Persone

Saddam Hussein

Saddām Husayn Abd al-Majīd al-Tikrītī, conosciuto come Saddam Hussein, è stato un politico iracheno e ha rivestito il ruolo di Presidente dell’Iraq fino alla Guerra del Golfo. È stato riconosciuto colpevole per crimini contro l’umanità ed è stato condannato a morte per impiccagione. La sua esecuzione è avvenuta nel 2006.

Dopo gli studi in Giurisprudenza a Il Cairo, Saddam Hussein è tornato in Iraq dove è entrato in politica, arruolandosi nelle fila del partito socialista arabo Bath. Condannato a morte per un attentato al leader politico Qasim, nel 1959 è evaso e si è rifugiato in Siria e a Il Cairo. Nel 1968 si è laureato in giurisprudenza a Baghdad. Nello stesso anno è diventato vicepresidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario, nel 1973 è stato promosso Generale dell'esercito e sei anni più tardi ha sostituito il Presidente della Repubblica Ahmad Hasan al-Bakr.

Durante la sua dittatura è esplosa la guerra contro l'Iran per il controllo del territorio. Dopo l’invasione del Kuwait promossa da Saddam per l’egemonia del petrolio, nel 1991 con l’intervento di un contingente alleato (composto da 30 Paesi, tra cui gli Usa) è iniziata la Guerra del Golfo. Accusato di non aver adempiuto gli obblighi imposti dalla comunità internazionale e di possedere armi nucleari, chimiche e biologiche, nel 2003 Saddam Hussein è stato catturato a Tikrit, sua città natale. È stato processato per la strage di Dujail del 1982, nella quale sono morti 148 sciiti ed è stata proclamata la sua condanna a morte per impiccagione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Saddam Hussein
    • Info Data

    Come cambiano le opinioni? Un nuovo modello matematico lo spiega

    "La struttura logica verteva su tre argomenti specifici: 1: Saddam Hussein possiede le armi di distruzione di massa; 2: le armi di distruzione di massa di Saddam Hussein presentano un serio rischio per il mondo intero; 3: l'invasione dell'Iraq è una guerra "giusta".

    – Luca Tremolada

    • News24

    La vita spezzata di Erbil

    Dopo un decennio di tumultuoso sviluppo, tra la caduta di Saddam Hussein e la nascita dell'Isis, gli eventi bellici, il crollo del prezzo del petrolio e i dissidi con lo Stato centrale hanno messo in ginocchio l'economia del Kurdistan iracheno.

    – di Maurizio Ambrosini

    • News24

    Petrolio, si prepara il ciclo rialzista

    E' dal 2 agosto del 1990, quando Saddam Hussein invase il Kuwait, che l'Iraq non partecipa al sistema delle quote.

    – di Davide Tabarelli

    • News24

    Che cosa verrà dopo l'Isis? Il populismo mediorientale

    La caduta dei dittatori, da Saddam Hussein alle primavere arabe, ha mascherato con la loro fine il tramonto dell'era post-coloniale e dello stato-nazione che teneva a bada con metodi autocratici i tribalismi.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Iraq, l'esercito riconquista l'antica città di Nimrud

    Quello in Iraq non è soltanto un viaggio nella guerra contro l'Isis ma anche tra i regni, le civiltà e le religioni perdute del Medio Oriente di cui il Califfato ha voluto cancellare le tracce rimaste, sia umane e spirituali che materiali. Ma dobbiamo dirlo subito: sono quasi tre decenni che l'Iraq

    – di Alberto Negri

    • News24

    Qui a Mosul l'orizzonte è nero. Ma qualcuno riesce a salvarsi

    I turchi si presentano come i difensori della minoranza turcomanna e dei sunniti che dopo la caduta di Saddam Hussein sono stati emarginati da un potere che avevano detenuto per decenni nel Baath, nell'esercito, nei servizi segreti.

    – dall'inviato Alberto Negri

    • News24

    La tentazione di spartire la roccaforte di Mosul

    Chi riempirà il vuoto lasciato dal Califfato? La parola spartizione, sia pure declinata in maniera assai diversa e contrastante tra sunniti, sciiti filo-iraniani, curdi e turchi, aleggia nella polvere della battaglia di Mosul.

    – di Alberto Negri

    • News24

    A Mosul libertà più vicina ma la pace sarà fragile

    A Mosul il primo trofeo dell'esercito iracheno contro il Califfato è l'antenna svettante sulla riva orientale del Tigri della tv di Stato. Di quale Stato, passato o futuro, è difficile dirlo se non di quello segnato su una mappa ormai sbranata dai conflitti: gli iracheni da un pezzo non ne hanno

    – di Alberto Negri

    • News24

    Offensiva iracheni e peshmerga contro l'Isis. Cnn: uccisi 284 civili

    Le milizie irachene sono alle porte di Mosul una delle città simbolo dell'Isis, oggetto dell'offensiva dell'esercito di Baghdad e dei peshmerga curdi. Secondo quanto riferito dall'inviato dell'Ansa sul posto la bandiera irachena sventola sulla chiesa di Bartella, uno dei principali villaggi

    • News24

    Il destino irrisolto della città contesa

    Kirkuk. La Gerusalemme curda, la città contesa, la polveriera dell'Iraq. Le fiamme che da migliaia di anni si sprigionano dai pozzi di Baba Gurgur, illuminando la notte, raccontano meglio di tante parole perché questa città di 800mila abitanti, situata in territorio iracheno ma vicino al confine

    – Roberto Bongiorni

1-10 di 614 risultati