Persone

Pippo Baudo

Pippo Baudo è un conduttore televisivo italiano. È uno dei volti più noti del piccolo schermo insieme a Mike Bongiorno, Corrado e Raimondo Vianello.

Pippo Baudo si è diplomato al liceo classico e ha intrapreso la carriera dello spettacolo, mentre stava ancora studiando giurisprudenza all'Università degli Studi di Catania. Alla fine degli anni ’50 è entrato come pianista e cantante nell'Orchestra Moonlight, con la quale ha anche esordito in tv nel 1959 nel varietà La conchiglia d'Oro, condotto da Enzo Tortora. Agli inizi degli anni '60 Pippo Baudo è passato alla conduzione televisiva in Rai e nel 1966 è salito al successo grazie a Settevoci. Tra le varie trasmissioni che ha presentato: Domenica in, Canzonissima, Senza rete (edizione 1974), Fantastico, Secondo voi, Papaveri e papere e Mille lire al mese. Dopo due parentesi di qualche anno in Mediaset, Pippo Baudo è tornato in Rai, dove nel 2002 ha presentato per la prima volta il Festival di Sanremo. Dopo 5 anni di conduzione interrotta ha lasciato il timone di Domenica In a Lorella Cuccarini e dal 2010 è tornato a Novecento, trasmesso su Rai 3.
E' stato anche un bravo talent scout del mondo dello spettacolo, scoprendo tra gli altri i seguenti artisti: Beppe Grillo, Heather Parisi, Lorella Cuccarini, Laura Pausini, Andrea Bocelli e Giorgia.
Dal 28 aprile 2014 ricopre il ruolo di giurato a Si può fare!, talent show condotto da Carlo Conti, affiancato nello stesso ruolo da Amanda Lear e Yuri Chechi.

Pippo Baudo ha due figli: Alessandro, riconosciuto dopo una breve vicenda legale ed avuto da Mirella Adinolfi e Tiziana, oggi sua segretaria e assistente, nata dal matrimonio con Angela Lippi. Dopo aver avuto una relazione di sette anni con Alida Chelli ed una più breve con Adriana Russo, si sposa in seconde nozze il 18 gennaio 1986 con la cantante lirica italiana Katia Ricciarelli, dalla quale si separerà nel 2004.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Pippo Baudo
    • News24

    Jovanotti Spa: 50 anni del dj che si fece brand (diversificando)

    Farà in tempo a partecipare alla penultima edizione del «Fantastico» di Pippo Baudo (è l'autunno del '90), prima che la prima fase della sua parabola entri in crisi con l'album «Giovani Jovanotti».

    – di Francesco Prisco

    • NovaCento

    FORBICI RENZIANE ALLA RAI (e io pago!!!)

    La nostra amica (e, modestamente, un tempo, anche discente, come dire?) Francesca Fornario, si è esposta, anche rischiando, dato il clima di oscurantismo vigente in Rai dopo lo scempio che nei palinsesti sta perpetrando Matteo Renzi tramite i suoi luogotenenti: tagliando voci critiche e scomode per il Rignanese e il referendum che lo stangherà, auspicabilmente, con il suo inatteso risultato, frutto del disprezzo che la maggioranza degli italiani sta nutrendo verso di lui e il suo gruppo di ami...

    – Luca Boschi

    • News24

    Super Pippo Baudo, il presentatore tv ha 80 anni

    Pippo Baudo, all'anagrafe Giuseppe Raimondo Vittorio Baudo, compie oggi 80 anni. Ha raccontato di essersi innamorato dello spettacolo a sette anni, da quando nella sua Militello cominciò a seguire il varietà. Da allora ha attraversato tutto lo spettro possibile dello spettacolo facendo teatro,

    – di S.Bio.

    • Agora

    Cosa nostra e 'ndrangheta/ Riservati o invisibili: la cupola è "cosa loro". Ed è in gran fibrillazione

    Da tempo - da anni - la cupola invisibile di Cosa nostra e 'ndrangheta (quella per intenderci che va oltre i dannati capi militari o tenutari conclamati delle sacre regole mafiose come, che so, Riina, Provenzano, Messina Denaro, don Mico Oppedisano) è agitata dalle indagini. No, non da quelle già svelate ma da quelle in corse delle quali - chissà come mai e vi prego di intendere la mia come una riflessione retorica - è sempre informata o tenta disperatamente di informarsi e, di conseguenza, met...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Rete di Matteo Messina Denaro/8 Il senso per gli affari del boss: dai lingotti d'oro a "Castelvetrano due"

    Amati lettori di questo umile e umido blog, da due settimane mi sto occupando dell'interrogazione presentata il 2 febbraio dal senatore Beppe Lumia (Pd) al ministro dell'Interno Angelino Alfano sulla rete di protezione che garantisce da (appena) 22 anni la latitanza del boss Matteo Messina Denaro. Il cuore dell'interrogazione è la richiesta al ministro di acquisire gli elenchi dei massoni trapanesi (e non solo) perché - come del resto emerge dalle indagini della Procura di Palermo ed è già emer...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Super Cosa nostra e Cosa nuova: le indagini sulle mafie in Sicilia e Calabria, all'epoca di "riservati" e "invisibili"

    Nelle udienze relative al processo Archi-Astrea tenute a Reggio Calabria il 31 gennaio e il 14 febbraio 2013, il collaboratore di giustizia reggino Antonino Fiume, incalzato dalle domande della pubblica accusa, ad un certo punto sbottò: «Era Giuseppe (De Stefano, ndr) che diceva, sempre utilizzava... "Questo 'ndi l'amu a tiniri 'mmucciatu": cioè, "Questo dobbiamo cercare sempre di tenerlo più... più... meno in vista possibile", perché la forza di alcune persone della 'ndrangheta sta proprio in q...

    – Roberto Galullo

1-10 di 149 risultati