Persone

Renato Brunetta

Renato Brunetta è un politico ed economista. Dal 2008 al 2011 ha ricoperto la carica di Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione nel governo Berlusconi IV.

A questo incarico arriva nel 2008 con la vittoria alle elezioni della coalizione di centrodestra. Subito Renato Brunetta si fa notare per alcune dichiarazioni e per una politica votata alla maggior trasparenza della pubblica amministrazione e contro i “fannulloni”. Nel 2008 e 2009 vengono emanati due provvedimenti legislativi che portano il suo nome. L'obiettivo di entrambi è razionalizzare la funzione pubblica, renderla più trasparente, efficiente e produttiva. Prima di essere ministro è stato per due volte europarlamentare, eletto prima nel 1999 e poi nel 2004, sempre nelle liste di Forza Italia.

A Forza Italia approda nel 1999, dopo aver militato per diversi anni nel partito socialista, in cui ha collaborato con Craxi e De Michelis. Renato Brunetta è stato inoltre negli anni consigliere economico di diversi governi, tra cui quelli di Craxi, Amato e Ciampi. Tra i vari incarichi ricoperti vi è quello di responsabile di tutte le strategie per l'occupazione e la politica dei redditi del Ministero del Lavoro. A causa del contenuto di alcune sue consulenze è stato oggetto di minacce da parte delle Brigate Rosse e dal 1983 vive sotto scorta.

Di formazione è un economista, laureato in Scienze politiche ed economiche a Padova nel 1973. Successivamente è stato molto attivo nella carriera accademica, insegnando prima a Venezia e poi a Roma.

E' andato in pensione a fine 2009.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Renato Brunetta
    • News24

    Ius soli, Gentiloni: mancano le condizioni per il sì entro l'estate

    E alla fine arriva il passo indietro. «Tenendo conto delle scadenze non rinviabili in calendario al Senato e delle difficoltà emerse in alcuni settori della maggioranza non ritengo ci siano le condizioni per approvare il ddl sulla cittadinanza ai minori stranieri nati in Italia prima della pausa

    – di Nicola Barone

    • News24

    La commissione sulle banche «mina vagante» della campagna verso il voto

    Sempre ieri il capo dello Stato ha firmato la legge che istituisce la commissione d'inchiesta sul sistema bancario e in serata è stata pubblicata in Gazzetta ma, appena nata, è già partita la polemica su chi ne sarà presidente: i grillini rivendicano quel posto, Renato Brunetta accusa il Pd di volerlo per sé mentre spetterebbe all'opposizione e Renzi ha già messo all'indice la vigilanza di Bankitalia.

    – di Lina Palmerini

    • News24

    La commissione sulle banche «mina vagante» della campagna verso il voto

    Sempre ieri il capo dello Stato ha firmato la legge che istituisce la commissione d'inchiesta sul sistema bancario e in serata è stata pubblicata in Gazzetta ma, appena nata, è già partita la polemica su chi ne sarà presidente: i grillini rivendicano quel posto, Renato Brunetta accusa il Pd di volerlo per sé mentre spetterebbe all'opposizione e Renzi ha già messo all'indice la vigilanza di Bankitalia.

    • News24

    Derivati dello Stato, a processo «contabile» Morgan Stanley e Tesoro

    Richieste finora respinte dal governo che ancora a metà giugno ha rivendicato, con la risposta del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan all'interrogazione presentata dal capogruppo di Fi Renato Brunetta, di garantire la trasparenza prevista dai migliori standard internazionali.

    – di Gianni Trovati

    • News24

    L'esultanza della Lega, Renzi: «Poteva andare meglio»

    Accanto a Rosato gongola, in vista di una buona affermazione del centrodestra, il capogruppo azzurro alla Camera Renato Brunetta, che ritiene in vista una «tranquilla, straordinaria, vittoria del centrodestra.

    – di Vittorio Nuti

    • News24

    Commissione banche, sì unanime

    Tutti positivi i commenti delle forze politiche: Renato Brunetta di Forza Italia ha definito la Commissione «l'unica cosa buona fatta in questa legislatura», mentre il M5S, con Alessio Villarosa, ha tenuto un intervento durissimo e polemico sulla vicenda Etruria accusando la maggioranza di «aver perso tempo» nel dare il via libera allo strumento di indagine.

    – Davide Colombo

    • News24

    «Derivati, nessuna situazione a rischio per i conti pubblici»

    «Non sussistono situazioni a rischio per le casse dello Stato in quanto della spesa per strumenti finanziari derivati si è tenuto e si tiene conto negli stanziamenti richiesti nel Bilancio dello Stato. La spesa correlata a tali strumenti è attentamente considerata altresì in tutti gli strumenti di

1-10 di 1788 risultati