Aziende

Recordati

Recordati è un gruppo europeo attivo nella ricerca, nello sviluppo, nella produzione e nella commercializzazione di prodotti farmaceutici. E’ quotata alla borsa di Milano dal 1984 dove è presente nell'indice FTSE MIB.

Recordati si avvale (dati aggiornati al 2016) della collaborazione di quasi 4000 dipendenti, con un fatturato di 1154 milioni di euro.

L’azienda si propone come partner di riferimento per l'acquisizione di nuove licenze ed è impegnata nella ricerca di farmaci innovativi nell'area cardiovascolare e genito-urinaria.

Recordati è stata fondata da Giovanni Recordati nel 1926 a Correggio (in provincia di Reggio Emilia) con il nome di Laboratorio Farmacologico Reggiano. Negli anni Sessanta la società si è sviluppata, indirizzandosi verso il settore della chimica farmaceutica e nel 1984 è entrata alla Borsa Valori di Milano.

Nel 1996 l’azienda ha avviato l’attività commerciale nel Regno Unito, mentre nel 2005 è approdata in Germania, Grecia e Irlanda. Nel corso degli anni, Recordati ha fatto investimenti nel settore della ricerca, producendo anche farmaci con marchio proprio e ramificando le proprie sedi nel mercato europeo ed extraeuropeo.

Nel 2014 Recordati ha firmato un accordo con Apricus Biosciences Inc., società farmaceutica con sede a San Diego, U.S.A.

Nel 2015 l’azienda farmaceutica prosegue il processo di internazionalizzazione delle attività legate al trattamento ed alla cura delle malattie rare, con la costituzione di nuove filiali in Brasile, Messico e Colombia.

Nel maggio del 2016 viene perfezionata l’acquisizione della società farmaceutica Italchimici S.p.A. che commercializza soluzioni terapeutiche principalmente nelle aree della gastroenterologia e delle patologie respiratorie.

Presidente del gruppo è dal 16 agosto del 2016 Alberto Recordati, mentre amministratore delegato e vicepresidente è Andrea Recordati.

Ultimo aggiornamento 16 maggio 2017

Ultime notizie su Recordati
    • News24

    Scontro Ceo-Trump, tonfo di Wall Street. Borse e euro giù su timori Bce

    Le preoccupazioni della Bce per l'euro forte in caso di addio al programma di Quantitative easing e la necessità per Francoforte di continuare a intervenire a supporto dell'inflazione pesano sull'euro e sul settore bancario piegando gli indici azionari europei. Le Borse continentali hanno

    – di C. Condina e A.Fontana

    • News24

    Spallata finale di Milano (+0,7%), mentre Europa rimane debole

    Chiusura debole anche se sopra i minimi di giornata per le Borse europee (segui qui i principali indici) , mentre sale l'attesa per il G20 che inizierà domani a Amburgo. Il focus rimane sulle future mosse delle banche centrali, con gli economisti che iniziano a mettere in conto un eventuale cambio

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Fca e bancari tirano la volata a Piazza Affari, Ftse Mib +2,08%

    Chiusura positiva per il Vecchio Continente nella prima seduta della settimana e del secondo semestre dell'anno, sostenuta da banche, energia e materie prime. A Piazza Affari il Ftse Mib ha chiuso in progresso del 2,08% e il Ftse All Share dell'1,86%, quando a Parigi il Cac40 ha guadagnato l'1,47%,

    – di Andrea Fontana e Flavia Carletti

    • News24

    Cinque titoli italiani che guadagnano il 30-40% da inizio anno

    Da inizio anno hanno messo a segno guadagni che oscillano tra il 32% e il 42%. Sono i cinque campioni di Piazza Affari, quelli che nel 2017 hanno sovraperformato di almeno il 20% il pur robusto andamento dell'indice Ftse Italy All-Shares. Sul podio abbiamo Ferrari (42%), Ubi Banca (40,1%) e

    – di Enrico Marro

    • News24

    Borse giù per la crisi del Golfo. Milano -1%, stangata sulla Juve

    Investitori azionari lontani dagli azzardi nella prima seduta di una settimana che sarà tutta orientata agli appuntamenti di giovedì - le elezioni politiche inglesi, la riunione della Bce e la testimonianza al Senato Usa dell'ex capo dell'Fbi James Comey - e che complici anche le tensioni sul

    – di C. Condina e A. Fontana

1-10 di 159 risultati