Persone

Roberto Mancini

Roberto Mancini è nato nel 1961 ed è deceduto il 30 aprile del 2014, è stato un funzionario di Polizia, grazie alle sue indagini è emersa la triste vicenda della Terra dei fuochi.

Mancini ha condotto per anni le sue indagini sulle discariche abusive dei rifiuti tossici sparsi tra la Campania ed il Lazio.

Le sue lunghe e complesse indagini hanno consentito di smascherare Cipriano Chianese, avvocato e imprenditore, denominato il "broker dei rifiuti" per la sua attività d'intermediazione tra le aziende che volevano liberarsi dei rifiuti tossici e la manovalanza camorristica che si faceva carico dello sversamento dei rifiuti nelle discariche.

E' stato grazie alle indagini ed intercettazioni di Mancini che il pubblico ministero della direzione distrettuale antimafia di Napoli Alessandro Milita, ha potuto trovare le prove per instaurare un procedimento giudiziario contro Cipriano Chianese, condannato in primo grado a tre anni e quattro mesi di reclusione per estorsione nei confronti di due imprenditori del Nord Italia.

Le continue ispezioni di Mancini nelle discariche abusive e non alla ricerca dei rifiuti altamente tossici ivi interrati hanno determinato nel funzionario l'insorgere di una neoplasia che dopo anni di battaglia lo ha portato alla morte.

Il sacrificio e l'abnegazione di Roberto Mancini sono stati celebrati col libro "Io, morto per dovere", scritto da Ferrari Luca, Trocchia Nello e Dobrowolska Mancini Monika e uscito l'11 febbraio del 2016.

Il 15 e 16 febbraio del 2016 Rai 1 trasmette in prima serata la fiction "Io non mi arrendo", tratta dal libro su citato, con attore protagonista Giuseppe Fiorello e dedicata al sacrificio del poliziotto Mancini.

Roberto Mancini era sposato con Dobrowolska Monika e padre di una figlia.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

Ultime notizie su Roberto Mancini
    • News24

    Unicef-Panini, all'asta le maxi figurine di 100 campioni per sostenere i minori migranti non accompagnati

    Infatti nei tre extra i collezionisti e i tifosi troveranno la gigantografia del Ct di questa nazionale virtuale dell'Unicef: Roberto Mancini, che in qualità di Goodwill Ambassador di Unicef Italia, è stato immortalato con la maglia del Bologna al suo esordio nella massima serie all'età di 16 anni, con quella storica della Sampdoria campione d'Italia e con quella della Lazio.

    – di Marco Mobili

    • News24

    Suggestione Milan: a giugno panchina a Mancini?

    E' soltanto una voce, una suggestione, ma è difficile immaginare i tifosi del Milan felici di vedere Roberto Mancini sulla panchina rossonera nella prossima stagione. ... Mancini ha un ottimo feeling con Fassone e Mirabelli, e soprattutto ha quel profilo internazionale e quella capacità di convincere i giocatori a seguirlo che farebbero comodo ai cinesi nella ricostruzione. Per ora è soltanto un rumor di mercato e c'è da capire anche le intenzioni dello stesso Mancini che non ha mai nascosto il...

    – a cura di Datasport

    • Info Data

    Calcio: Tutti i numeri di Mauro Icardi

    Il picco è al minuto 88'. 4 goal, di cui quello pesante alla Roma nel 2014/15, che sancì il 2-1 per la squadra allora guidata da Roberto Mancini, con una girata di destro dal limite dell'area piccola.

    – Infodata

    • News24

    #Aleppoday, allarme dell'Unicef. «Ancora 4mila bambini bloccati»

    Per Roberto Mancini, ex calciatore ed allenatore di calcio, che con l'Unicef ha visitato il campo profughi di Za'atari «se uno ha un po' di coscienza e vede le immagini di Aleppo, di questi bambini che muoiono, non può non far niente, anche un minimo sforzo».

    • News24

    Serie A: Milan-Inter, un derby da urlo

    Dopo il disastroso avvio di stagione di Frank De Boer, la società nerazzurra ha cambiato tecnico affidando la squadra a Stefano Pioli: per lui esordio di fuoco nel derby, esattamente come capitò due stagioni fa a Roberto Mancini.

    – a cura di Datasport

    • Agora

    Istruzioni, link e contatti per giovani che vogliono lavorare all'estero (e un bando per l'Onu)

    A Verona è in corso Univerò, il festival del placement organizzato da università ed Esu di Verona per orientare laureandi e neolaureati nella scelta del loro percorso professionale al termine degli studi. Una delle sessioni è stata dedicata a chi desidera fare un'esperienza di lavoro, più o meno duratura, all'estero (secondo molti autori, anche solo uno stage nel curruculum aumenta del 90% le possibilità di trovare poi un impiego). Fra i relatori Stefania Paradisi, dell'Associazione Diplomatici...

    – Barbara Ganz

    • Agora

    Amazon, Decathlon, Calzedonia, Douglas, Lidl e le altre: le aziende cercano candidati a Verona

    Mercoledì 26 ottobre le aule 5-9-10-11 del Polo S. Marta (Università di Verona) saranno occupate no-stop, dalle 9 alle 18, da una serie di aziende, precisamente 34, ognuna delle quali avrà a disposizione 45 minuti per presentarsi e 30 minuti per raccogliere i curricula dei presenti interessati: è il Recruiting day, una modalità che ribalta il tradizionale colloquio e vede i candidati dalla parte degli ascoltatori, riducendo l'impatto emotivo ed aumentando il contatto umano, attraverso la modalit...

    – Barbara Ganz

    • News24

    Inter, Bolingbroke: "Daremo tempo a De Boer"

    "De Boer? Avrà ancora tempo e modo di lavorare qui all'Inter". L'amministratore delegato Michael Bolingbroke prende la parola da Londra e mette a tacere le voci che porterebbero all'esonero imminente del tecnico olandese. "Frank è arrivato in Italia dieci giorni prima dell'inizio del campionato: il

    – a cura di Datasport

    • News24

    Balotelli, l'Equipe lo celebra. Mancini: "Giocatore speciale"

    Riflettori puntati su Mario Balotelli. Tanto per cambiare, verrebbe da dire, ma stavolta a far scalpore non è l'ennesima "marachella" del talento azzurro quanto la ritrovata condizione di forma con la maglia del Nizza: se abbia messo davvero la testa a posto si vedrà col passare dei mesi, certo è

    – a cura di Datasport

    • News24

    Balotellli, l'Equipe lo celebra. Mancini: "Giocatore speciale"

    Riflettori puntati su Mario Balotelli. Tanto per cambiare, verrebbe da dire, ma stavolta a far scalpore non è l'ennesima "marachella" del talento azzurro quanto la ritrovata condizione di forma con la maglia del Nizza: se abbia messo davvero la testa a posto si vedrà col passare dei mesi, certo è

    – a cura di Datasport

1-10 di 837 risultati