Persone

Roberto Speranza

Roberto Speranza è nato il 4 gennaio del 1979 a Potenza ed è un politico italiano, attualmente capogruppo alla Camera dei deputati per il Partito Democratico.

Dopo aver conseguito il diploma di maturità scientifica presso il Liceo scientifico statale "Galileo Galilei" di Potenza, Speranza si è laureato in Scienze Politiche presso la Luiss di Roma ed ha successivamente conseguito un dottorato di ricerca in Storia dell'Europa Mediterranea.

Fin dagli anni del Liceo Speranza è entrato in politica, da militante e segretario regionale lucano della Sinistra giovanile.

Terminati gli studi universitari ha assunto il primo incarico politico nazionale, come presidente della Sinistra giovanile.

Nel 2004 è stato eletto nel Consiglio comunale di Potenza, dove nel 2009 diventa assessore all'Urbanistica. Contestualmente Speranza effettua una scalata all'interno del Partito Democratico, dove Il 9 novembre del 2009 viene eletto segretario regionale del PD della Basilicata.

Convinto Bersaniano alle primarie nazionali del PD del 2012 e coordinatore delle primarie del PD per le successive elezioni politiche del 2013, Roberto Speranza viene candidato ed eletto per il PD alla Camera dei Deputati, quale capolista nella circoscrizione elettorale Basilicata.

Il 19 marzo del 2013 viene eletto capogruppo alla Camera dei Deputati per il PD.

Convive ed è padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Roberto Speranza
    • News24

    Il Pd aspetta i ballottaggi e studia la coalizione larga

    I primi dati sulle comunali 2017 fanno tirare un sospiro di sollievo a Matteo Renzi e al gruppo dirigente del Pd. Il principale avversario, il M5s, è infatti rimasto fuori dai ballottaggi delle grandi città, a partire da Genova, patria di Beppe Grillo e diventata terreno di una faida interna. Il

    – di Emilia Patta

    • News24

    Manovra, ok della Camera alla fiducia. Mdp non partecipa al voto

    Ok della Camera alla fiducia al governo sulla manovra economica con 315 voti a favore, 142 contrari e cinque astenuti. L'Assemblea è passata all'esame degli ordini del giorno, che saranno votati domattina, quando si terrà anche il voto finale sul provvedimento, che a quel punto sarà trasmesso al

    • News24

    Reddito minimo, partiti divisi. Costi tra i 7 e i 20 miliardi

    Non c'è solo il reddito di cittadinanza targato M5s, con coperture necessarie da oltre 20 miliardi. I 5 Stelle, si sa, chiedono un assegno che arrivi a garantire la cifra di 780 euro, la soglia di povertà certificata dall'Istat. Un sostegno economico riconosciuto agli oltre 9 milioni di italiani (3

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Pisapia: dopo le amministrative fondare nuovo centrosinistra unito

    Prove di dialogo nel centrosinistra alternativo al Pd. Nella giornata conclusiva di "Fondamenta" la tre giorni organizzata a Milano (conclusa oggi) dagli scissionisti di Aricolo 1-Mdp, in primo piano c'è il rapporto con i dem e il futuro del centrosinistra alla sfida elettorale con i movimenti

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Legge elettorale, tutti i perché dello stallo. Ecco da dove si riparte

    Il Pd attende. Matteo Renzi ieri lo ha detto chiaro e tondo: non sarà lui a fare proposte sulla legge elettorale. «Accordo con chiunque se decente», questa è la linea del segretario bis. Perché? Perché Renzi non vuole essere additato come il responsabile di un eventuale fallimento (che lui giudica,

    – di Mariolina Sesto

    • News24

    Consensi sul cuneo, scoglio coperture

    Sul principio sono tutti d'accordo: in Italia il costo del lavoro è troppo alto e dunque ben venga un taglio del cuneo fiscale. Ma sulla fattibilità e l'estensione della riduzione le strade si dividono.Non solo tra maggioranza e opposizione ma anche tra le forze politiche che sostengono il governo

    – di Barbara Fiammeri

    • News24

    Scissione Mdp avanti piano: la mappa della frattura con gli ex compagni del Pd

    Scissione avanti piano. A quasi un mese e mezzo dalla nascita di Articolo 1-Movimento Democratico e Progressista, in 11 consigli regionali sì è già consumata la frattura con gli ex compagni del Pd. Tuttavia, solo in quattro regioni (Piemonte, Toscana, Lazio e Puglia) l'emorragia è stata di

    – di Andrea Marini

1-10 di 471 risultati