Persone

Romano Prodi

Romano Prodi è una delle figure di spicco della vita economica e politica dell'Italia del dopoguerra.

Negli ultimi quarant'anni ha ricoperto incarichi molto prestigiosi e importanti sia in Italia sia all'estero. Gli ultimi, in ordine di tempo, sono la presidenza del Partito Democratico, che lo stesso Romano Prodi ha contribuito a fondare, e la presidenza del gruppo di lavoro Onu/Ud per la riforma della missione di pace.

In precedenza era stato Presidente del Consiglio, dal 2006 al 2008, dopo aver portato l'Unione alla vittoria alle elezioni del 2006. Durante parte del suo governo ha anche avuto l'incarico di ministro di grazia e giustizia ad interim.

Prima del suo ritorno nella politica italiana, Romano Prodi ha avuto una parentesi all'estero, ricoprendo il ruolo di presidente della Commissione europea dal 1999 al 2004. Prima dell'esperienza europea Romano Prodi era già stato presidente del Consiglio in Italia, dal 1996 al 1998, alla guida della coalizione Ulivo da lui stesso fondata.

Prima della scelta di dedicarsi alla politica, Prodi è stato per tanti anni presidente dell'Iri, in particolare nella stagione delle privatizzazioni dei primi anni Novanta. I suoi esordi politici sono intrecciati con quelli accademici. Allievo di Beniamino Andreatta è stato sin dall'inizio vicino alla Democrazia Cristiana, arrivando ad essere Ministro dell'Industria, pur non essendo un vero e proprio militante del partito.

Romano Prodi è anche professore di economia e politica industriale all'università di Bologna. Nella sua lunga carriera ha ricevuto numerosissime lauree honoris causa ed è autore di diverse pubblicazioni accademiche.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Romano Prodi
    • News24

    Lezioni dalle urne: perché l'Italia è meno divisa di quel che sembra

    Chissà, mi sono detto, quanto hanno sofferto politici eminenti come Prodi, Parisi, o Cacciari a ingoiare un simile affronto alla logica e alla lingua. ... Perché si può anche essere d'accordo, con il saggio genitore di Romano Prodi, che «nella vita è meglio succhiare un osso che un bastone», ma non sempre è chiaro qual è l'osso e qual è il bastone.

    – di Luca Ricolfi

    • News24

    Renzi: se vince il No deciderà il Pd cosa fare

    A pochissime ore dal responso delle urne sulla "sua" riforma del Senato e del Titolo V, dopo aver incassato il pesante Sì di Romano Prodi e forte di alcuni segnali di inversione di tendenza nell'elettorato, Matteo Renzi liquida con poche parole - ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo - la domanda di rito sugli scenari post-referendum.

    – Emilia Patta

    • News24

    Referendum, Prodi si schiera: ho dovere di rendere pubblico il mio Sì. Renzi: grazie

    A cinque giorni dal voto accelera la campagna elettorale. A sorpresa si schiera anche Romano Prodi, annunciando che voterà Si. E Renzi lo ringrazia perché «riconosce le esigenze del Paese». «Anche se le riforme proposte non hanno certo la profondità e la chiarezza necessarie - scrive il fondatore

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    «Il quorum più alto impedisce l'egemonia della maggioranza»

    Ebbene tutti i presidenti del Consiglio, compresi ovviamente Romano Prodi e Silvio Berlusconi, hanno lamentato l'incongruenza di un sistema che dà al premier una cabina di pilotaggio senza comandi. ... Basti pensare alla mancata elezione di Romano Prodi: chi è stato a impedirla?

    – di B.F.

    • News24

    Il Professore, la "profezia" di Barbara Bush e la nuova Bretton Woods

    In questi giorni di sbornia americana post-trumpiana mi viene in mente una battuta di Romano Prodi di qualche tempo fa a Bologna, a tavola, dopo una mattinata passata a discutere di manifattura made in Italy, di filiere e territori, i primati della... Prodi ha voglia di scavare nei ricordi, e butta lì: «Per capire che cosa è davvero la società americana e come si muove la politica, anche se molte cose stanno cambiando, ho sempre davanti agli occhi un viaggio in macchina a fine '98 con Bush...

    – di Roberto Napoletano

    • Agora

    Sylvie Goulard, una francese atipica, candidata alla presidenza del Parlamento europeo

    Poi ha iniziato una carriera europea, che l'ha portata alla Commissione europea, nel gabinetto di Romano Prodi quando questi era presidente dell'esecutivo comunitario, e poi al Parlamento europeo dal quale ha seguito passo passo, spesso da relatore, l'ammodernamento del settore finanziario e la riforma della zona euro.

    – Beda Romano

    • News24

    Violante: «Favorite la stabilità e la capacità di decidere»

    ...nell'Unione di Romano Prodi. ... Basti pensare che nel '94 Berlusconi vinse alla Camera ma non al Senato, che nel '96 Prodi vinse al Senato ma non fu autosufficiente alla Camera, che nel 2006 sempre a Prodi accadde il contrario e che nel 2013 ancora Bersani vinse alla Camera ma...

    – di Emilia Patta

1-10 di 2873 risultati