Ultime notizie:

Primo Levi

    • News24

    Sommerso dalla zona grigia

    Brandelli di un diario scritto soltanto ora. Conobbi Falcone un pomeriggio d'autunno del 1979 in una stanzina che gli faceva da ufficio al pianterreno del Palazzo di Giustizia di Palermo, intimidente e avvelenato da sempre. Sostituto procuratore per 15 anni a Trapani, era arrivato alla fine

    – di Corrado Stajano

    • News24

    Sommerso dalla zona grigia

    Brandelli di un diario scritto soltanto ora. Conobbi Falcone un pomeriggio d'autunno del 1979 in una stanzina che gli faceva da ufficio al pianterreno del Palazzo di Giustizia di Palermo, intimidente e avvelenato da sempre. Sostituto procuratore per 15 anni a Trapani, era arrivato alla fine

    – Corrado Stajano

    • NovaCento

    UN ARBRE MAGIQUE AD HOC!

    L'arbre magique di oggi è offerto (a sua insaputa) da Emiliano Pagani. Il sottoscritto lo dedica, in memoria della Liberazione dal nazifascismo e dai crimini della dittatura, spesso ignorati o sottovalutati dai pischelli nativi di Internet dal cervello spappolato, a tutti i noefascisti odierni, più o meno zen. A quelli che ripetono a nastro, per mantenere in freezer i neuroni, che la Destra e la Sinistra non sono più delle categorie in grado di interpretare il presente. Poi, magari, coltivano ...

    – Luca Boschi

    • News24

    Mattarella: «Lager sbocco di una ideologia basata sulla sopraffazione»

    «Il lager: incarnazione, metafora e sbocco inevitabile di un'ideologia che aveva fatto della sopraffazione, della discriminazione, dell'oppressione e della guerra la sua stessa ragion d'essere». Queste la parole presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Teatro Comunale di Carpi, in occasione

    • News24

    La Milano del futuro passa attraverso le imprese

    Gershwin e Jannacci. O se vogliamo, il mondo e la città. Le note di Enrico Intra sono solo uno dei tanti ingredienti su cui Assolombarda ha puntato per mettere a sintesi il lavoro di questi anni, dedicato in via prioritaria proprio all'individuazione di una rotta per la Milano del futuro, un

    – di Luca Orlando

    • NovaCento

    Primo Levi, il lavoro ben fatto e le domande di Tiziano

    Caro Diario, questa storia qui comincia con questo messaggio in chat di Tiziano Arrigoni: «Buonasera Vincenzo, stavo leggendo ai ragazzi l'intervista di Primo Levi a Philip Roth del 1986, un passo che non ricordavo mi ha colpito e te lo passo nel caso tu non lo conoscessi perché pone problemi complessi sul lavoro ben fatto, anche se in casi estremi: "Ad Auschwitz ho notato spesso un fenomeno curioso: il bisogno del lavoro ben fatto è talmente radicato da spingere a far bene anche il lavoro impos...

    – Vincenzo Moretti

    • News24

    Gli sci di Primo Levi

    «Era il 13 dicembre 1943. Ricordo Primo Levi, insieme a Luciana Nissim e a Vanda Maestro (che non doveva tornare da Auschwitz), ammanettati, nella piazza di Brusson; i fascisti che brandivano moschetti e fiaschi di vino ostentavano i prigionieri come un trofeo di caccia. Non si poté fare nulla per

    – di Domenico Scarpa

    • News24

    Gli sci di Primo Levi. Una storia mai raccontata

    Una storia mai raccontata prima di oggi, in esclusiva per i lettori della Domenica del Sole 24 Ore in edicola il 2 aprile. A trent'anni dalla scomparsa di Primo Levi, la Domenica racconta le avventurose vicende - con un finale del tutto imprevedibile - degli sci dell'autore di Se questo è un uomo,

    – di Redazione Domenica

1-10 di 207 risultati