Persone

Richard Thaler

Richard H. Thaler, 72 anni, del New Jersey, docente all'Università di Chicago, è il vincitore del Nobel 2017 per l'economia. Il premio - spiega la Royal Swedish Academy of Sciences - è stato attribuito per i suoi studi in economia comportamentale, ovvero quella branca che, impiegando concetti tratti dalla psicologia, elabora modelli di comportamento alternativi rispetto a quelli formulati dalla teoria economica standard.

Il docente statunitense ha esplorato le interazioni fra economia e psicologia con ricchezza di esempi. Sue sono le teorie sul nudge (la «spinta gentile»), modo di interagire fra Governo e cittadini che mira a ottenere il risultato con metodi meno coercitivi e invasivi degli attuali. Oppure, evocando il metodo di Ulisse per sottrarsi alle lusinghe delle sirene, “legarsi le mani” con impegni di lungo termine per sottrarsi alle tentazioni di spendere tutto oggi.

Il saggio «Misbehaving»
Nel volume del 2015, dal titolo Misbehaving, Thaler racconta quanto accaduto nel concorso che aveva lanciato sulle pagine del Financial Times per fare il punto sui progressi delle ricerche psicologiche rispetto alle discipline economiche. Ecco il rompicapo da risolvere per vincere il premio: “Scegli un numero da 0 a 100 in modo da avvicinarti il più possibile ai due terzi della media dei numeri indicati dagli altri lettori”. Parteciparono lettori di tutti i tipi. E la risposta vincente fu 13. C'era chi, forse, aveva studiato logica o matematica, e rispose 0 (circa il 10% dei concorrenti). Ci furono poi molti 33 e 22, qualche 50 e pochi 100. La morale di Richard Thaler di fronte a questi risultati è che non è la “miglior risposta” in astratto quella che prevale, ma la scelta che tiene conto delle risposte degli altri concorrenti e della loro razionalità limitata. In questo esercizio c'è tutta la filosofia dei lavori di Thaler, che considera le imperfezioni altrui, ignorate in passato dagli economisti.

Thaler, con le sue ricerche basate su psicologia ed economia comportamentale, non è il primo studioso di questa nuova branca dell'economia a ricevere i Nobel. Prima di lui ci sono stati Herbert Simon (1978), Gary Becker (1992), Daniel Kahneman (2002) e Robert Shiller ( che vinse con i colleghi Eugene Fama e Lars Peter Hansen dell'Università di Chicago).

Ultimo aggiornamento 10 ottobre 2017

Ultime notizie su Richard Thaler
    • News24

    Competenze a 360 gradi per pensioni «bricolage»

    C'è un ingrediente che manca al sistema pensionistico degli italiani. Ed è un ingrediente fondamentale, in grado di fare la differenza tra una vecchiaia serena e una in situazione di disagio economico. Non è un comma mancante, né tanto meno una riforma, l'ennesima, invocata in queste settimane di

    – di Marco lo Conte

    • Econopoly

    Perché trovare lavoro non è facile come prendere un caffè?

    L'autore di questo post è Guglielmo Briscese, economista e senior advisor al Behavioural Insights Team - Per gli amanti del buon caffè un bar non vale l'altro, e c'è chi il caffè lo prende solo al solito bar di fiducia. Ma per il proprietario del bar, importa molto meno chi acquista il suo caffè, fin tanto che paghino il giusto prezzo. Questo perché il mercato del caffè, come tanti altri mercati, è regolato da prezzi, che sono il risultato dell'incontro tra la domanda e l'offerta: il barista sc...

    – Econopoly

    • News24

    Perché le promesse elettorali ci piacciono così tanto

    Cosa accadrebbe se applicassimo gli studi che poche settimane fa hanno valso il premio Nobel per l'Economia a Richard Thaler alla campagna elettorale italiana? Il tema non è peregrino: Thaler, così come prima di lui altri esperti di economia comportamentale insigniti del prestigioso riconoscimento

    – di Marco lo Conte

    • News24

    Al bazaar del Fisco generoso

    Il professor Richard Thaler, premio Nobel per l'economia nel 2017, per spiegare gli incentivi e le "spinte" (nudge) che muovono le nostre decisioni, parte dalla sequenza dei cibi in mensa e dalla disposizione dei prodotti negli scaffali del supermercato. Chissà se i suoi studi potranno un giorno

    – di Mauro Meazza

    • News24

    «Così ho rilanciato Jil Sander»

    Alessandra Bettari sembra interpretare alla perfezione lo spirito del tempo. O meglio, lo Zeitgeist, per usare la parola originale, quella coniata dai tedeschi, visto che l'azienda di cui parliamo è Jil Sander, fondata ad Amburgo nel 1973 dall'omonima stilista e imprenditrice. Come amministratore

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Perché studiare gli errori serve

    Verso la fine del 2007, la Federal Reserve, analisti finanziari e altri osservatori prevedevano una crescita economica positiva per l'anno successivo. Queste stime, più basse che in passato, erano comunque soddisfacenti, dopo che il crollo dei subprime nel luglio 2007 aveva fatto temere il peggio.

    – di Nicola Gennaioli

    • News24

    Per i manager un ritorno ai fondamentali

    Come ingegnere ho sempre considerato importante la formazione tecnico matematica per svolgere il lavoro organizzativo. Anche oggi, in una realtà di intermediazione finanziaria, considero auspicabile il progressivo affermarsi di un approccio razionale a cui riferirsi per costruire modelli

    – di Andrea Moltrasio

    • News24

    Insegnare con approccio pragmatico

    Una disciplina scientifica - o quasi scientifica - come l'economia migliora la sua capacità di descrivere e prevedere la realtà grazie alla ricerca, cioè all'elaborazione e alla verifica empirica di vecchi e nuovi modelli, ma nel contempo risulta capace di illuminare i cittadini sui suoi risultati

    – di Riccardo Puglisi

    • News24

    E' ora di riparare i guasti dell'egoismo razionale

    Si dice che l'economia abbia fondato la fortuna dei suoi teoremi sull'ipotesi di comportamento razionale (massimizzante) e auto-interessato (egoista). Inizialmente, con Adam Smith, l'ipotesi non aveva pretese descrittive, ma era destinata a mostrare come nel mercato potessero realizzarsi scambi

    – di Andrea Boitani

    • News24

    Le ragioni delle scelte irrazionali

    Sosterrò due tesi sul rapporto tra l'economia, che conosco da dilettante, e la psicologia, di cui sono specialista. Credo, in primo luogo, che l'economia sia una disciplina più aperta della psicologia ai quesiti innescati dal confronto con le scienze confinanti e quindi non dobbiamo stupirci se è

    – di Paolo Legrenzi

1-10 di 56 risultati