Le nostre Firme

Roberto D'Alimonte

Roberto D'Alimonte (1947) è un politologo e professore universitario.

Dal 1974 fino al 2009 ha insegnato presso la Facoltà di Scienze Politiche C. Alfieri della Università degli Studi di Firenze. E' stato visiting professor nelle Università di Yale e Stanford. Dal 1995 collabora con il centro della New York University a Firenze. I suoi interessi di ricerca più recenti riguardano i sistemi elettorali, elezioni e comportamento di voto in Italia.

A partire dal 1993 ha coordinato con Stefano Bartolini e Alessandro Chiaramonte un gruppo di ricerca su elezioni e trasformazione del sistema partitico italiano. E' direttore del Centro Italiano Studi Elettorali (CISE), professore ordinario di Sistema Politico Italiano alla Luiss, ed editorialista de Il Sole24Ore.

Ultimo aggiornamento 24 marzo 2017

Ultime notizie su Roberto D'Alimonte
    • News24

    Comuni maggiori, il centrodestra sale da 40 a 52

    Le amministrative sono spesso una specie di lotteria. Lo diventano soprattutto quando l'affluenza è particolarmente bassa, come è stato in questo caso. Questa volta il biglietto vincente lo ha pescato il centrodestra. Governava sei dei 25 capoluoghi al voto e ora ne governerà 16. Ma quel che più

    – di Roberto D'Alimonte

    • News24

    Riparte da 59-28 la sfida centrodestra-centrosinistra

    E' il giorno dei ballottaggi. Sono 111 i comuni con almeno 15.000 abitanti a scegliere oggi il loro sindaco. Sono oltre 4 milioni gli elettori chiamati alle urne, poco meno del 10% del totale. E' un test interessante per verificare i rapporti di forza fra centrodestra e centrosinistra, i due ex

    – di Roberto D'Alimonte e Aldo Paparo

    • News24

    Regole costituzionali e doppio turno, la lezione francese

    Gli elettori francesi hanno eletto una assemblea "incostituzionale". Dopo aver eletto un presidente della repubblica con il 24 % dei voti, hanno dato a un unico partito che ha ottenuto il 28,2 % dei voti al primo turno una maggioranza assoluta pari al 53,4% dei seggi. Se al partito di Macron

    – di Roberto D'Alimonte

    • News24

    Un po' di proporzionale non farebbe male a Parigi

    Oggi si svolge il secondo turno delle elezioni legislative francesi, ma ancora prima di conoscerne i risultati è cominciata una riflessione critica sul sistema elettorale. Niente di nuovo sotto il sole. Sarkozy in un passato più lontano, Hollande più recentemente avevano già parlato della necessità

    – di Roberto D'Alimonte

    • News24

    Renzi, Berlusconi, Grillo: chi ha vinto e chi ha perso

    Questa volta il M5s non ci ha sorpreso. Cinque anni fa ci fu il caso Parma. L'anno scorso ci furono i casi di Roma e Torino e le 19 vittorie nei 20 ballottaggi. Quest'anno niente. Non essere riuscito a piazzare alcun candidato al secondo turno in nessun comune capoluogo, e solo 10 candidati nei 160

    – di Roberto D'Alimonte

    • News24

    Sinistra divisa e «tenuta» M5S al test nazionale

    Le elezioni locali in Italia hanno sempre avuto una rilevanza nazionale. Un anno fa fecero scoprire alla massa degli osservatori la competitività del M5s. In particolare la sconfitta di Piero Fassino a Torino al secondo turno contro Chiara Appendino fu una grande sorpresa. Come le 19 vittorie del

    – di Roberto D'Alimonte

    • News24

    Per Pd e Fi è l'ora di riaprire le coalizioni

    Oltre mille Comuni al voto, di cui 4 capoluoghi di Regione (Palermo, Genova, Catanzaro e L'Aquila) e 21 di Provincia. In tutto 9 milioni di italiani saranno chiamati oggi a scegliere il proprio sindaco e a rinnovare i consigli comunali. Un test meno importante di quello dello scorso anno, con città

    – Emilia Patta

    • News24

    Chi vince e chi perde con il rebus proporzionale

    A differenza di quanto pensano in molti è relativamente semplice capire quale sarà l'esito delle prossime elezioni con il sistema elettorale in gestazione. L'unica incognita è rappresentata dalla soglia di sbarramento. Quanti partiti la supereranno? Sulla base dei dati di oggi solo quattro. Con

    – di Roberto D'Alimonte

    • News24

    Il patto proporzionale salvato a scapito della governabilità

    La soglia al 5% c'è, e senza trucchi per aggirarla. Questa è la buona notizia che si ricava dalla lettura del testo del nuovo sistema elettorale, cosiddetto tedesco, che ora va in aula alla Camera. Imboscate di vario tipo sono sempre possibili soprattutto al Senato, ma l'accordo dei quattro

    – di Roberto D'Alimonte

1-10 di 483 risultati