Persone

Riccardo Muti


Riccardo Muti è nato il 28 luglio del 1941 a Napoli ed è un direttore d'orchestra italiano.

Tra il 1986 ed il 2005 è stato direttore musicale del Teatro alla Scala di Milano.

Nel 1969 dirige la prima rappresentazione radiofonica nell'Auditorium RAI del Foro Italico di Roma di "I puritani" di Vincenzo Bellini.

Nel 1971 dirige la prima rappresentazione nel Kleines Festspielhaus di Salisburgo del "Don Pasquale" di Gaetano Donizetti .

Tra il 1973 ed il 1982 assume la direzione della Philharmonia Orchestra di Londra.

Tra il 1980 ed il 1992 è stato direttore musicale dell'Orchestra di Filadelfia.

Nel 1995 diventa Presidente di Giuria della prima edizione del Concorso Internazionale di Composizione "2 Agosto" a Bologna.

Il 10 dicembre del 2014 apre la stagione teatrale del Teatro Giordano di Foggia, dopo 10 anni di chiusura per restauri.

Sono numerose le opere dirette al Teatro alla Scala da Riccardo Muti, per citarne soltanto alcune basti ricordare:

- il "Nabucco", nella serata d'inaugurazione della stagione 1986/1987;

- il "Guglielmo Tell" (opera) nella serata d'apertura della stagione 1988/1989;

- "I vespri siciliani", nella serata d'inaugurazione della stagione 1989/1990;

- "il Parsifal" (opera) con la magistrale interpretazione di Plácido Domingo e della Meier, in apertura della stagione 1991/1992;

- "il Don Carlo", con l'interpretazione dell'indimenticabile Pavarotti, nella serata d'inaugurazione della stagione 1992/1993;

- "Il trovatore", nella suggestiva interpretazione di Barbara Frittoli, Violeta Urmana, Leo Nucci e Salvatore Licitra, durante la prima della stagione 2000/2001;

- "l' Otello" (Verdi) con l'insostituibile Domingo, nella serata d'apertura della stagione 2001/2002.

Il 1° giugno del 2015 Muti ha diretto al Quirinale, nel salone dei Corazzieri ed alla presenza del corpo diplomatico e del Presidente della Repubblica, l'Orchestra Giovanile "Luigi Cherubini". Durante il concerto, trasmesso in diretta televisiva dalla RAI e dedicato alle celebrazioni per la Festa della Repubblica, non sono mancati momenti di intensa passione musicale, quando l'Orchestra ha intonato le note del celebre "Guglielmo Tell" di Rossini e di alcuni tra gli indimenticabili successi del repertorio di Verdi e Bellini.

Riccardo Muti, grazie al suo successo ed al talento impareggiabile, è stato insignito di numerose onorificienze e riconoscimenti sia in ambito nazionale che internazionale.

E' sposato dal 1969 con Cristina Mazzavillani che lo ha reso padre di tre figli: Chiara, Francesco e Domenico.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Riccardo Muti
    • News24

    Direttori d'orchestra a scuola dal Maestro

    Protetta dietro ai silenzi bizantini di Ravenna, al terzo anno di attività e incentrata sull "Aida" di Verdi, l'"Italian Opera Academy" di Riccardo Muti si presenta con un duplice profilo: da un lato è luogo eletto di alta formazione per i giovani... Protetta dietro ai silenzi bizantini di Ravenna, al terzo anno di attività e incentrata sull "Aida" di Verdi, l'"Italian Opera Academy" di Riccardo Muti si presenta con un duplice profilo: da un lato è luogo eletto di alta formazione per i...

    – di Carla Moreni

    • News24

    Muti insegna il made in Italy della musica

    Protetta dietro ai silenzi bizantini di Ravenna, al terzo anno di attività e incentrata sull'Aida di Verdi, l'Italian Opera Academy di Riccardo Muti si presenta con un duplice profilo: da un lato, è luogo eletto di alta formazione per i giovani direttori d'orchestra di domani, dall'altro è un progetto-pilota, interamente sostenuto dal mecenatismo privato, mirato alla promozione autentica dell'opera italiana, esemplare made in Italy, vincente nel mondo.

    – di Carla Moreni

    • News24

    Muti insegna il made in Italy della musica

    Protetta dietro ai silenzi bizantini di Ravenna, al terzo anno di attività e incentrata sull'Aida di Verdi, l'Italian Opera Academy di Riccardo Muti si presenta con un duplice profilo: da un lato, è luogo eletto di alta formazione per i giovani... Opera Academy di Riccardo Muti

    – Carla Moreni

    • News24

    Celeste Aida senza Egitto

    Riccardo Muti tocca di nuovo la partitura, lasciata chiusa per 38 anni (è ancora quella del 1971, la prima) e la trasforma.

    – di Carla Moreni

    • News24

    Muti, con Verdi applausi ed emozione a Teheran

    «Verdi è di tutti», dice semplicemente Riccardo Muti agli studenti di Teheran, che nella Vahdat Hall, nel Teatro della Fondazione Roudaki, hanno appena finito di applaudire entusiasti la prova generale del programma dedicato a Verdi. ... Premesso che gli orchestrali, di necessità, raramente si emozionano; e premesso che senza Riccardo Muti tutto sarebbe rimasto una cartolina decorativa (lui con la proverbiale capacità tecnica e magica di far suonare come una vera orchestra anche assiemi...

    – di Carla Moreni

    • News24

    Muti, la Cherubini e la gioia di far musica

    Ci sono delle esecuzioni che sparigliano tutti i luoghi comuni, esaltando la funzione primaria della musica: l'anti-convenzionalità. Ad esempio, si pensa che per esaltare le qualità di un grande direttore sia necessaria un'orchestra di pari livello, per tenere il dialogo alla pari. Oppure che di

    – di Carla Moreni

    • News24

    Riccardo Muti

    E' il direttore d'orchestra italiano più famoso, nato a Napoli nel 1941, dal 1986 al 2005 direttore principale dell'Orchestra del Teatro alla Scala, dal 2010 è Music Director alla Chicago Symphony Orchestra, con la quale ha rinnovato il contratto fino al 2020. La sua lunga carriera inizia negli anni

    • News24

    Scala, via al piano triennale

    Via libera alla nuova stagione e al primo piano triennale della Scala di Milano. Dopo mesi di confronto tra la linea del sovrintendente Alexander Pereira - che sostiene la necessità di offrire un cartellone più ricco di opere e balletti rispetto al passato - e quella più cauta di alcuni

    – di Giovanna Mancini

    • News24

    Primo G7 Cultura: «una nazione è viva quando la sua cultura è viva»

    Il "primo G7 Cultura della storia" si è svolto a Firenze tra il 30 e il 31 marzo. All'occasione, i Ministri dei beni culturali di Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti, nonché alti rappresentati di UNESCO, UNODC, UNIDROIT, INTERPOL, Commissione Europea, Consiglio d'Europa,

    – di Giuditta Giardini

    • News24

    Franceschini, nella Protezione civile entri personale Mibact

    «Vorremmo che all'interno della Protezione Civile ci fosse una struttura permanente che si occupi dei Beni Culturali con nostro personale specializzato per il patrimonio». Lo ha detto il ministro per i Beni Culturali e il Turismo, Dario Franceschini, a margine della presentazione del primo G7

1-10 di 148 risultati