Persone

Roberto Giachetti

Roberto Giachetti è nato il 24 aprile del 1961 a Roma ed è un politico italiano, Vicepresidente della Camera dei deputati dal 21 marzo del 2013, per il Partito Democratico.

Ha preso parte alle ultime elezioni municipali capitoline uscendone sconfitto.

Giachetti ha intrapreso la carriera politica da giovane nel Partito Radicale, per essere successivamente eletto consigliere circoscrizionale di Roma con i Verdi.

Tra il 1993 ed il 2001 è stato prima capo della Segreteria e poi Capo di Gabinetto del Sindaco di Roma Francesco Rutelli.

E' stato tra i fondatori della Margherita, di cui è divenuto, nel 2001, Segretario cittadino di Roma e poi deputato della Repubblica alla Camera.

Riconfermato con l'Ulivo alla Camera dei deputati nel 2006, viene rieletto con la lista del PD nel 2008.

Nuovamente parlamentare col PD nel 2013, il 21 marzo dello stesso anno viene eletto Vicepresidente della Camera.

Sempre nella Camera è membro della I Commissione (Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni) e del Comitato per la Comunicazione e l'Informazione Esterna.

Nel marzo del 2015 si è schierato contro le scelte della segreteria Renzi, invitando i dissidenti ad uscire dal PD per andare verso nuove elezioni.

Il 15 gennaio del 2016 ha deciso di candidarsi alle primarie del PD tenutesi lo scorso 6 marzo, che lo hanno visto vincitore e quindi reso candidato ufficiale del PD alla carica di Sindaco di Roma per le comunali del 2016.

Vincitore del primo turno, col 24.9% dei voti, il 19 giugno del 2016 è stato battuto al ballottaggio dalla candidata del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi. riportando il 32,8 % contro il 67,2% dei consensi.

Roberto Giachetti è divorziato e padre di due figli.

Ultimo aggiornamento 21 giugno 2016

Ultime notizie su Roberto Giachetti
    • News24

    Il 10 giugno al voto anche due Municipi di Roma, test per Raggi

    Non solo il voto in 760 comuni. Il prossimo 10 giugno si andrà alle urne anche in due municipi (le ex circoscrizioni) di Roma Capitale: il III (Roma Nord), dove sono chiamati a votare più di 171mila elettori, e l'VIII (Roma Sud) che conta su un elettorato di circa 120mila cittadini. Insieme fanno

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    • News24

    Camere: con il risiko dei vicepresidenti torna in gioco il Pd, M5s punta sui questori

    Chiusa la partita sui presidenti delle Camere, si è aperta quella dei quattro vicepresidenti, dei tre questori e degli otto segretari. Le votazioni si terranno domani a Palazzo Madama e giovedì a Montecitorio. Avviene per schede, è segreta, come quella dei presidenti ed avviene con il meccanismo

    – di A. Gagliardi e A. Marini

    • News24

    Salta il centrodestra, convergenza Lega-M5S

    Chissà se la notte porterà il consiglio. Se oggi al Senato il centrodestra, in occasione della terza votazione, quella in cui si decide chi andrà al ballottaggio per aggiudicarsi la presidenza di Palazzo Madama, avrà ritrovato l'unità. In caso contrario saranno Lega e M5S a decidere i primi

    – di Barbara Fiammeri

    • News24

    Eletti i presidenti delle Camere: a Montecitorio Roberto Fico, Maria Elisabetta Casellati al Senato

    Dopo lo stallo nella prima giornata di votazioni, M5S e centrodestra hanno trovato l'intesa. L'ex presidente della vigilanza Rai Roberto Fico è stato eletto al quarto scrutinio a Montecitorio con 422 voti a favore e l'appoggio di Lega, Fi e Fdi. Stesso copione, al contrario, a Palazzo Madama dove la forzista Maria Elisabetta Casellati è passata con 240 voti ed è stata sostenuta anche dai voti dei grillini. Nota Fi-Lega-Fdi: intesa con Cinque Stelle non prodromica a governo.

    – di Redazione Roma

    • News24

    Elezioni: dai nuovi gruppi alle consultazioni, ecco l'agenda post-voto

    Trionfo del M5s, sorpasso della Lega su Forza Italia, tracollo del Pd. Con questo scenario uscito dal voto del 4 marzo, non sarà facile la formazione di un nuovo governo. Servirà un'alleanza tra forze politiche che sono state avversarie in questa campagna elettorale. Al di là delle difficoltà

    – di A. Gagliardi e A. Marini

    • News24

    Notte di tensioni nel Pd: approvate le liste, ma la minoranza non vota

    Tensioni e strappo della minoranza interna, la notte scorsa, in casa dem, nel corso di una nervosissima Direzione del Pd che si è chiusa alle 4 del mattino con il via libera alle liste dei candidati per le prossime elezioni politiche del 4 marzo. Il dissenso degli orlandiani per il "metodo

    – di Redazione Roma

1-10 di 297 risultati