Aziende

Pioneer

Multinazionale giapponese specializzata nella realizzazione e vendita di prodotti di intrattenimento elettronico e digitale, Pioneer è stata fondata a Tokyo nel 1938 da Nozomu Matsumoto, come negozio per riparazione e vendita di radio e apparecchi acustici. Attualmente specializzata nella produzione di televisioni (attività cessata però proprio nel 2010 per dedicarsi a settori di business più strategici), lettori e registratori dvd e blu-ray, sistemi di navigazione per auto, sistemi car audio e apparecchiature elettroniche professionali per la musica, Pioneer si avvale della collaborazione di circa 40mila dipendenti.

La crescita economica e industriale della Pioneer è iniziata nel 1962, quando l’azienda ha realizzato il primo amplificatore stereo con componenti separati che ha conquistato il mercato mondiale dell’intrattenimento. Grazie a questo successo, all’inizio degli anni settanta, Pioneer ha aperto le sue prime filiali in Europa e negli Stati Uniti. Nel 1975 l’azienda giapponese ha lanciato il primo esempio mondiale di stereo per automobile, mentre l’anno dopo si è quotata sul listino di Wall Street (l’entrata alla borsa di Tokyo era invece avvenuta nel 1961). Nel 1982 Pioneer ha quindi per prima introdotto sul mercato i lettori di compact disc per uso domestico, mentre due anni dopo ha prodotto il primo apparecchio cd per automobile. Sempre al mercato dell’auto è rivolto il successivo grande successo realizzato dalla società giapponese: si tratta del primo sistema di navigazione Gps che viene messo sul mercato nel 1990. Sette anni dopo è la volta del navigatore satellitare funzionante con supporto dvd: l’anno prima, nel 1996, la stessa Pioneer aveva introdotto il primo lettore dvd domestico, compatibile anche con il sistema di lettura per cd.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Pioneer
    • News24

    Schiarita sulle Borse, Unicredit spinge Milano. Spread cala a 246 pb

    La variazione dell'utile è di +4,1% rispetto all'utile del primo semestre 2017 rettificato, che esclude l'impatto della cessione di Pekao e il risultato netto di Pekao e Pioneer (rispettivamente -310 milioni e +121 milioni rispettivamente).

    – di Cheo Condina

    • News24

    Petrolio, Trump chiede ai sauditi di pompare 2 milioni di barili in più

    Arabia Saudita, Russia e Stati Uniti. I tre giganti del petrolio - responsabili di un terzo della produzione mondiale - hanno già iniziato a inondare i mercati di barili extra, con uno sforzo almeno in parte coordinato che potrebbe anche non raffreddare i prezzi del greggio, viste le infinite

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Da Dolce&Gabbana un inno all'indipendenza creativa

    Capita a tutti di aprire scatole di vecchie foto o di sfogliare album di ricordi e di sorridere davanti a nostre immagini del passato, magari ripensando agli atteggiamenti di quando eravamo bambini, adolescenti, giovani adulti o persone avviate verso la maturità. Ai Millennial prima o poi succederà

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Shale oil vicino alla crescita zero, ma dall'Opec dovrebbe arrivare più petrolio

    VIENNA - La produzione di petrolio negli Stati Uniti sta frenando e nell'area di Permian, che ha trainato finora la corsa dello shale oil, la crescita fra 3-4 mesi si fermerà del tutto, perché sarà raggiunto il limite di portata degli oleodotti: un problema che potrebbe spingere il prezzo del

    – dalla nostra inviata Sissi Bellomo

    • News24

    Doppia sfida per il petrolio Usa, tra attacchi all'Opec e dazi cinesi

    Sembra quasi un ordine di scuderia. Uno dopo l'altro i protagonisti dello shale oil americano stanno cancellando la partecipazione all'Opec Seminar, il convegno biennale sul petrolio che oggi e domani a Vienna, alla vigilia del vertice dell'Organizzazione, metterà a confronto personalità del

    – di Sissi Bellomo

    • Econopoly

    Banche, energia, telecomunicazioni: facciamo il punto sull'avanzata francese en Italie

    L'autore di questo post è Francesco Mercadante, analista del linguaggio e analista economico-finanziario. E' stato consulente del Garante dei Diritti dei Detenuti della Regione Sicilia e docente di Analisi dei Testi presso l'Università degli Studi di Palermo. E' autore di saggi su Linguaggio ed Economia - Leggendo i dati elaborati da ISTAT e Cerved circa il clima di fiducia delle imprese, la competitività, l'occupazione e, soprattutto, i fallimenti e le liquidazioni volontarie dell'ultimo anno, p...

    – Econopoly

    • News24

    Libretti, Buoni fruttiferi e conti correnti. Chi guadagna in Posta?

    Trentaquattro milioni di clienti e 12.800 uffici distribuiti sull'intero territorio nazionale. E' la più grande macchina di raccolta del risparmio italiano. Stiamo parlando del gruppo Poste Italiane e del suo braccio finanziario BancoPosta. In modo diretto o indiretto tutti gli italiani hanno avuto

    – di redazione Plus24

    • News24

    I mille volti della Cdp / Il terzo polo del risparmio (ancora nei cassetti)

    A fare da detonatore è stata la mancata acquisizione di Pioneer che il ceo di UniCredit, Jean-Pierre Mustier, ha scelto di cedere ai francesi di Amundi rigettando l'offerta presentata da Cdp, Poste e Anima. Così, con il passaggio nelle mani del colosso transalpino della branch del risparmio gestito

    • News24

    Fondi comuni, se le commissioni abbattono il rendimento

    Quante volte come investitori vi siete sentiti dire che in finanza non esistono pasti gratis? Soprattutto negli ultimi anni, con i tassi di interesse ridotti ai minimi termini e con la necessità di prendere dei rischi per portarsi a casa un po' di rendimento. Ma la proverbiale frase, coniata negli

    – di Gianfranco Ursino

1-10 di 833 risultati