Aziende

Sace

SACE, società del Gruppo Cassa depositi e prestiti, sostiene le imprese italiane nel loro processo di crescita e internazionalizzazione, guidandole nella scelta dei mercati e nella gestione dei rischi connessi all'operatività in geografie nuove e spesso poco conosciute. Lo fa mettendo a loro disposizione una gamma diversificata di prodotti e servizi utili a soddisfare le diverse esigenze connesse allo sviluppo dell'operatività all'estero: accesso a finanziamenti per l'internazionalizzazione, assicurazione delle vendite dal rischio di mancato pagamento, protezione degli investimenti esteri dai rischi politici, garanzie fideiussorie per gare e commesse, smobilizzo dei crediti vantati con le controparti, servizi di advisory e recupero crediti. Con 81 miliardi di operazioni assicurate in 198 mercati, SACE serve oltre 25 mila imprese, in prevalenza Pmi.

Insieme a SIMEST, finanziaria del Gruppo Cdp specializzata nel sostegno agli investimenti esteri delle imprese italiane, SACE sta lavorando alla creazione di una “porta unica” per l'export e internazionalizzazione: una “one door” in cui saranno ottimizzati i punti di contatto e resa disponibile un'offerta integrata tra SACE e SIMEST, a tutto vantaggio degli esportatori.

Ultimo aggiornamento 01 luglio 2016

Ultime notizie su Sace
    • News24

    Incentivi per rinnovare il 50% dei robot

    Un passaggio chiave anche per permettere alla meccanica strumentale di toccare il traguardo dei 100 miliardi di valore dellexport, secondo quanto preconizzato da Sace, che in una recente analisi ha messo in fila i primati italiani (personalizzazione del prodotto ed elevata componente tecnologica) nelle macchine per packaging, nelle macchine utensili, nelle macchine per la lavorazione di plastica-gomma e nel meccanotessile.

    – Matteo Meneghello

    • News24

    Le reti d'impresa volàno per varcare i confini

    Questo roadshow, in cui si mettono a disposizione delle imprese gli strumenti operativi disponibili tra Ice, Sace e Simest è molto utile: crediamo che guardare ai mercati esteri con "armi" che funzionano sia assolutamente importante».

    – di Luca Orlando

    • News24

    L'Europa resta l'anello debole della crescita globale

    L'Europa (con Australia e Giappone) è l'anello debole della crescita globale da qui al 2020 con una crescita media del 2% mentre gli Stati Uniti aumenteranno il Pil del 2,2%, l'Europa dell'Est e la Russia del 3-5%, l'Asia orientale del 4,1%, quella meridionale del 5,9% e l'America latina del 2,8

    – di Vittorio Da Rold

    • Info Data

    Gli aiuti all'export delle imprese italiane valgono 286 milioni

    Il conto include solo le attività promozionali dirette, come gli incentivi alle imprese o le missioni commerciali: sono esclusi gli impegni finanziari e quelli assicurativi che fanno capo a Sace, Simest e Cassa depositi e prestiti.

    – Il Sole 24 Ore del Lunedì

    • News24

    Ex Lucchini, ancora in alto mare

    «Il Progetto di Aferpi a Piombino non è difficile, è molto difficile. Per la storia e per lo stato della siderurgia mondiale. Ma offre anche opportunità enormi». Così si esprime l'amministratore delegato della ex Lucchini, Fausto Azzi, in un'intervista esclusiva a Il Sole 24 Ore.

    – Claudio Gatti

    • News24

    Sace, un piano per far crescere le Pmi oltreconfine

    La direzione l'ha tracciata il piano industriale presentato a fine dicembre dai vertici di Cdp, l'ad Fabio Gallia e il presidente Claudio Costamagna, che prevedeva la creazione di un presiduo unico, presso Sace, in cui integrare tutte le attività del gruppo sul fronte dell'internazionalizzazione.

    • News24

    Rina conclude l'acquisizione della britannica Edif

    Rina spa, holding del gruppo omonimo che opera nei settori di certificazioni, ispezioni e consulenza ingegneristica, ha chiuso l'operazione di acquisto del 100% del britannico Edif group (portfolio company di Phoenix equity partners), per una somma intorno a 150 milioni di euro. L'operazione era

    – Raoul de Forcade

    • News24

    A rischio tre miliardi di esportazioni

    Fanno riflettere anche i dati sulla presenza di imprese italiane e sugli investimenti ( limitati) in entrata. Oggi la Turchia, un mercato da 76 milioni di abitanti, rappresenta il decimo Paese di destinazione dell'export italiano e il primo nell'area geografica Medio Oriente-Nord Africa.

    – di Carmine Fotina

    • News24

    Calenda: investire di più per superare le paure dell'Europa

    All'alba la prima telefonata con Renzi. Meno di due ore dopo la riunione di emergenza a Palazzo Chigi, per fare il punto su una situazione che improvvisamente da uno scenario sventato si era tramutata in una crisi reale. Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico, ancora molto ascoltato dal

    – Carmine Fotina

1-10 di 705 risultati