Persone

Richard Thaler

Richard H. Thaler, 72 anni, del New Jersey, docente all'Università di Chicago, è il vincitore del Nobel 2017 per l'economia. Il premio - spiega la Royal Swedish Academy of Sciences - è stato attribuito per i suoi studi in economia comportamentale, ovvero quella branca che, impiegando concetti tratti dalla psicologia, elabora modelli di comportamento alternativi rispetto a quelli formulati dalla teoria economica standard.

Il docente statunitense ha esplorato le interazioni fra economia e psicologia con ricchezza di esempi. Sue sono le teorie sul nudge (la «spinta gentile»), modo di interagire fra Governo e cittadini che mira a ottenere il risultato con metodi meno coercitivi e invasivi degli attuali. Oppure, evocando il metodo di Ulisse per sottrarsi alle lusinghe delle sirene, “legarsi le mani” con impegni di lungo termine per sottrarsi alle tentazioni di spendere tutto oggi.

Il saggio «Misbehaving»
Nel volume del 2015, dal titolo Misbehaving, Thaler racconta quanto accaduto nel concorso che aveva lanciato sulle pagine del Financial Times per fare il punto sui progressi delle ricerche psicologiche rispetto alle discipline economiche. Ecco il rompicapo da risolvere per vincere il premio: “Scegli un numero da 0 a 100 in modo da avvicinarti il più possibile ai due terzi della media dei numeri indicati dagli altri lettori”. Parteciparono lettori di tutti i tipi. E la risposta vincente fu 13. C'era chi, forse, aveva studiato logica o matematica, e rispose 0 (circa il 10% dei concorrenti). Ci furono poi molti 33 e 22, qualche 50 e pochi 100. La morale di Richard Thaler di fronte a questi risultati è che non è la “miglior risposta” in astratto quella che prevale, ma la scelta che tiene conto delle risposte degli altri concorrenti e della loro razionalità limitata. In questo esercizio c'è tutta la filosofia dei lavori di Thaler, che considera le imperfezioni altrui, ignorate in passato dagli economisti.

Thaler, con le sue ricerche basate su psicologia ed economia comportamentale, non è il primo studioso di questa nuova branca dell'economia a ricevere i Nobel. Prima di lui ci sono stati Herbert Simon (1978), Gary Becker (1992), Daniel Kahneman (2002) e Robert Shiller ( che vinse con i colleghi Eugene Fama e Lars Peter Hansen dell'Università di Chicago).

Ultimo aggiornamento 10 ottobre 2017

Ultime notizie su Richard Thaler
    • News24

    E' ora di riparare i guasti dell'egoismo razionale

    Si dice che l'economia abbia fondato la fortuna dei suoi teoremi sull'ipotesi di comportamento razionale (massimizzante) e auto-interessato (egoista). Inizialmente, con Adam Smith, l'ipotesi non aveva pretese descrittive, ma era destinata a mostrare come nel mercato potessero realizzarsi scambi

    – di Andrea Boitani

    • News24

    Le ragioni delle scelte irrazionali

    Sosterrò due tesi sul rapporto tra l'economia, che conosco da dilettante, e la psicologia, di cui sono specialista. Credo, in primo luogo, che l'economia sia una disciplina più aperta della psicologia ai quesiti innescati dal confronto con le scienze confinanti e quindi non dobbiamo stupirci se è

    – di Paolo Legrenzi

    • News24

    Bitcoin e il fascino discreto di investire nelle bolle

    La notizia è del fine settimana: in Svizzera è stato annunciato un certificato composto in parte da bitcoin e in parte da dollari, con la quota in valuta reale che può arrivare fino al 40% e la composizione che viene definita di volta in volta da un algoritmo che utilizza "segnali tecnici" e dati

    – di Marco lo Conte

    • News24

    Perché servono ancora le teorie classiche

    La crisi finanziaria ha messo fortemente in discussione le teorie economiche e in particolare quelle dei mercati finanziari. La critica è profonda e gli economisti devono farci i conti senza seguire due false piste che, seppur molto popolari, rischiano di sbagliare bersaglio.

    – di Emilio Barucci

    • News24

    Il fattore umano pesa anche sulla finanza

    Ormai da diversi anni nelle mie lezioni del corso di "Gestione del portafoglio" dedico una parte piuttosto rilevante alla finanza comportamentale e pertanto a Richard Thaler.

    – di Elena Beccalli

    • News24

    Il peso del fattore umano sui titoli

    Ormai da diversi anni nelle mie lezioni del corso di "Gestione del portafoglio" dedico una parte piuttosto rilevante alla finanza comportamentale e pertanto a Richard Thaler.

    – di Elena Beccalli

    • News24

    «Decision-Making»: ok gli algoritmi, ma se usassimo anche il buon senso?

    Prendere una decisione non è soltanto un atto o un processo, ma rappresenta, ai nostri occhi e a quelli degli altri, uno status. Spendiamo parte della nostra vita bramando il momento in cui potremo «fare quello che sentiamo giusto, per noi» (il passaggio dalla dipendenza familiare all'autonomia

    – di Eva Campi *

    • News24

    Perché sono un economista con il prefisso «neuro»

    Come cambia l'insegnamento dell'economia? Quali sono i nuovi saperi che devono integrare gli insegnamenti classici nelle università di economia, come si stanno attrezzando le Università. Cosa resta valido e cosa si può eliminare del vecchio approccio?

    – di Giorgio Coricelli

    • News24

    Tornare a una scienza morale e sociale

    Gli studi sui limiti cognitivi del comportamento umano in campo economico, per cui Richard Thaler ha ricevuto il premio Nobel per l'economia, si inscrivono in un ricco filone di ricerche che da tempo tentano di allentare e/o di superare alcune aporie del paradigma neoclassico, racchiuse nella

    – di Laura Pennacchi

    • Agora

    Risparmio, libertà di scelta (e anche di errore) o decisioni automatiche?

    La libertà di scelta è un valore davvero da preservare anche in ambito finanziario? La limitatezza dei processi decisionali degli individui, al centro degli studi del recente premio Nobel per l'Economia Richard Thaler, ha smontato questo totem, mettendo in guardia i regulator sulle capacità degli individui di compiere la scelta migliore per le proprie esigenze. Di questo si occupa "Do people really want freedom of choice?" ("La gente vuole davvero libertà di scelta?"), l'indagine di Netspar...

    – Marco lo Conte

1-10 di 48 risultati