Aziende

Rai

Rai-Radiotelevisione Italiana è la società concessionaria in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo italiano. È una delle più grandi aziende di comunicazione d'Europa, il quinto gruppo televisivo del continente. Opera, oltre che nel settore televisivo, radiofonico satellitare e su piattaforma del digitale terrestre, anche in campo editoriale e cinematografico. È partecipata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, che la possiede al 99,56%, mentre il restante 0,44% è proprietà della Siae. Al gruppo Rai fanno parte le consociate Rai Sat (canali satellitari), Rai Sipra (concessionaria di pubblicità), Rai Corporation (per il mercato americano), Rai Trade (commercializzazione del prodotto), Rai Way (impianti di trasmissione e diffusione), Rai Cinema (produzione e acquisto film), Rai Net (attività di Internet). Oltre all’Italia, dove conta 23 sedi regionali e 4 centri di produzione, Rai trasmette in tutti e 5 i continenti e nel complesso impiega 10.000 dipendenti.

L’azienda è nata nel 1954 a Roma. In seguito al referendum popolare del 1995 è stata abrogata la legge che riservava esclusivamente alla mano pubblica il possesso delle azioni Rai, ma non si è mai proceduto alla privatizzazione. Nel 2009 i canali Rai Sat hanno lasciato Sky per approdare sul Dvb-T e Tivù Sat.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Rai
    • News24

    I bambini passano cinque ore al giorno tra tv e internet

    L'editore televisivo in testa alle preferenze del nostro target è Mediaset, con una quota d'ascolto del 33%, seguita dalla Rai. ... La formazione dell'immaginario è quindi compito in gran parte assegnato a questi due editori e il servizio pubblico ha deciso di interrompere la comunicazione commerciale sul canale per i più piccoli, Rai Yoyo. Ed è proprio Rai YoYo la rete in testa alle preferenze fra chi ha età tra i 4 ed i 7 anni, share medio annuale 9,7%, seguita da Cartoonito e da Canale 5.

    – di Francesco Silato

    • Agora

    Allarme rosso fra i produttori tv per la fiction #Mediaset: ritardi e incertezze sulle commese

    Anche perché ora il bailamme politico ha riportato al centro delle preoccupazioni anche la Rai. ... Sempre relativamente al 2014 Rai e Mediaset hanno investito rispettivamente 182 milioni e 110 milioni di euro in fiction compresa però la quota Taodue che è all'interno di Mediaset e quindi non indipendente. Insomma risorse non trascurabili per il settore che vede, appunto, in Rai e Mediaset i principali committenti.

    – Andrea Biondi

    • News24

    Quella parte di cinema chiamata Zalone

    Il cinema in sala si consola: i dati Cinetel relativi al 2016 vedono un aumento del 6% delle presenze e del 3,8% degli incassi. Si consola anche il cinema italiano: la sua quota di mercato sale al 28,7% rispetto al 21,3% del 2015. Ma è una consolazione, non un segnale netto di crescita. Per due

    – di Marco Mele

    • NovaCento

    Intrattenimento e robotica, nei cavalli di battaglia di Gigi Proietti

    Gigi Proietti è uno dei più noti showmen italiani. Nato a Roma nel 1940, ha mosso i primi passi della carriera artistica a teatro, e nel corso degli anni si è cimentato anche con il cinema, con lo spettacolo dal vivo, con la televisione, con la musica. Oltre ad essere uno degli ultimi esponenti della grande tradizione popolare romana, Proietti ha interpretato alcuni personaggi entrati nell'immaginario collettivo di almeno due generazioni. Soltanto per fare due nomi: Mandrake e Toto. In questo ...

    – Gabriele Caramellino

    • News24

    Chi è Antonio Tajani, il nuovo presidente dell'Europarlamento

    Il Parlamento europeo parla italiano. Antonio Tajani è il nuovo presidente dell'Europarlamento. La vittoria di Tajani è arrivata ieri sera, al quarto scrutinio, che lo ha visto prevalere nel ballottaggio: ha preso 351 voti contro i 282 del candidato socialista Gianni Pittella. Quando il Ppe lo ha

    – di Nicoletta Cottone

    • News24

    M5S, consensi al top ma movimento nel caos

    La vittoria del No al referendum costituzionale sulle riforme, che ha portato l'ex premier Matteo Renzi alle dimissioni, poteva essere il volano per il Movimento Cinque Stelle, la forza anti-sistema che ormai è il primo partito italiano, secondo l'ultimo sondaggio realizzato da Nando Pagnoncelli

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Calenda: voucher strumento «abusato» ma non da eliminare

    «Io penso che Renzi possa cambiare e lo farà. Renzi ha delle caratteristiche di leadership non comuni e noi ne abbiamo bisogno». Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, partecipando a Faccia a faccia, trasmissione della domenica sera de La7, condotta da Gianni Minoli, ha spiegato che

1-10 di 7995 risultati