Aziende

Roche

Roche è la holding svizzera che ha il controllo della Hoffman-La Roche, grande multinazionale che opera in tutto il mondo, suddividendo il suo business in due aree strategiche, farmaceutica e diagnostica. Quotata alla borsa svizzera e presente sul mercato farmaceutico di oltre 15 paesi nel mondo, Roche ha sede principale nella città elvetica di Basilea e sedi operative in alcune delle più importanti nazioni del mondo (tra le quali Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Canada e Cina) e nelle quali sono impiegati circa 65mila collaboratori. Fondata da Fritz Hoffman-La Roche nel 1896, Roche ha iniziato la sua attività nella produzione di diversi tipi di preparati a base di vitamine. Altre due tappe importantissime nella crescita economica della multinazionale svizzera sono avvenute nel 1934, quando Roche è stata la prima società farmaceutica a produrre vitamina C sintetica per uso medicinale, e nel 1957, quando la società ha realizzato la classe di tranquillanti (tra i quali i più noti e usati sono quelli conosciuti col nome di Valium e Rhoypnol) derivati del principio conosciuto come benzodiapine. Nel 1976 invece la sede italiana della multinazionale svizzera è stata luogo di un grave incidente che ha causato una importante contaminazione di diossina, conosciuto come il disastro di Seveso (Milano). A partire dal 1982 Roche ha iniziato una lunga serie di incorporazioni di aziende chimiche (tra le quali le americane Biomedical Reference Laboratoires, Syntex e Genentech) che ne hanno rafforzato la leadership a livello mondiale. Tra i medicinali più noti attualmente prodotti e messi sul mercato da Roche ci sono Valium, Roaccutane, Bactrim e Tamiflu.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Roche
    • News24

    La protezione solare passa da app e brevetti hi-tech

    La protezione solare diventa digital. Sono sempre più numerose, infatti, le applicazioni da scaricare sul proprio smartphone per monitorare il tempo di esposizione ai raggi Uv ed evitare brutte sorprese. E non mancano pack intelligenti che avvisano quando è ora di fare una pausa, come quelli di

    – di Marika Gervasio

    • News24

    L'Oréal investe sulla farmacia con social e dermocosmesi

    Formazione 2.0 e un nuovo marchio di dermocosmesi per conquistare nuovi clienti: la divisione Cosmétique Active del gruppo L'Oréal - oltre 2 miliardi di ricavi nel 2017 in crescita del 5,8% - punta a rafforzare la partnership con le farmacie, canale distributivo dei suoi marchi (Vichy, La

    – di Marika Gervasio

    • News24

    Con lo sguardo al passato e con una valigia in mano

    «Andiamo via, creatura mia, via verso l'Altrove. Lì ci sono giorni sempre miti e campi sempre belli», scriveva Fernando Pessoa nella sua poesia intitolata, appunto, "L'Altrove". Il desiderio di evasione, di esperienze e luoghi estranei alla quotidianità, è oggi uno dei più potenti e diffusi,

    – di Chiara Beghelli

    • News24

    La sanità per tutti e il passo indietro che non ci possiamo permettere

    Il 2018 è destinato a passare alla storia della nostra Repubblica come l'anno delle significative celebrazioni: i 70 anni dall'entrata in vigore della Carta Costituzionale, i 60 anni dell'istituzione del ministero della Salute e i 40 anni di una delle riforme più importanti e innovative della

    – di Mariapia Garavaglia

    • News24

    I cambi valutari frenano il gruppo L'Oréal nel primo trimestre

    Trimestre in calo per il gruppo L'Oréal penalizzato dai cambi. I ricavi al 31 marzo sono scesi a 6,77 miliardi di euro, -1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. A tassi di cambio e perimetro costanti, invece, si è registrato un incremento del 6,8%, invece del 5,6% previsto dagli

    – di Marika Gervasio

    • NovaOther

    Il sorpasso dei farmaci biotech

    A capo di Biogen da poco più di un anno, Michel Vounatsos, 56enne francese di origine greca, cresciuto in Marocco, con una lunga carriera in ambito farmaceutico, scommette sulla possibilità di curare le malattie del cervello con le biotecnologie, portando avanti quella che è sempre stata l'idea dei fondatori di questa biotech di Cambridge (Massachusetts) - i genetisti premi Nobel Walter Gibert e Philipp Sharp - che ha esordito 40 anni fa nel campo del Dna ricombinante per creare terapie contro l...

    – Francesca Cerati

    • News24

    Picasso in punta di matita in mostra al MASI di Lugano

    "Datemi un museo e io ve lo riempirò!" diceva Picasso. Vera o apocrifa che sia questa citazione, se contassimo pazientemente la torrenziale produzione di disegni, incisioni, dipinti, sculture creati da Picasso durante la sua lunga vita e solo in parte catalogati nel "palazzo non finito" che è il

    – di Gabriele Biglia

    • News24

    Volkswagen e Google spendono in ricerca più di quanto fa tutta l'Italia

    Spendere in ricerca è il miglior investimento per garantirsi un futuro migliore. La regola vale per i Paesi che vogliono assicurare benessere ai propri cittadini così come per le aziende che grazie a un brevetto o a un salto tecnologico dei propri prodotti possono conquistare nuove fette di mercato

    – di Marzio Bartoloni

    • News24

    Genetica e robotica, gli ingegneri jolly per il biomedicale

    AMPLIFONPosizioni aperte: 130Dopo aver inserito nel 2017 circa 100 persone tra field e back office, Amplifon nel 2018 cresce ancora specialmente nelle regioni del Nord Est, in Emilia Romagna, Campania, Puglia e Sicilia.Figure cercate: 70 audioprotesisti, 40 responsabili relazione con i clienti, 20

    – di Daniele Cesarini e Adriano Lovera

1-10 di 380 risultati