un attentato al leader politico Qasim, nel 1959 è evaso e si è rifugiato in Siria e a Il Cairo. Nel 1968 si è laureato in giurisprudenza a Baghdad. Nello stesso anno è diventato vicepresidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario, nel 1973 è stato promosso Generale dell'esercito e sei anni più tardi ha sostituito il Presidente della Repubblica Ahmad Hasan al-Bakr.

Durante la sua dittatura è esplosa la guerra contro l'Iran per il controllo del territorio. Dopo l’invasione del Kuwait promossa da Saddam per l’egemonia del petrolio, nel 1991 con l’intervento di un contingente alleato (composto da 30 Paesi, tra cui gli Usa) è iniziata la Guerra del Golfo. Accusato di non aver adempiuto gli obblighi imposti dalla comunità internazionale e di possedere armi nucleari, chimiche e biologiche, nel 2003 Saddam Hussein è stato catturato a Tikrit, sua città natale. È stato processato per la strage di Dujail del 1982, nella quale sono morti 148 sciiti ed è stata proclamata la sua condanna a morte per impiccagione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Saddam Hussein
    • News24

    Prima guida ai palazzi dell'Emirato

    Le 150 schede del volume documentano poi le megastrutture degli anni Settanta - come Souq Al-Wataniya, che contiene negozi, parcheggi, uffici e in cima tante casette con patio e giardini, memoria della città che fu, ma con l'aria condizionata - e la forte speculazione degli anni Ottanta, fermata dalla crisi finanziaria del 1983 e pochi anni dopo dai carri armati di Saddam Hussein.

    – di Gabriele Neri

    • News24

    Conti offshore alle Bahamas, spunta ex commissaria Ue Kroes

    Secondo i giornalisti dell'Icij le società offshore di Nassau avrebbero giocato un ruolo importante anche in operazioni che riguarderebbero ex uomini politici di Grecia, Ucraina, Kuwait e Trinidad e Tobago e il pagamento di tangenti al governo iracheno di Saddam Hussein durante il programma dell'Onu "Oil for Food".

    – di Angelo Mincuzzi

    • News24

    Il cuore malato della piccola rifugiata

    L'uomo disse di chiamarsi Memed Kamaal e di appartenere a un movimento di lotta clandestina contro Saddam Hussein.

    – di Kader Abdolah

    • News24

    Dai datteri al gas, come ricostruire un Medio Oriente all'anno zero

    Il ritorno della questione curda in Medio Oriente, che in questi giorni contrappone gli Usa a Erdogan, è in realtà il prodotto non solo della caduta di Saddam Hussein nel 2003 ma anche di un boom economico che negli anni scorsi faceva apparire Erbil come una nuova Dubai.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Dall'Afghanistan alla Siria: Mosca e Riad rivali storici

    Anche se in modo diverso nella prima Guerra del Golfo (1991) l'attacco contro Saddam Hussein, fortemente osteggiato dalla Russia, partì proprio dalla base militare americana in Arabia Saudita.

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Erdogan e il Rubicone dello sfondamento a sud

    Giunti a questo punto, dieci anni dopo la caduta del regime di Saddam Hussein e a quattro anni dall'inizio della guerra civile siriana, la questione curda ben difficilmente potrà essere scopata sotto il tappeto e men che meno risolta con le armi.

    – di Vittorio Emanuele Parsi

    • News24

    Equilibri mondiali sul pendolo elettorale

    «La politica estera rischia di trasformarsi in una suddivisione di politiche domestiche, anziché un esercizio per plasmare il futuro», scriveva Henry Kissinger due anni fa in World Order, il suo ultimo sforzo editoriale. Donald Trump allora non era nemmeno un'ipotesi: non era a lui che Kissinger

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Una dittatura inaccettabile che calpesta tutti i diritti

    Con una visione della realtà che la circonda ancora una volta fuori fase, era piuttosto velleitaria la minaccia dei ministri Ue a Erdogan, lunedì a Bruxelles: se la Turchia ripristina la pena di morte, non entrerà nell'Unione. Ieri il nostro ministro degli Esteri lo ha ripetuto con convinzione in

    – Ugo Tramballi

1-10 di 598 risultati