Persone

Rosi Bindi

Rosi Bindi è un politico italiano, nata a Sinalunga (SI) il 12 febbraio 1951, dal 22 ottobre 2013 è presidente della Commissione parlamentare antimafia.

È stata Presidente del Partito Democratico dal 2009 al 2013 e vicepresidente della Camera, ha rivestito cariche ministeriali durante i governi Prodi e D’Alema.

Dopo la laurea in Scienze Politiche, Rosi Bindi diventa assistente del professore Vittorio Bachelet, giurista e politico italiano. Il 12 febbraio 1980, giorno del suo compleanno, assiste all'omicidio del professore Bachelet ad opera della brigatista rossa Anna Laura Braghetti. Questo episodio segnerà per sempre la sua vita e la sua azione politica, infatti in un'intervista rilasciata in occasione del 25° anniversario dell'uccisione di Bachelet, la Bindi ha detto di Bachelet " per me era un maestro di vita. La sua morte ha segnato profondamente la mia vita non solamente perché ero accanto a lui quel giorno, ma perché veniva colpito proprio a causa del suo impegno e della sua coerenza nel servire lo Stato".

Entrata in Azione Cattolica subito dopo essersi laureata nel 1989 ha iniziato la sua carriera nella Democrazia Cristiana: ha vinto le elezioni europee con lo Scudo Crociato nella circoscrizione Nord-Est ed è diventata Vicepresidente della Commissione cooperazione e sviluppo e Presidente della Commissione petizioni e diritti dei cittadini. Con lo scioglimento della Dc, Rosi Bindi ha aderito al Partito Popolare Italiano del quale è diventata segretario in Veneto e nel 1994 è stata eletta deputato nazionale.

Passata alla coalizione di centro-sinistra l'Ulivo, nel 1996 è stata nominata ministro della Sanità da Prodi, incarico che ha rivestito anche nei successivi governi D’Alema I e II. Nel 1999 ha varato la riforma del Servizio sanitario nazionale. Alle elezioni politiche del 2001 è stata anche rieletta alla Camera per la circoscrizione della Toscana. Ha aderito poi al gruppo della Margherita ed è diventata membro della Commissione affari sociali. Nel 2006, di nuovo con Prodi è stata nominata Ministro per le Politiche per la Famiglia della XV Legislatura.

Il 24 e 25 febbraio 2013 viene rieletta deputato della Repubblica Italiana.
Il 19 aprile 2013 decide spontaneamente di dimettersi dalla carica di Presidente del Partito Democratico.
Il 22 ottobre 2013 Rosy Bindi viene eletta presidente della Commissione parlamentare antimafia ottenendo 25 voti al ballottaggio contro Luigi Gaetti.

Rosi Bindi è stata una sostenitrice del disegno di legge sui Dico, i diritti e doveri delle convivenze.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Rosi Bindi
    • News24

    L'attentato ad Antoci: il controllo dei terreni e il business dei contributi Ue

    «Compare, non vale la pena ormai fare le estorsioni ai commercianti, con i contributi dell'Unione europea si campa alla grande senza rischi». E' un colloquio tra due esponenti della mafia dei Nebrodi ascoltato in una intercettazione telefonica in una delle tante inchieste avviate in quell'area.

    – Nino Amadore

    • Agora

    Pino Maniaci, direttore di Telejato, indagato per estorsione: al bando giustizia sommaria e moralismo schierato

    Sul numero dei "Siciliani Giovani", marzo 2015 n. 24, la storica firma Riccardo Orioles - mio personalissimo punto di riferimento fin da quando, correvano i primi anni Novanta, era una firma del settimanale Avvenimenti - scrisse un articolo titolato "Non vanno d'accordo antimafia e imprese". Illuminante il sommario: "L'antimafia fasulla da quella vera: come si fa a distinguerle? Facile?". Talmente facile, che Orioles scrive «è molto più facile prendere a interlocutori (finché non smascherati) i...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Addio a Casaleggio, profeta del M5S

    I suoi avversari ironizzarono molto su quel cappellino con cui si affacciò dal palco di Piazza san Giovanni la sera del 23 maggio 2014, in occasione della chiusura della campagna elettorale per le europee. Non si trattava di una messa in scena, dell'acconciarsi all'etichetta di guru che gli avevano

    – di Barbara Fiammeri con un'analisi di Daniele Bellasio

    • Agora

    Domande e risposte sulla viva pelle di Pino Maniaci, direttore di Telejato, appese al filo della Commissione antimafia

    Amati lettori di questo umile e umido blog, districarsi tra i meandri dell'antimafia è pericoloso molto più che entrare ciechi e bendati (per sicurezza) in un campo minato. Debbo dire che non ho mai capito che caspita voglia significare antimafia. Non dovrebbe essere un modo di vivere connaturato nel genere umano quanto l'attività respiratoria? Ed allora se così è - e per me così è da sempre - perché aggiungere un'etichetta ovvia ad un'azione che ovvia deve essere secondo qualunque valore cardi...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Liguria e Campania, in bilico ma decisive

    Il primo dato politicamente rilevante arriverà questa sera, subito dopo la chiusura dei seggi, quando si saprà quanti di quei 23 milioni di votanti si saranno

    • Agora

    Camorra imprenditrice/2 Il capo della procura di Napoli Colangelo: «La catena corruttiva sovverte l'ordine democratico»

    Il 16 dicembre 2014 in Commissione parlamentare antimafia è andata in onda un'interessantissima audizione del capo della Procura della Repubblica di Napoli Giovanni Colangelo e dell'aggiunto Giuseppe Borrelli. Un'audizione servita a ricostruire il volto della nuova camorra campana negli ultimi 15/20 anni che poi, dal punto di vista della potenza economica, altro non sarebbe che quella casalese. Ieri come oggi. A questa interessantissima audizione ho deciso di dedicare una serie di post, cominc...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    La dignità di Mario Congiusta, padre di una vittima di 'ndrangheta, di fronte ai silenzi della Giustizia: il testo della sua lettera

    Chi conosce Mario Congiusta non è rimasto sorpreso dalla dignità, dall'educazione, dalla fermezza e (nonostante tutto) dal rispetto per le Istituzioni che promanano dalla lettera che ieri ha spedito alle redazioni dei media e a singoli giornalisti. Quest'uomo che è sopravvissuto (si sopravvive, non si vive) alla morte del figlio Gianluca, ucciso a Siderno il 24 maggio 2005, ancora una volta ha alzato il velo di ipocrisia e indifferenza sulle motivazioni che il 6 marzo 2014 hanno indotto i giudi...

    – Roberto Galullo

1-10 di 61 risultati