Aziende

Risanamento

Risanamento Spa è una società immobiliare italiana. La property company quotata in Borsa Italiana opera nel settore immobiliare italiano ed estero. In particolare, possiede edifici a New York, Saint Moritz e in Francia. In Italia il core business di Risanamento Spa è l’attività di riqualifica e sviluppo di grandi aree metropolitane strategiche, quali Milano Santa Giulia e le aree ex Falck, a Sesto San Giovanni.

La società è nata per fusione di Bonaparte e Risamento Napoli. Nel 1998 Luigi Zunino ha acquisito Bonaparte e nello stesso anno è avvenuta la fusione per incorporazione di Risanamento Napoli (fondata nel 1888) con Domus Italica. Nel 1999 Domus Italica (partecipata dalla Bonaparte) ha rilevato il 58,59 % di Risanamento a Napoli dalla Banca d'Italia, allora azionista di maggioranza. L'anno successivo è avvenuta la fusione per incorporazione della Domus Italica e il cambio di ragione sociale in Risanamento Napoli. Nello stesso anno la Nuova Immobiliare, società del gruppo Zunino, ha acquistato il 48 % della Risanamento Napoli e Luigi Zunino è diventato il suo Presidente. Il progetto di fusione tra la Bonaparte e la Risanamento Napoli è stato approvato nel 2002, dando vita all'attuale società.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Risanamento
    • News24

    Troika, scioperi e riforme: 10 anni di Grecia tra crisi e ripartenza

    Tutto ha inizio con la voragine del deficit pubblico. La Grecia nell'ottobre 2009 ammette di aver sottostimato per anni il deficit, che il nuovo governo Papandreou rivede al 12,5% del Pil dalla precedente stima del 3,7 per cento. Successivamente il deficit arriverà al 15% del Pil. Seguono i primi

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Chi è Carla Ruocco, la pasionaria pentastellata alla guida della Commissione Finanze

    «Basta scaricare il nodo dei migranti solo sull'Italia. E' un'Europa tutta da rivedere e bisogna prevedere il "risk sharing" a livello finanziario internazionale». Un anno e mezzo fa diceva così Carla Ruocco, neoeletta presidente della Commissione Finanze della Camera. World Economic Forum di Davos,

    – di Nicola Barone

    • News24

    Serie B: il Cesena rischia il fallimento e l'iscrizione al prossimo campionato

    Il Cesena rischia di sparire dal panorama della cadetteria italiana: fino a ieri sembravano solo dicerie senza fondamento, mentre quest'oggi il fallimento del club romagnolo diventa un'ipotesi drammaticamente concreta, con uno scenario che ricorda molto quello del Modena. Colpa degli eccessivi

    – a cura di Datasport

    • News24

    La Grecia archivia la Troika e prova a ripartire dopo la crisi economica

    ATENE - «Il vantaggio per la Grecia? Una valuta stabile». E poi «la stabilità di cornice normativa e istituzionale connessa al suo inserimento nell'Unione Europea». Nella palazzina anonima che ospita Enterprise Greece, il Ceo dell'agenzia governativa che promuove gli investimenti diretti stranieri

    – di Stefano Carrer

    • News24

    Ritenute su redditi di capitale

    Adempimento: NB: la scadenza è originariamente fissata al 16/6 (nel 2018 un sabato) e slitta al 18/6.Termine ultimo per il versamento delle ritenute sugli importi maturati nel mese precedente relativi a: - obbligazioni e titoli similari italiani o esteri; - certificati di deposito e buoni

    – Scadenziario

    • News24

    Rifiuti speciali in aumento. Riutilizzato e riciclato il 65%

    Rifiuti industriali: l'Italia produce 135,1 milioni di tonnellate l'anno di rifiuti speciali, con una crescita del 2% rilevata nel 2016 da un nuovo Rapporto dell'Ispra. La maggior parte di questi scarti prodotti dalle attività economiche e lavorative sono calcinacci dell'edilizia; inoltre la

    – di Jacopo Giliberto

    • News24

    La scommessa della crescita, senza la stampella del Qe

    Dopo la Bce,che ha appena ridimensionato la crescita dell' eurozona, portando l'incremento di prodotto stimato per quest'anno da un più 2,4 a un più 2,1, anche Bankitalia sforbicia l'outlook del nostro paese, limando il Pil di uno 0,1 per cento per l'intero triennio 2018-2020. Lo sviluppo previsto

    – di Rossella Bocciarelli

    • Econopoly

    Tutta colpa dell'euro. O forse no

    Diego Valiante* lavora nelle istituzioni europee ed è docente a contratto all'Università di Bologna. E' stato responsabile della ricerca su banche e mercati dei capitali al Centre for European Policy Studies di Bruxelles. E' anche esperto di temi di politica economica legati all'area euro - *** La crisi istituzionale che ha attanagliato l'Italia è una crisi autoinflitta che si fonda su una visione sbagliata di come sia evoluto lo scenario economico globale ed europeo e di quale sia il ruolo dell'...

    – Diego Valiante

1-10 di 6456 risultati