Aziende

Recordati

Recordati è un gruppo europeo attivo nella ricerca, nello sviluppo, nella produzione e nella commercializzazione di prodotti farmaceutici. E’ quotata alla borsa di Milano dal 1984 dove è presente nell'indice FTSE MIB.

Recordati si avvale (dati aggiornati al 2016) della collaborazione di quasi 4000 dipendenti, con un fatturato di 1154 milioni di euro.

L’azienda si propone come partner di riferimento per l'acquisizione di nuove licenze ed è impegnata nella ricerca di farmaci innovativi nell'area cardiovascolare e genito-urinaria.

Recordati è stata fondata da Giovanni Recordati nel 1926 a Correggio (in provincia di Reggio Emilia) con il nome di Laboratorio Farmacologico Reggiano. Negli anni Sessanta la società si è sviluppata, indirizzandosi verso il settore della chimica farmaceutica e nel 1984 è entrata alla Borsa Valori di Milano.

Nel 1996 l’azienda ha avviato l’attività commerciale nel Regno Unito, mentre nel 2005 è approdata in Germania, Grecia e Irlanda. Nel corso degli anni, Recordati ha fatto investimenti nel settore della ricerca, producendo anche farmaci con marchio proprio e ramificando le proprie sedi nel mercato europeo ed extraeuropeo.

Nel 2014 Recordati ha firmato un accordo con Apricus Biosciences Inc., società farmaceutica con sede a San Diego, U.S.A.

Nel 2015 l’azienda farmaceutica prosegue il processo di internazionalizzazione delle attività legate al trattamento ed alla cura delle malattie rare, con la costituzione di nuove filiali in Brasile, Messico e Colombia.

Nel maggio del 2016 viene perfezionata l’acquisizione della società farmaceutica Italchimici S.p.A. che commercializza soluzioni terapeutiche principalmente nelle aree della gastroenterologia e delle patologie respiratorie.

Presidente del gruppo è dal 16 agosto del 2016 Alberto Recordati, mentre amministratore delegato e vicepresidente è Andrea Recordati.

Ultimo aggiornamento 16 maggio 2017

Ultime notizie su Recordati
    • News24

    L'Europa snobba la crisi tedesca. A Milano Carige a picco, sprint Mediaset

    Prima seduta della settimana positiva per le Borse europee, che tentano di rialzare la testa dopo due ottave consecutive in rosso. A dispetto dell'incertezza politica in Germania, dove la cancelliera Angela Merkel non riesce a formare un nuovo governo a due mesi dal voto, i listini hanno guadagnato

    – di A. Fontana e P. Paronetto

    • News24

    Borse, promossa la strategia soft di Draghi. Euro sotto quota 1,17 dollari

    Chiusura in rialzo per le Borse europee (segui qui i principali indici), nel giorno della Bce e delle notizie provenienti dalla Catalogna. L'Eurotower a partire da gennaio dimezzerà a 30 miliardi di euro ogni mese gli acquisti di asset, che andranno avanti fino a settembre e, se necessario, anche

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Piazza Affari chiude il miglior mese del 2017. Giù Telecom su golden power

    Trainati da assicurativi, auto e media, i listini europei chiudono in rialzo l'ultima seduta di settembre, che si conferma il miglior mese del 2017 sul mercato azionario (+5% l'Eurostoxx600), confermando l'ottimo momento dei mercati azionari in scia a Wall Street e alla prospettiva di una

    – di C. Di Cristofaro e A.Fontana

    • News24

    Big Pharma migliora la reputazione, primo posto per la statunitense AbbVie

    «Anche la reputazione di un'azienda farmaceutica è un legame emotivo. E per renderlo forte l'impresa si deve raccontare, toccando i punti più sensibili: la qualità dei propri prodotti e servizi, la trasparenza delle sue azioni e la responsabilità sociale e ambientale». E' questa, secondo Fabio

    – di Rosanna Magnano

    • News24

    Scontro Ceo-Trump, tonfo di Wall Street. Borse e euro giù su timori Bce

    Le preoccupazioni della Bce per l'euro forte in caso di addio al programma di Quantitative easing e la necessità per Francoforte di continuare a intervenire a supporto dell'inflazione pesano sull'euro e sul settore bancario piegando gli indici azionari europei. Le Borse continentali hanno

    – di C. Condina e A.Fontana

    • News24

    Europa paga le tensioni Usa-Pyongyang, Milano chiude a -0,9%

    Le tensioni geopolitiche internazionali innescate dalla querelle Usa-Corea del Nord e l'attacco a sei militari francesi alle porte di Parigi hanno fatto scattare le vendite sui listini continentali. Dopo la debolezza di Tokyo e delle Piazze asiatiche, anche il Vecchio Continente ha chiuso con il

    – di A. Fontana e F. Carletti

    • News24

    Italia, imprese in ritardo rispetto ai big europei

    Da sola, la Volkswagen fattura il doppio rispetto al giro d'affari (84 miliardi di euro) cumulato dei primi 10 gruppi della manifattura italiani. Ampliando il confronto, i ricavi della "Top ten" italiana sono meno di un decimo rispetto ai Top 10 tedeschi (767 miliardi), un quarto di quelli francesi

    – Vito Lops

    • News24

    Draghi spinge l'euro al top da gennaio 2015. Listini deboli

    Finale debole per le Borse europee (segui qui i principali indici), intimorite dalla prospettiva che la politica monetaria accomodante potrebbe essere rivista tra qualche mese. Il numero uno della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha invitato alla prudenza e alla pazienza, visto che «non ci

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Spallata finale di Milano (+0,7%), mentre Europa rimane debole

    Chiusura debole anche se sopra i minimi di giornata per le Borse europee (segui qui i principali indici) , mentre sale l'attesa per il G20 che inizierà domani a Amburgo. Il focus rimane sulle future mosse delle banche centrali, con gli economisti che iniziano a mettere in conto un eventuale cambio

    – di Eleonora Micheli

1-10 di 162 risultati