Aziende

Pioneer

Multinazionale giapponese specializzata nella realizzazione e vendita di prodotti di intrattenimento elettronico e digitale, Pioneer è stata fondata a Tokyo nel 1938 da Nozomu Matsumoto, come negozio per riparazione e vendita di radio e apparecchi acustici. Attualmente specializzata nella produzione di televisioni (attività cessata però proprio nel 2010 per dedicarsi a settori di business più strategici), lettori e registratori dvd e blu-ray, sistemi di navigazione per auto, sistemi car audio e apparecchiature elettroniche professionali per la musica, Pioneer si avvale della collaborazione di circa 40mila dipendenti.

La crescita economica e industriale della Pioneer è iniziata nel 1962, quando l’azienda ha realizzato il primo amplificatore stereo con componenti separati che ha conquistato il mercato mondiale dell’intrattenimento. Grazie a questo successo, all’inizio degli anni settanta, Pioneer ha aperto le sue prime filiali in Europa e negli Stati Uniti. Nel 1975 l’azienda giapponese ha lanciato il primo esempio mondiale di stereo per automobile, mentre l’anno dopo si è quotata sul listino di Wall Street (l’entrata alla borsa di Tokyo era invece avvenuta nel 1961). Nel 1982 Pioneer ha quindi per prima introdotto sul mercato i lettori di compact disc per uso domestico, mentre due anni dopo ha prodotto il primo apparecchio cd per automobile. Sempre al mercato dell’auto è rivolto il successivo grande successo realizzato dalla società giapponese: si tratta del primo sistema di navigazione Gps che viene messo sul mercato nel 1990. Sette anni dopo è la volta del navigatore satellitare funzionante con supporto dvd: l’anno prima, nel 1996, la stessa Pioneer aveva introdotto il primo lettore dvd domestico, compatibile anche con il sistema di lettura per cd.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Pioneer
    • News24

    Fondi comuni, in tre mesi hanno raccolto 28,4 miliardi di euro

    Il gruppo Generali mantiene il primo posto in classifica per masse gestite, con un patrimonio e 470,4 miliardi, seguito da Intesa Sanpaolo, con 384,3 miliardi, e da Pioneer Investments, con un portafoglio di 143,9 miliardi.

    – di Marzia Redaelli

    • News24

    Cdp-Poste, doppio asse su risparmio e pagamenti

    Le attività del risparmio intorno a Cassa Depositi e Anima, i pagamenti elettronici intorno a Poste e Sia. E'?un doppio riassetto quello che si profila tra Cdp e Poste su due dei segmenti più profittevoli del mondo bancario, l'asset management e i servizi digitali.

    – di Marco Ferrando e Laura Serafini

    • News24

    Solo l'assetto migliore può far bene al sistema

    Finché Mario Draghi terrà i tassi così bassi per le banche ci sarà poco da guadagnare con la loro attività tipica: ricevere e prestare denaro. Non a caso non accenna a fermarsi la corsa degli istituti alle commissioni e all'attività che ne genera la maggior parte, il risparmio gestito, ma anche

    – di Marco Ferrando

    • News24

    Mustier: «UniCredit, oltre alla cedola per i soci una crescita duratura»

    Per quanto riguarda il capitale, preferiamo essere assolutamente conservativi e non a caso sfrutteremo gli 84 punti ai fini del Cet1 derivanti dalla cessione di Pioneer per coprirci in vista delle diverse novità regolamentari in arrivo negli anni a venire.

    – di Luca Davi e Marco Ferrando

    • News24

    Utile Unicredit a 1,8 miliardi, il titolo balza del 7%

    Il 12,8% annunciato oggi non tiene conto dell'impatto positivo di altri 84 punti base che sarà contabilizzato nel terzo trimestre derivante dalla chiusura della cessione Pioneer (formalizzata a inizio luglio), ma l'impatto sarà bilanciato dall'effetto negativo prodotto dalla revisione dei modelli interni richiesta dalla Bce in seguito proprio alla maxi-cessione di Fino e dall'introduzione dei principi contabili Ifrs9, che la banca intende effettuare a partire da gennaio 2018.

    • News24

    UniCredit sfiora i 2 miliardi di utile (+40%). Mustier: distribuiremo il 20% ai soci

    Unicredit sfiora i 2 miliardi di utile nella prima metà del 2017: 1,8 miliardi (+40,2% sul 2016), con un contributo di 945milioni da parte del secondo trimestre, superiore alle stime degli analisti che si fermavano a quota 676. Pertanto in Piazza Gae Aulenti, dopo aumento e cessioni, si torna a

    – di Marco Ferrando

    • News24

    Anima-Bpm, si stringe su Aletti

    Un recente report di Intermonte, basato sui multipli applicati da Amundi sul deal Pioneer, situava intorno a 630 milioni il valore di Aletti (510 per le masse, 124,5 per il prolungamento dell'accordo), ma a quanto pare la banca intenderebbe incassarne cash almeno 700.

1-10 di 797 risultati