Persone

Riccardo Muti


Riccardo Muti è nato il 28 luglio del 1941 a Napoli ed è un direttore d'orchestra italiano.

Tra il 1986 ed il 2005 è stato direttore musicale del Teatro alla Scala di Milano.

Nel 1969 dirige la prima rappresentazione radiofonica nell'Auditorium RAI del Foro Italico di Roma di "I puritani" di Vincenzo Bellini.

Nel 1971 dirige la prima rappresentazione nel Kleines Festspielhaus di Salisburgo del "Don Pasquale" di Gaetano Donizetti .

Tra il 1973 ed il 1982 assume la direzione della Philharmonia Orchestra di Londra.

Tra il 1980 ed il 1992 è stato direttore musicale dell'Orchestra di Filadelfia.

Nel 1995 diventa Presidente di Giuria della prima edizione del Concorso Internazionale di Composizione "2 Agosto" a Bologna.

Il 10 dicembre del 2014 apre la stagione teatrale del Teatro Giordano di Foggia, dopo 10 anni di chiusura per restauri.

Sono numerose le opere dirette al Teatro alla Scala da Riccardo Muti, per citarne soltanto alcune basti ricordare:

- il "Nabucco", nella serata d'inaugurazione della stagione 1986/1987;

- il "Guglielmo Tell" (opera) nella serata d'apertura della stagione 1988/1989;

- "I vespri siciliani", nella serata d'inaugurazione della stagione 1989/1990;

- "il Parsifal" (opera) con la magistrale interpretazione di Plácido Domingo e della Meier, in apertura della stagione 1991/1992;

- "il Don Carlo", con l'interpretazione dell'indimenticabile Pavarotti, nella serata d'inaugurazione della stagione 1992/1993;

- "Il trovatore", nella suggestiva interpretazione di Barbara Frittoli, Violeta Urmana, Leo Nucci e Salvatore Licitra, durante la prima della stagione 2000/2001;

- "l' Otello" (Verdi) con l'insostituibile Domingo, nella serata d'apertura della stagione 2001/2002.

Il 1° giugno del 2015 Muti ha diretto al Quirinale, nel salone dei Corazzieri ed alla presenza del corpo diplomatico e del Presidente della Repubblica, l'Orchestra Giovanile "Luigi Cherubini". Durante il concerto, trasmesso in diretta televisiva dalla RAI e dedicato alle celebrazioni per la Festa della Repubblica, non sono mancati momenti di intensa passione musicale, quando l'Orchestra ha intonato le note del celebre "Guglielmo Tell" di Rossini e di alcuni tra gli indimenticabili successi del repertorio di Verdi e Bellini.

Riccardo Muti, grazie al suo successo ed al talento impareggiabile, è stato insignito di numerose onorificienze e riconoscimenti sia in ambito nazionale che internazionale.

E' sposato dal 1969 con Cristina Mazzavillani che lo ha reso padre di tre figli: Chiara, Francesco e Domenico.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Riccardo Muti
    • News24

    I Cherubini volano a Torino

    Hanno debuttato a Torino, chiudendo la prestigiosa stagione di concerti di "lingottomusica", nel grande Auditorium di Renzo Piano. Tirati a lucido dopo un tour europeo che ha fatto tappa a Parigi, Lussemburgo e Ginevra, coprendoli di allori: eccoli ritornati, i "Cherubini", cento giovani musicisti

    – di Carla Moreni

    • News24

    Capodanno in musica. Come chiudere l'anno sulle note classiche

    La passione per la musica può diventare l'occasione per organizzare un break a Capodanno. Da Vienna a Torino, da Berlino a Venezia, da Amburgo a Milano a Budapest sono numerosi gli appuntamenti imperdibili.

    – di Lucilla Incorvati

    • Agora

    "Sono stanco dell'immagine falsata di Napoli": parola di Riccardo Muti

    "Sono stanco dell'immagine falsata di Napoli, si parla solo della delinquenza, anche se ci sono città dove la criminalità fa molte più vittime. Una immagine che oscura la sostanza vera della città. Della grandezza della Napoli della cultura il mondo non sa niente'': a parlare non è uno qualunque ma il maestro Riccardo Muti (nato a Napoli). La dichiarazione è stata rilasciata all'Agenzia Ansa in occasione dell'apertura della mostra "Carta Bianca" al Museo e Real Bosco di Capodimonte. Il maestro h...

    – Vitaliano D'Angerio

    • News24

    Una Prima da un milione di euro

    Per fare la rivoluzione francese ci sono voluti strategia politica, fucili, forconi e abbondante spargimento di sangue. Per farla rivivere a Milano, sul palco del Teatro alla Scala che questa sera ospiterà la Prima dell'Andrea Chénier di Umberto Giordano, diretta da Riccardo Chailly, sono serviti

    – di Giovanna Mancini

    • Agora

    Stufi delle solite proposte? Sette idee per un Capodanno con la grande musica tra Italia ed Europa

    Tempo di decidere le vacanze di fine anno. Tra le varie opportunità di stagione - molte ormai scontate - mi è sembrato interessante proporre quelle elaborate dal Sipario musicale, certo destinate ad un pubblico dedito a una esperienza musicale di tipo classico. Di seguito la nota che illustra gli appuntamenti, tutti di altissimo livello ed in luoghi splendidi, tra Italia ed Europa. Il Sipario musicale, a cavallo tra il 2017 e il 2018, firma sette viaggi in altrettante mete per celebrare in m...

    – Vincenzo Chierchia

    • News24

    Direttori d'orchestra a scuola dal Maestro

    Protetta dietro ai silenzi bizantini di Ravenna, al terzo anno di attività e incentrata sull "Aida" di Verdi, l' "Italian Opera Academy" di Riccardo Muti si presenta con un duplice profilo: da un lato è luogo eletto di alta formazione per i giovani direttori d'orchestra di domani, dall'altro è un

    – di Carla Moreni

    • News24

    Muti insegna il made in Italy della musica

    Protetta dietro ai silenzi bizantini di Ravenna, al terzo anno di attività e incentrata sull'Aida di Verdi, l'Italian Opera Academy di Riccardo Muti si presenta con un duplice profilo: da un lato, è luogo eletto di alta formazione per i giovani direttori d'orchestra di domani, dall'altro è un

    – di Carla Moreni

    • News24

    Muti insegna il made in Italy della musica

    Protetta dietro ai silenzi bizantini di Ravenna, al terzo anno di attività e incentrata sull'Aida di Verdi, l'Italian Opera Academy di Riccardo Muti si presenta con un duplice profilo: da un lato, è luogo eletto di alta formazione per i giovani direttori d'orchestra di domani, dall'altro è un

    – Carla Moreni

    • News24

    Celeste Aida senza Egitto

    Egitto? Zero. Verdi? Tanto, tanto, e ancora di più. Aida, la perennemente bistrattata, esce dal Festival di Salisburgo totalmente nuova, riscattata: il titolo sperimentale, ultimo. Verdi qui avrebbe voluto deporre la penna e la forgiò come stampo per il futuro. Finissima, cangiante, veloce. Altro

    – di Carla Moreni

1-10 di 154 risultati