Persone

Romano Prodi

Romano Prodi è una delle figure di spicco della vita economica e politica dell'Italia del dopoguerra.

Negli ultimi quarant'anni ha ricoperto incarichi molto prestigiosi e importanti sia in Italia sia all'estero. Gli ultimi, in ordine di tempo, sono la presidenza del Partito Democratico, che lo stesso Romano Prodi ha contribuito a fondare, e la presidenza del gruppo di lavoro Onu/Ud per la riforma della missione di pace.

In precedenza era stato Presidente del Consiglio, dal 2006 al 2008, dopo aver portato l'Unione alla vittoria alle elezioni del 2006. Durante parte del suo governo ha anche avuto l'incarico di ministro di grazia e giustizia ad interim.

Prima del suo ritorno nella politica italiana, Romano Prodi ha avuto una parentesi all'estero, ricoprendo il ruolo di presidente della Commissione europea dal 1999 al 2004. Prima dell'esperienza europea Romano Prodi era già stato presidente del Consiglio in Italia, dal 1996 al 1998, alla guida della coalizione Ulivo da lui stesso fondata.

Prima della scelta di dedicarsi alla politica, Prodi è stato per tanti anni presidente dell'Iri, in particolare nella stagione delle privatizzazioni dei primi anni Novanta. I suoi esordi politici sono intrecciati con quelli accademici. Allievo di Beniamino Andreatta è stato sin dall'inizio vicino alla Democrazia Cristiana, arrivando ad essere Ministro dell'Industria, pur non essendo un vero e proprio militante del partito.

Romano Prodi è anche professore di economia e politica industriale all'università di Bologna. Nella sua lunga carriera ha ricevuto numerosissime lauree honoris causa ed è autore di diverse pubblicazioni accademiche.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Romano Prodi
    • News24

    Boschi: Italia pronta, sfatati stereotipi datati

    «L'Italia è pronta per presentarsi al mondo. Qualcuno disse qualcosa di banale sulla Sicilia (la presenza della mafia, ndr) e per questo fu spostato il G7 da Firenze a Taormina. Abbiamo superato tutti gli stereotipi datati. Anche rispettando tempistica dei lavori senza deroghe e con i fondi

    • News24

    La stretta relazione tra libri e benessere economico

    Romano Prodi venticinque anni fa scrisse che non si può restare ricchi e ignoranti per più di una generazione («Il tempo delle scelte», Edizioni del Sole 24 Ore).

    – di Giuseppe Laterza

    • News24

    Prodi: legge elettorale è di fondamentale importanza

    E' l'allarme lanciato dall'ex presidente del Consiglio e della Commissione Europea, Romano Prodi, intervenuto oggi su Sky Tg 24. Prodi: legge elettorale è fondamentale Nel rimarcare la rilevanza di avere una legge elettorale, Prodi ha aggiunto, che «abbiamo visto cosa succede in Francia, un Paese che era più diviso di noi o, per lo meno frammentato come noi: una bella legge elettorale e si arriva a cantare la "marsigliese" e l'inno europeo».

    • News24

    Dalle tasse al lavoro, i macigni da rimuovere per ricostruire l'Ulivo

    Lo stesso concetto era nelle parole di Romano Prodi che ha sottolineato come lui ai gazebo prese consensi tre volte superiori a quelli di Renzi e che questo suggerisce di essere «inclusivi» se si vuole vincere. ... Come lo è sempre stato sin dai tempi di Prodi ma questa volta anche di più.

    – di Lina Palmerini

    • News24

    Primarie, per il vincitore l'asticella di 1,9 milioni di voti

    Dalla nascita del partito democratico (ma potremmo dire già dal centrosinistra che nel 2005 incoronò con le primarie Romano Prodi candidato premier) il voto di militanti e simpatizzanti è stato sempre abbastanza prevedibile e il vincitore matematicamente certo già dalla vigilia.

    – di Mariolina Sesto

    • News24

    Primarie Pd, Renzi e l'obiettivo di superare quota 1,3 milioni di voti

    I quattro milioni di Prodi E' ormai lontano ere geologiche il risultato che ottenne Romano Prodi il 16 ottobre 2005, quando il centrosinistra (e quindi non solo gli allora Ds e Margherita, che poi avrebbero dato vita al Pd) scelse il suo candidato premier da contrapporre all'allora incontrastato leader del centrodestra Silvio Berlusconi.

    – di Andrea Marini

    • News24

    Il percorso a ostacoli per convincere Bruxelles

    Se in Francia vincerà Macron, alle cooperazioni rafforzate potrebbe essere portato il pilastro della difesa comune (come ha ben spiegato Romano Prodi) mentre dalla Germania (quale che sia il vincitore tra Merkel e Schulz) verrebbe un'economia manifatturiera leader mondiale.

    – di Alberto Quadrio Curzio

1-10 di 2922 risultati