Persone

Saddam Hussein

Saddām Husayn Abd al-Majīd al-Tikrītī, conosciuto come Saddam Hussein, è stato un politico iracheno e ha rivestito il ruolo di Presidente dell’Iraq fino alla Guerra del Golfo. È stato riconosciuto colpevole per crimini contro l’umanità ed è stato condannato a morte per impiccagione. La sua esecuzione è avvenuta nel 2006.

Dopo gli studi in Giurisprudenza a Il Cairo, Saddam Hussein è tornato in Iraq dove è entrato in politica, arruolandosi nelle fila del partito socialista arabo Bath. Condannato a morte per un attentato al leader politico Qasim, nel 1959 è evaso e si è rifugiato in Siria e a Il Cairo. Nel 1968 si è laureato in giurisprudenza a Baghdad. Nello stesso anno è diventato vicepresidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario, nel 1973 è stato promosso Generale dell'esercito e sei anni più tardi ha sostituito il Presidente della Repubblica Ahmad Hasan al-Bakr.

Durante la sua dittatura è esplosa la guerra contro l'Iran per il controllo del territorio. Dopo l’invasione del Kuwait promossa da Saddam per l’egemonia del petrolio, nel 1991 con l’intervento di un contingente alleato (composto da 30 Paesi, tra cui gli Usa) è iniziata la Guerra del Golfo. Accusato di non aver adempiuto gli obblighi imposti dalla comunità internazionale e di possedere armi nucleari, chimiche e biologiche, nel 2003 Saddam Hussein è stato catturato a Tikrit, sua città natale. È stato processato per la strage di Dujail del 1982, nella quale sono morti 148 sciiti ed è stata proclamata la sua condanna a morte per impiccagione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Saddam Hussein
    • News24

    Erdogan e il Rubicone dello sfondamento a sud

    Giunti a questo punto, dieci anni dopo la caduta del regime di Saddam Hussein e a quattro anni dall'inizio della guerra civile siriana, la questione curda ben difficilmente potrà essere scopata sotto il tappeto e men che meno risolta con le armi.

    – di Vittorio Emanuele Parsi

    • News24

    Equilibri mondiali sul pendolo elettorale

    «La politica estera rischia di trasformarsi in una suddivisione di politiche domestiche, anziché un esercizio per plasmare il futuro», scriveva Henry Kissinger due anni fa in World Order, il suo ultimo sforzo editoriale. Donald Trump allora non era nemmeno un'ipotesi: non era a lui che Kissinger

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Una dittatura inaccettabile che calpesta tutti i diritti

    Con una visione della realtà che la circonda ancora una volta fuori fase, era piuttosto velleitaria la minaccia dei ministri Ue a Erdogan, lunedì a Bruxelles: se la Turchia ripristina la pena di morte, non entrerà nell'Unione. Ieri il nostro ministro degli Esteri lo ha ripetuto con convinzione in

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Il Parlamento britannico vota sì al rinnovo del deterrente nucleare

    Le sue critiche erano dirette in particolare a Jeremy Corbyn, leader dell'opposizione e attivista anti-nucleare di lungo corso, che ieri ha invitato il Parlamento a riflettere sugli «effetti catastrofici» di un attacco atomico e ha ricordato che il deterrente nucleare non ha mai frenato Saddam Hussein in passato o lo Stato Islamico adesso.

    – Nicol Degli Innocenti

    • News24

    «Iraq, la guerra non era giustificata»

    Saddam Hussein andava rimosso, il mondo è un posto migliore senza di lui, né credo che sia questa la causa del terrorismo che vediamo in Medio Oriente o nel resto del pianeta», ha replicato l'allora primo ministro negli istanti immediatamente... Le conclusioni del rapporto sono nette: Londra decise di andare in guerra quando «l'azione militare non si poteva considerare l'ultima risorsa possibile»; non c'era «minaccia imminente da parte di Saddam Hussein anche se tale minaccia si sarebbe...

    – Leonardo Maisano

    • News24

    Il Rapporto Chilcot boccia la guerra in Iraq di Tony Blair. «C'erano alternative, intelligence errata»

    Le conclusioni del rapporto sono nette: Londra decise di andare in guerra quando «l'azione militare non si poteva considerare l'ultima risorsa possibile»; non c'era «minaccia imminente da parte di Saddam Hussein»; la presenza negli arsenali iracheni di «armi di distruzione di massa era stata presentata con un grado di certezza assolutamente ingiustificato»; l'intelligence non aveva «stabilito oltre ogni ragionevole dubbio» che Saddam stesse producendo armi chimiche o biologiche; le basi...

    – Leonardo Maisano

    • News24

    Il prezzo della politica spericolata di Erdogan

    La Siria del padre di Bashar, Hafez, era stato l'unico Paese arabo a schierarsi con Teheran quando fu attaccato da Saddam Hussein nel 1980, un conflitto durato otto anni con un milione di morti e che aveva visto le monarchie del Golfo, Arabia Saudita in testa, versare 60 miliardi di dollari all'Iraq a guida sunnita: un investimento colossale svanito quando il Paese è andato in mano alla maggioranza sciita.

    – Alberto Negri

    • News24

    Le autorità iraniane: abbiamo sventato un grosso attentato

    Ecco perché Siria e Iraq rappresentano un terreno di battaglia politico, militare e religioso: la sconfitta dell'Isis, per quanto ufficialmente sconfessato da Riad e dalla Turchia, costituisce un'altra battuta d'arresto per il mondo sunnita - come lo fu nel 2003 la caduta di Saddam Hussein - che sostenendo altri gruppi jihadisti e radicali spera di ricavare dalla fine del Califfato di Al-Baghdadi un'area di influenza sunnita per controbilanciare l'Iran.

    – Alberto Negri

1-10 di 605 risultati