Persone

Saddam Hussein

Saddām Husayn Abd al-Majīd al-Tikrītī, conosciuto come Saddam Hussein, è stato un politico iracheno e ha rivestito il ruolo di Presidente dell’Iraq fino alla Guerra del Golfo. È stato riconosciuto colpevole per crimini contro l’umanità ed è stato condannato a morte per impiccagione. La sua esecuzione è avvenuta nel 2006.

Dopo gli studi in Giurisprudenza a Il Cairo, Saddam Hussein è tornato in Iraq dove è entrato in politica, arruolandosi nelle fila del partito socialista arabo Bath. Condannato a morte per un attentato al leader politico Qasim, nel 1959 è evaso e si è rifugiato in Siria e a Il Cairo. Nel 1968 si è laureato in giurisprudenza a Baghdad. Nello stesso anno è diventato vicepresidente del Consiglio del Comando Rivoluzionario, nel 1973 è stato promosso Generale dell'esercito e sei anni più tardi ha sostituito il Presidente della Repubblica Ahmad Hasan al-Bakr.

Durante la sua dittatura è esplosa la guerra contro l'Iran per il controllo del territorio. Dopo l’invasione del Kuwait promossa da Saddam per l’egemonia del petrolio, nel 1991 con l’intervento di un contingente alleato (composto da 30 Paesi, tra cui gli Usa) è iniziata la Guerra del Golfo. Accusato di non aver adempiuto gli obblighi imposti dalla comunità internazionale e di possedere armi nucleari, chimiche e biologiche, nel 2003 Saddam Hussein è stato catturato a Tikrit, sua città natale. È stato processato per la strage di Dujail del 1982, nella quale sono morti 148 sciiti ed è stata proclamata la sua condanna a morte per impiccagione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Saddam Hussein
    • Agora

    Dio, patria e nucleare coreano

    Mike Pence la mette sempre sul piano della "Morale": la sua, molto ristretta e discutibile. Certo di essere illuminato da Dio, il vicepresidente americano è il campione dei cristiani evangelisti ultra-conservatori. Nella gioia e nel dolore, il suo sguardo è inespressivo: una via di mezzo fra chi è perennemente in attesa di un segno del cielo, e i nostri democristiani baciapile d'un tempo. "Pensa che Gesù gli dica di dire le cose che dice", aveva detto una conduttrice della rete ABC. La sua fede,...

    – Ugo Tramballi

    • News24

    Denuclearizzazione sì, ma per tutti

    Esistono due tipi di politica estera: una basata sul principio della "legge del più forte" e una basata sullo stato di diritto internazionale. Gli Stati Uniti vogliono seguire entrambi i criteri: ritenere gli altri Paesi responsabili di fronte al diritto internazionale, e allo stesso tempo non

    – di Jeffrey Sachs

    • News24

    Coree, ora tocca a Trump convincere Kim a distruggere il suo arsenale

    Chi sostiene che il vertice trans-coreano non ha portato risultati, non conosce la storia. Studiarla non garantisce un posto di lavoro ma aiuta a comprendere il tempo nel quale viviamo. Senza sapere cosa fu la guerra del 1950, un'estensione del secondo conflitto mondiale che avrebbe potuto portare

    – di Ugo Tramballi

    • News24

    Libano, Iraq e Turchia. Tre elezioni chiave per capire il futuro del Medio Oriente

    Libano, Iraq, Turchia. Uno dopo l'altro. Nell'arco di sei settimane una lunga tornata elettorale rischia di scuotere gli equilibri mediorientali in tre Paesi protagonisti, volenti o nolenti, della crisi siriana. Si inizia il 6 maggio con il piccolo Libano, regno degli Hezbollah (alleati dell'Iran),

    – di Roberto Bongiorni

    • News24

    Il Lme «sospende» l'alluminio di Rusal. Anche Glencore prende le distanze

    L'alluminio targato Rusal scotta dopo le ultime sanzioni americane contro Mosca. Il London Metal Exchange, che in prima battuta aveva assicurato di non voler cambare le specifiche del metallo consegnabile, ieri ha fatto marcia indietro: dal 17 aprile il marchio russo sarà «temporaneamente sospeso»

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Glencore prende le distanze da Rusal, non dalla Russia di Putin

    Dopo le ultime sanzioni Usa contro la Russia, i legami con Oleg Deripaska e il suo impero dell'alluminio scottano troppo persino per Glencore. Il gigante svizzero delle materie prime, più volte accusato di relazioni disinvolte con Stati canaglia, ha annunciato le dimissioni del suo ceo Ivan

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Caso Skripal, tutti i dubbi sulla colpevolezza di Mosca

    Quando Serghej Skripal e la figlia Yulia vennero trovati semi-incoscienti in una panchina di Salisbury, il 4 marzo scorso, la vicenda venne immediatamente paragonata al caso Litvinenko: l'ex agente dell'Fsb ucciso a Londra nel 2006, avvelenato da un tè "spruzzato" con polonio. Ma ora che gli

    – di Antonella Scott

    • Agora

    Non dimenticare nel cassetto la diplomazia economica

    Un nuovo governo in Italia è ancora lontano, ma nel frattempo è lecito porsi la domanda di cosa dovrebbe fare il nuovo ministro degli Esteri. Quale agenda, dei nostri interessi nazionali, dovrebbe avere il nuovo responsabile della Farnesina ben chiara appesa alla parete nel suo studio per cercare di dare forza alla nostra diplomazia nel mondo? Primo punto da tenere in mente: non dimenticare che gli Stati Uniti restano la prima superpotenza nel globo e nessuno si può permettere di ignorare quest...

    – Vittorio Da Rold

1-10 di 689 risultati